contatti

 

 

 

 

 

 

Fake news sulla cisl:“Se gli infermieri non sono contenti dello stipendio cambino mestiere”.

La CISL Fp prende le distanze e rimuove prontamente l’autore del commento.

Non si è fatto attendere l’intervento del sindacato Cisl nei confronti di un “collaboratore” infiltrato che ha pubblicato il post su Facebook relativo agli stipendi degli infermieri.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

Esponente Patto denuncia situazione di oltre un migliaio di sanitari

“Abbiamo chiesto loro di lavorare in condizioni disperate per oltre un anno. Li abbiamo inneggiati, li abbiamo chiamati eroi, abbiamo dedicato loro post, feste, targhe, cerimonie, concerti. E ora che gran parte della popolazione può riprendere i normali ritmi quotidiani, andare in vacanza con la famiglia, prendere un caffè seduti dentro un bar, alcuni di loro non possono farlo”: così il consigliere regionale del Patto civico dell’Umbria Andrea Fora il quale fa riferimento a “circa trenta medici operativi presso la struttura ospedaliera di Perugia, che hanno fatto regolarmente la prima vaccinazione e successivamente hanno contratto il Covid a causa della variante ‘umbra’ causata da mutazioni della brasiliana e inglese, che è stata tracciata nei mesi di gennaio e febbraio 2021”.

Continua a leggere

 

 

 

 

Il trasporto  per il piccolo paziente ricoverato a Polistena è stato effettuato dalla polizia stradale.

Il siero antivipera messo a disposizione dal pronto soccorso dell’ospedale Cannizzaro di Catania ha assicurato la possibilità di curare prontamente un 12enne ricoverato nel reparto di Pediatria dell’ospedale di Polistena, in provincia di Reggio Calabria. La richiesta dell’antidoto è arrivata attraverso il 118, attivato per la ricerca presso varie strutture sanitarie in Sicilia. Il pronto soccorso generale dell’ospedale Cannizzaro di Catania , di cui è responsabile il dottor Antonio Di Mauro e il coordinatore infermieristico il dottor Ivan Valenti, hanno risposto velocemente alla richiesta di siero antivipera, di cui è fornito l’ospedale Catanese, in quanto talvolta deve essere somministrato a escursionisti morsi sull’Etna. La fornitura è assicurata dal servizio di farmacia, che reperisce l’antidoto sul mercato europeo. Il trasporto urgente per il piccolo paziente calabrese è stato effettuato dalla polizia stradale di Catania in staffetta con quella di Reggio Calabria, su richiesta della questura reggina.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

“Abbiamo affrontato problemi già presenti ma il Covid ha esasperato le contraddizioni”: è la sintesi con cui il segretario della CISL FP Catania Danilo Sottile ha riassunto gli ultimi mesi della federazione catanese, durante il suo intervento al Consiglio Generale.

Continua a leggere

 

 

 

Filtra verso le rappresentanze sindacali presenti al tavolo del CCNL per le Funzioni centrali (Ministeri, Agenzie, Enti pubblici non economici) una bozza dei requisiti previsti in un nuovo sistema di classificazione professionale del personale non dirigente del comparto. Sono lì enunciate le caratteristiche individuali che saranno utilizzate per collocare il personale in una delle quattro aree. Di queste, la prima ha acquisito col passare degli anni un carattere residuale, a motivo passaggi di massa  alle aree superiori che sono stati “spuntati” NON  con criteri selettivi e di merito, ma attraverso contrattazioni a livello decentrato nelle singole amministrazioni che hanno riguardato intere categorie di personale: a volte “in automatico”, se necessario attraverso prove ed esamini “interni”.

 

E’ altresì evidente, pur essendo impossibile generalizzare, che da 25 anni il sistema dei passaggi da un’area all’altra – in assenza quasi totale di turn-over esterno, cioè di reclutamenti tramite regolare procedura costituzionale del concorso pubblico aperto a tutti – é stato assolutamente prevalente, senza cura del requisito del titolo di studio; sono ora collocati nelle posizioni apicali persone non munite di diploma di laurea e a volte del solo titolo di scuola media inferiore (si vedano qui le rilevazioni a cura dell’ARAN, pag. 24 e 25).

Nell’inconfutabile ottica “storica” sopra accennata, il nuovo sistema di classificazione promette di riproporre invariate tali deleterie modalità.

Si nota altresì una pervicace gusto di occultare le regole/disposizioni/clausole con raffinati giochi di prestigio, invisibili a chi non sia addentro nelle problematiche “materiali” di applicazione dei codicilli. Chi esamina la bozza diffusa dall’ARAN al punto n. 4 troverà una regola scritta apparentemente innocua e sensata: “Lo sviluppo di carriera fra un’area e della immediatamente superiore é consentito, previa procedura selettiva, nel limite massimo del 50% dei posti disponibili.

ESTENSORE BIRICHINO DI REGOLE FONDAMENTALI DELLA REPUBBLICA!

Il passaggio fra aree così regolato premia in maniera eccessiva e sconsiderata solo il personale interno delle singole amministrazioni, danneggiando gli accessi di giovani dall’esterno e la qualità dei servizi della burocrazia italiana. Infatti:

a) la riserva dei posti del 50% per gli interni non ha nulla di meritocratico, visto che il passaggio fra le aree deve (dovrebbe) essere riservato solo alle eccellenze e/o ai migliori profili lavorativi interni e non essere una forma nascosta di progressione automatica di carriere;

b) lo “sviluppo di carriera” dall’interno è consentito senza alcun riferimento al titolo di studio enunciato invece nei capoversi precedenti per “l’accesso dall’esterno”. Capito il trucchetto? Chi partecipa al concorso pubblico esterno – peraltro sempre indefinito quanto ai tempi di attuazione  – deve essere munito di idoneo titolo di studio; chi concorre dall’interno NO!

Con questo piccolo codicillo, ampi settori di soggetti gestori della burocrazia del nostro Paese dimostrano di voler reiterare gli sconci del passato, tutelando solo  interessi corporativi e autoreferenziali e sacrificando i prevalenti interessi generali della collettività a servizi di qualità ai quali possano concorrere i migliori e più preparati giovani aspiranti.

Non date mai credito alle lacrime di coccodrillo dei tanti “esperti di settore” che lamentano la mancanza di “competenze”  nelle amministrazioni pubbliche.

Eticapa. It

 

 

 

 

 

 

 

Stanno per arrivare i primi soldoni Europei; tutti sperano in una prima boccata d’ossigeno per il nostro disastrato sistema salute, martoriato e svilito da una politica incompetente che ne ha fatto negli ultimi decenni il bancomat degli interessi finanziari più beceri e da una inattesa pandemia che ha scoperto le corde già tese del sistema.
In questo fosco quadro spicca la QUESTIONE INFERMIERISTICA, che nessuno ha mai voluto affrontare.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

 

Sulla questione del protocollo d’intesa stilato da Fnopi, Ministero della Salute e Conferenza Stato/Regioni interviene anche il sergetario generale della Fials Giuseppe Carbone

“E’ evidente che il contenuto del protocollo, rientrando nella sfera dell’organizzazione del lavoro, del trattamento normativo ed economico degli infermieri, rientra appieno nelle competenze esclusive della contrattazione tra parti datoriali, anche pubbliche, e parti sindacali. Stupisce che un ministro, che è responsabile, anche, di una forza politica che ha per la sigla l’articolo 1 della nostra Costituzione, dimentichi in questo atto chi rappresenta e tutela il lavoro. Invitiamo, pertanto, Governo e Regioni a ritirare tale protocollo e convocare subito un tavolo di confronto con le sigle firmatarie dei contratti della sanità per redigerne uno nuovo con migliori contenuti, maggiormente operativo dall’immediato e più rispettoso della dignità e autonomia di professionisti laureati”. vicenda il sindacato ha scritto una lettera al ministro della Salute Roberto Speranza, per chiarire la sua posizione in merito.

Continua a leggere

Potrebbe diventate realtà il vaccino anti-covid in pillole.

L’mmunologo americano Anthony Fauci dichiara “ci stiamo lavorando con Pfizer”.
L’esperto Americano continua: “non credo si possa eliminare il covid, ma possiamo controllarlo.
Dovremmo continuare a vaccinare con richiamo ogni anno o anno e mezzo.
Perché così possiamo interrompere la pandemia”.

Amato Angelo

Seguici su nursenews.eu

Ultime notizie
NurseNews.eu
Morena Teti studentessa in infermieristica a Miss Mondo.

Morena Teti studentessa in infermieristica a Miss Mondo.

                Conosciamo Morena Teti:  infermiera a Miss Mondo 2011 Non solo mascherine filtranti e divise. In questa breve intervista Morena ci racconta ...

Continua a leggere

DUMPING CONTRATTUALE: SANARE I BILANCI DELLA SANITÀ PAGANDO 4 EURO L’ORA. 

DUMPING CONTRATTUALE: SANARE I BILANCI DELLA SANITÀ PAGANDO 4 EURO L’ORA. 

            In Italia, anche nell’ambito della pubblica amministrazione, due lavoratori o persino lo stesso in periodi diversi possono percepire retribuzioni con ...

Continua a leggere

Anelli Fnomceo: G20 salute, “Bene l’accesso universale ai vaccini sancito dal Patto di Roma”

            “Forte apprezzamento e sostegno, da parte dei medici, per l’impegno, assunto con il Patto di Roma, dal G20 salute, di ...

Continua a leggere

Covid:In Gran Bretagna sconsigliati i vaccini fra i 12 e i 15 anni.

Covid:In Gran Bretagna sconsigliati i vaccini fra i 12 e i 15 anni.

            Gli esperti Londinesi non li raccomandano per ragazzi e bambini sani. Gli esperti del comitato medico-scientifico britannico indipendente che assiste il ...

Continua a leggere

Regione Veneto:il Consiglio di Stato boccia la proposta dei “super oss”, non sono equiparabili alla professione Infermieristica.

Regione Veneto:il Consiglio di Stato boccia la proposta dei “super oss”, non sono equiparabili alla professione Infermieristica.

              Confermata la decisione del Tar che a luglio aveva sospeso la tanto discussa delibera della Regione Veneto. “Il Consiglio di Stato ...

Continua a leggere

Oss:ora obbligo del diploma di maturità, non più disugualianze dei titoli di studio.

          In Italia sono più di 300.000 gli operatori con abilitazione OSS; con istanza in data 13 settembre 2019 le associazioni ...

Continua a leggere

Medici e infermieri facciamo chiarezza su come deve avvenire il rilascio della certificazione di un tampone rapido Sars Covid_19.

          La genuinità, la veridicità e la contestualità degli atti pubblici devono sempre rappresentare il “vero tempestivo” nella formazione di quanto realizzato ...

Continua a leggere

Negata autonomia agli infermieri sul territorio:nel frattempo la fnopi va in vacanza.

          Mentre la Fnopi va in vacanza, gli infermieri diventano figure ancillari dei medici. Nel documento approvato dalle regioni l’infermiere diventa figura ...

Continua a leggere

Il Governo regolamenta l'ingresso degli infermieri dall’Estero.Silenzio estivo della FNOPI. 

La regione Veneto attraverso l’Azienda Sanitaria Zero, in data 2/07 u.s. in applicazione dall’articolo 13 del DL 17 marzo 2020, ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione