L’arresto cardio-circolatorio rappresenta una delle emergenze mediche più drammatiche che possano capitare ad un operatore sanitario durante il proprio turno di servizio, sia in ospedale che nel territorio. In Ospedale, a seconda dei dati disponibili, l’incidenza degli arresto cardio-circolatorio varia da 3,3/1000 ricoveri/anno (Stati Uniti) a 1,5/1000 ricoveri/anno (Svezia).

I ritmi di presentazione dell’arresto cardiaco intraospedaliero nell’ 80% dei casi, sono ritmi non defibrillabili come l’asistolia e l’attività elettrica senza polso che sono strettamente correlati ad una elevata comorbilità e quindi, ad una prognosi peggiore. Contrariamente a quanto uno si aspetta gli arresti cardiocircolatori intraospedalieri si verificano più frequentemente nei reparti non intensivi, medici in primis e poi nei reparti chirurgici. Gli arresti cardio-circolatori intraospedalieri differiscono da quelli extraospedalieri perché non sono mai improvvisi, anzi sono preceduti, da 24 a 48 ore prima, da segni e sintomi di peggioramento clinico. Esso, per l’operatore sanitario che turna, rappresenta un evento tanto raro quanto drammatico ed è un evento che richiede il massimo della performance, della tempestività, dei farmaci e dei device corretti. E’ necessario quindi acquisire le capacità cognitive e manuali necessarie ad affrontare l’arresto cardiocircolatorio “in tempi di pace” e lo strumento appropriato è rappresentato dalla formazione continua (training e re-training) partecipando a corsi conformi alle Linee Guida internazionali che utilizzano la macro simulazione. L’infermiere può, in casi di emergenza ed urgenza, fare riferimento ai sistemi di emergenza intraospedalieri. Un contributo fondamentale in tal senso è stata la 1st International Conference on Medical Emergency Team Responses tenutasi a Pittsburgh nel 2005 con la partecipazione di esperti provenienti da tutte le parte del mondo, nella quale sono stati rivisitati i modelli organizzativi sviluppati in differenti realtà locali di diversi paesi ed è stato sistematizzato e proposto il modello del Rapid Response System (RRS) quale approccio razionale ed universale alle emergenze intraospedaliere. Il modello Rapid Response System è caratterizzato da un “braccio afferente” in grado di intercettare l’evento avverso acuto e attivare una risposta basata su criteri predefiniti e da un “braccio efferente” composto da personale altamente qualificato per la risposta all’emergenza e alle cure intensive (Medical Emergency Team: MET) e dalla disponibilità di un adeguato sistema di raccolta dati.

Il “braccio afferente” è responsabile del riconoscimento e dell’attivazione della risposta all’emergenza ed è costituito dal personale sanitario dei reparti di degenza. Il personale deve osservare e monitorare il paziente e i suoi parametri fisiologici fin dal momento del ricovero in ospedale, deve saper riconoscere precocemente il paziente critico attraverso l’osservazione periodica di segni vitali selezionati ed attivare rapidamente la risposta sulla base di criteri di allarme specifici e codificati in ogni ospedale (track and trigger). I criteri di attivazioni più comunemente utilizzati nelle diverse realtà si basano su parametri ed osservazioni riconducibili a due principali modalità:

Sistemi di allerta del team d’emergenza (METalarm o METal) in presenza di una significativa alterazione di uno o più parametri considerati, in cui vengono individuati criteri rossi (come arresto cardiocircolatorio o arresto respiratorio) o criteri gialli (come improvvisa desaturazione, cianosi diffusa, imponente emorragia da una ferita chirurgia o una frequenza respiratoria superiore ai 36 atti per minuto). In presenza di un criterio rosso o di due criteri gialli viene effettuata la chiamata al Team;
Sistemi a punteggio aggregato (Early Warning Signals, EWS), in cui viene assegnato un punteggio all’alterazione di ogni parametro considerato in relazione al grado di scostamento dai valori normali. Un esempio è il Modified Early Warning Score. Le anomalie fisiologiche più comuni sono i cambiamenti dei segni vitali di base quali respirazione, polso, pressione arteriosa, temperatura, ossigenazione e funzione mentale e parametri aggiuntivi come il dolore, la diuresi o la glicemia.
In seguito alla valutazione del paziente e alla presenza di requisiti che, secondo il sistema METal o il sistema MEWS, richiedono soccorso avanzato, si procede con la chiamata al Team d’emergenza. La chiamata può essere effettuata da un infermiere o da un medico, rispettando quelli che sono i criteri. La chiamata va svolta rapidamente, fornendo però alcune importanti informazioni:

Reparto, o l’area, in cui si sta verificando l’emergenza, con il livello e il nodo;
Il numero della camera;
Il motivo della chiamata, specificando i criteri che la hanno determinata;
Eventuali altre notizie importanti, per esempio se si tratta di un bambino (emergenza pediatrica), se sono presenti particolari fattori di rischio, ecc.
Nei pochi minuti che intercorrono tra la chiamata di allertamento e l’intervento del team della Rianimazione, vanno eseguite alcune operazioni che faciliteranno l’intervento di soccorso. Gli operatori di reparto devono provvedere alla sicurezza degli operatori, del paziente e dei visitatori. I visitatori vanno allontanati dalla scena. Vanno utilizzati i DPI (dispositivi di protezione individuali), il materiale contaminato va smaltito correttamente. Nel caso di situazioni particolari il MET va prontamente avvisato e in caso di patologie trasmissibili (ad esempio tubercolosi polmonare) vanno resi disponibili nel reparto d’intervento i presidi di protezione adeguati alla situazione. Nell’attesa, di fondamentale importanza è anche l’assistenza al paziente, fornita dall’operatore che ha eseguito le valutazioni, insieme al Medico di Reparto. Ipotizzando la presenza di due operatori di reparto, questi si divideranno i ruoli, uno entra a far parte come terzo componente del MET, che quindi sarà così composto:

1. Anestesista-rianimatore: è il Team- Leader, fornisce indicazione agli altri membri della squadra e provvede alla gestione delle vie aeree effettuando all’occorrenza l’intubazione orotracheale;

2. Infermiere di Rianimazione: supporta il medico nella gestione delle vie aeree, effettua eventualmente la defibrillazione e il massaggio cardiaco e si occupa della preparazione dei farmaci;

3. Infermiere di reparto: collabora con l’infermiere di rianimazione nel massaggio cardiaco esterno e nella somministrazione dei farmaci.

Concludendo, l’emergenza intraospedaliera resta una tematica che viene affrontata in modo ancora inadeguato, causando un insufficiente formazione dei dipendenti sanitari. A tal proposito, per sopperire a tale carenze tutti gli infermieri dovrebbero seguire un corso ILS (Immediate Life Supports), in quanto ogni reparto può trasformarsi in pochi secondi in un area critica, ove l’agire in modo tempestivo ma soprattutto in modo corretto aumenta le percentuali di esito positivo di un avvenimento avverso. Il Corso ILS è nato per gli operatori sanitari che, per usare termini attuali, dovrebbero costituire il cosiddetto braccio afferente dei sistemi di risposta rapida all’emergenza intraospedaliera. La durata di un solo giorno ed i contenuti del corso (focalizzati sugli aspetti più importanti della rianimazione cardiopolmonare, sulla prevenzione dell’arresto cardiaco e su protocolli standardizzati) permettono al Corso ILS di trovare una opportuna sintesi tra necessità di formazione per un ampio numero di operatori e costi organizzativi. A tale formazione bisogna però poi associare anche una documentazione valida che permetta di standardizzare gli atteggiamenti da assumere in circostanze simili. Importante è quindi la diffusione di un protocollo operativo condiviso da tutte le unità operative, attualmente ancora in disuso ma che potrebbe rappresentare un’occasione di svolta importante per il futuro. Ogni infermiere deve poter far riferimento ad un documento scritto che possa supportarlo ed orientarlo nel corretto agire, in modo da poter ottimizzare le azioni da eseguire in caso di emergenza.

Fonte
Linkedin.com

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
La classificazione del personale nel nuovo contratto del comparto Sanità.

La classificazione del personale nel nuovo contratto del comparto Sanità.

            Il nuovo contratto del comparto sanità prevede una classificazione del personale in cinque aree, che corrispondono a cinque differenti livelli di conoscenze, abilità e ...

Continua a leggere

Contratti: Sbarra (Cisl)- Petriccioli (Fp Cisl) Soddisfazione per l’intesa sul rinnovo CCNL sanità.

                Si consolida il processo di innovazione e modernizzazione della Pubblica Amministrazione Ufficio stampa Cisl, Roma, 15 giugno – “Comunichiamo con soddisfazione ...

Continua a leggere

Muore per un aneurisma al Pronto Soccorso dopo sette ore d'attesa in codice verde :chiesta la condanna dell’infermiere di triage.

              E' successo all'ospedale San Luigi di Orbassano, nel Torinese. Il pm chiede la condanna: "Una valutazione diversa avrebbe potuto salvarlo". Sarebbe ...

Continua a leggere

I Medici contro la Moratti e il patto di diamante con gli Infermieri.

                Prima di bollare le proposte come lesive dei diritti di una o dell'altra categoria (Medici ed Infermieri) in relazione alla ...

Continua a leggere

Continua la protesta della Fnomceo:no alla sostituzione dei Medici di base con gli infermieri.

            Dopo la delibera della regione Veneto sul super oss arriva in Lombardia il "super infermiere"che sostituirà il medico di medicina ...

Continua a leggere

Infermieri e Oss:Da sempre strumentali le contrapposizioni

Infermieri e Oss:Da sempre strumentali le contrapposizioni

              È INCREDIBILE come negli ultimi cinquant'anni siano state strumentalizzate e messe in contrapposizione,con il silenzio assenso di tutte le parti ...

Continua a leggere

Infermieri,paradossi legislativi:vincolo di esclusività e l'indennità negata.

            Il vincolo di esclusività è stato oggetto di disamina in materia collegiale professionale: la stessa Suprema Corte di Cassazione, Sez. ...

Continua a leggere

Anelli,Fnomceo:inconcepibile la sostituzione di medici con infermieri nelle cure primarie.

            Sulla sostituzione dei Medici con gli infermieri carenti nelle cure primarie scoppia la bufera. “È inconcepibile che si tenti di mettere ...

Continua a leggere

“Infermieri supplenti dei medici di famiglia”Moratti svolta in Lombardia.

                      Sperimentazione in alcune Asst introdotta per sopperire alla carenza di Mmg : “Mi auguro siano supplenze temporanee e brevi”. “Gli infermieri ...

Continua a leggere

L'ASL 2 di Roma stabilizza solo i dipendenti idonei e senza limitazioni ,escludendo gli infermieri con limitazione ai sensi di legge . Prontamente arriva la diffida dell' AADI.

                La diffida da parte dell’Associazione avvocatura degli infermieri: “Non esiste il giudizio di incondizionata d'idoneità” presente invece sulla delibera della Azienda ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione