Qualunque Infermiere ( tranne ovviamente i Lor signori comodamente seduti nelle poltrone) che abbia lavorato in un qualunque reparto di degenza sa benissimo che la stragrande maggioranza delle risposte alle chiamate del paziente, tramite dispositivo acustico di chiamate, C.d. campanello, si esauriscono in mere richieste di attività alberghiere. ( mi abbassi la tapparelle, mi dice che ore sono, mi abbassi lo schienale piuttosto che mi spegne il televisore ecc).

Tanto premesso, si discute se sia più congruo, ai fini di una corretta e qualitativa assistenza, che a rispondere sia un Infermiere o invece l’Operatore Socio Sanitario.

Si tratta di una discussione annosa alla quale ha già dato risposta la Suprema Corte di Cassazione appena che 35 anni fa

Infatti, la Suprema Corte di Cassazione già nel 1985 con sentenza. n. 1078, RG n. 9518/80, Cron. 2210 del 09 febbraio 1985) statuì che: “Non compete all’ infermiere, ma al personale subalterno, rispondere ai campanelli dell’unità del paziente, usare padelle e pappagalli per l’igiene del malato e riassettare il letto.

Potrei fermami qui, visto il riconosciuto potere di nomofilachia della Corte di Cassazione.

Ma vi è più. tra le competenze dell’ O.S.S (ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001) testuale si legge: L’ OSS è “l’operatore che, a seguito dell’attestato di qualifica conseguito al termine di specifica formazione professionale, svolge attività indirizzata a soddisfare i bisogni primari della persona, nell’ ambito delle proprie aree di competenza, in un contesto sia sociale che sanitario;

Tra le competenze tecniche ad litteram leges :

“Sa osservare, riconoscere e riferire alcuni dei più comuni sintomi di allarme che l’utente può presentare (pallore, sudorazione ecc.); attuare interventi di primo soccorso;

L’aver usato il legislatore la succitata locuzione indica che lo stesso operatore è in grado di richiedere l’intervento dell’Infermiere quando necessario, l’infermiere a sua volta potrà decidere se chiamare il medico se lo ritenesse opportuno.

La convinzione, da taluni rimarcata, secondo cui a rispondere ai campanelli dovrebbe essere l’infermiere, sostenendo il principio che “non si può sapere a priori le problematiche del paziente”, trova il limite logico che, se così fosse, ad ogni chiamate dovrebbero rispondere contemporaneamente medico ed Infermiere e questa condizione sarebbe a dir poco assurda oltre che depauperante per l’assistenza stessa, basti pensare ad un infermiere che deve continuamente interrompere la somministrazione della terapia per rispondere continuamente ai campanelli e ai rischi di malpractice che tale condizione esporrebbe.

Pertanto, lasciamo che gli Infermieri si occupino di pianificare, gestire e valutare l’assistenza, come previsto dal profilo professionale avvalendosi dell’opera preziosa del personale di supporto OSS.

Con buona pace di qualche anacronistica docente …

Matteo Incarviglia

Segretario ADI

Redazione NurseNews. Eu

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Facciamo chiarezza:l'infermiere non è il responsabile delle attività svolte dell'operatore socio sanitario.

            L'infermiere non è il responsabile delle attività svolte dell'operatore socio sanitario in quanto anche su quest'ultimo grava la posizione di ...

Continua a leggere

Uil Messina: non competono all'infermiere le mansioni igienico domestiche alberghiere e l'ospedale Pappardo soccombe in tribunale.

            Ennesima vittoria per demansionamento dopo anni di sfruttamento da parte delle aziende sanitarie Italiane.Ribellarsi allo sfruttamento per la tutela e ...

Continua a leggere

Lettera aperta di un’infemiera in attesa della mobilità.

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di un’infermiera agrigentina che ha dovuto lasciare la Sicilia per entrare nella sanità pubblica come ...

Continua a leggere

Covid, nuova variante Xe 10% più contagiosa di Omicron 2

Covid, nuova variante Xe 10% più contagiosa di Omicron 2

Covid, nuova variante Xe 10% più contagiosa di Omicron 2 Una nuova variante del Covid-19 chiamata "Xe", frutto della ricombinazione tra ...

Continua a leggere

Ambulanza contro auto sulla S.s 626 Caltanissetta-Gela, 3 morti

  Tre le vittime nello scontro tra un’auto e un’ambulanza sulla Ss626 Caltanissetta-Gela. Oltre al conducente del mezzo di soccorso e al ...

Continua a leggere

INFERMIERI, MEDICI E OPERATORI SANITARI MORTI PER COVID-19 RICONOSCIUTI VITTIME DEL DOVERE.

INFERMIERI, MEDICI E OPERATORI SANITARI MORTI PER COVID-19 RICONOSCIUTI VITTIME DEL DOVERE.

          Collocamento obbligatorio per le vittime del covid-19 e loro familiari Estese le norme del collocamento in favore delle vittime del terrorismo ...

Continua a leggere

Morire di lavoro | Il Caffè di Massimo Gramellini

              Sono stanca morta, scriveva al fidanzato l’infermiera appena smontata dal secondo turno di notte consecutivo (dieci ore e dieci pazienti ...

Continua a leggere

No ai ristori per le famiglie dei medici e del personale sanitario morti di Covid: CIMO-FESMED lancia una petizione online e scrive a Mattarella.

“Delle sole parole non sappiamo più cosa farne”, dice Guido Quici, presidente del sindacato medico. Medici e personale sanitario deceduti per ...

Continua a leggere

Ospedale Cannizzaro:al via l’iter per nuove assunzioni. Approvata la dotazione organica.

            L'annuncio arriva direttamente dal direttore Generale Salvatore Giuffrida e il Via libera della Regione. Si prevedono assunzioni per operatori socio-sanitari ...

Continua a leggere

“Il demansionamento mortifica l’infermiere e crea un danno alla dignità professionale irreparabile”.Lo afferma ancora una volta la Suprema Corte di Cassazione sesta sezione civile (sentenza n. 00359-22)

Il demansionamento mortifica l’infermiere e crea un danno alla dignità professionale irreparabile.Lo afferma ancora una volta la Suprema Corte di Cassazione sesta sezione civile (sentenza n. 00359-22)

          Dopo qualche anno è arrivata l' ennesima sentenza della Corte Suprema di Cassazione, sesta sezione civile (sentenza n. 00359-22) in ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione