UpkPfA5XLjhXz40nhr9oeplQKTCeaenwB081yR1W03A=--fausta_bonino L’indagine,il giornale d’italia.
Arrestata e poi liberata lei si è sempre difesa: ‘Mi sono sentita incastrata’
Morti sospette a Piombino anche dopo l’infermiere Bonino.

Strani decessi sarebbero avvenuti anche dopo l’allontanamento di Fausta Bonino, l’infermiera accusata della misteriosa morte di tredici pazienti avvenute nel reparto di rianimazione dell’ospedale Villamarina di Piombino.È quanto denunciano i difensori della donna spiegando di avere in mano 14 cartelle cliniche di degenti morti dopo che la Bonino non prestava più servizio in rianimazione.

I dati contenuti in quelle cartelle, è la tesi della difesa della donna come riporta ‘La Nazione’, mostrerebbero che le morti “sospette” sono proseguite anche dopo il mese di ottobre 2015, periodo in cui Fausata Bonino era stata trasferita di reparto. “Abbiamo chiesto oltre una decina di cartelle cliniche e abbiamo incaricato il nostro ematologo di analizzare questi nuovi casi – spiega al quotidiano Cesarina Barchini che difende Fausta Bonino – La loro analisi potrebbe confermare come in quel reparto non abbia agito alcun serial killer e che a maggior ragione la mia cliente è totalmente estranea a questa storia che resta comunque grave e tragica”.La donna, si ricorda, si è sempre difesa dalle accuse, ribadendo la sua estraneità ai fatti in una intervista televisiva al programma “Quarto Grado”. “Mi sono sentita incastrata dalle persone che mi dovevano difendere – ha detto – adesso verso queste persone provo rabbia, tanta rabbia”.Per gli inquirenti, al contrario, l’infermiera avrebbe somministrato dosi letali di eparina ai degenti del reparto di rianimazione, provocando la morte in almeno 13 pazienti tra il 2014 e il 2015 per scoagulazione del sangue. Ritenuta “pericolosa, anche per gli stessi familiari” era stato chiesto che la donna rimanesse in carcere.Arrestata la notte del 30 marzo all’areoporto di Pisa al rientro da un viaggio a Parigi dove abita il figlio è stata invece scarcerata lo scorso 20 aprile, in attesa di ulteriori sviluppi sulla vicenda: nuovi esami verranno infatti disposti sulle salme dei pazienti che non sono stati cremati. A deciderlo sono stati i giudici del Tribunale del Riesame, le cui motivazioni sono attese proprio per la prossima settimana. “Ero convinta di non uscire più dal carcere – ha detto ancora l’infermiera nell’intervista – Sapevo che c’era stato uno sbaglio nell’arrestarmi ma pensavo di non poter rimediare. Io penso addirittura che non sia stata fatta l’eparina a tante persone, non credo in un serial killer. Penso che si tratti di malasanità”. Stani decessi sarebbero avvenuti anche dopo l’allontanamento di Fausta Bonino, l’infermiera accusata della misteriosa morte di tredici pazienti avvenute nel reparto di rianimazione dell’ospedale Villamarina di Piombino.

È quanto denunciano i difensori della donna spiegando di avere in mano 14 cartelle cliniche di degenti morti dopo che la Bonino non prestava più servizio in rianimazione.

I dati contenuti in quelle cartelle, è la tesi della difesa della donna come riporta ‘La Nazione’, mostrerebbero che le morti “sospette” sono proseguite anche dopo il mese di ottobre 2015, periodo in cui Fausata Bonino era stata trasferita di reparto. “Abbiamo chiesto oltre una decina di cartelle cliniche e abbiamo incaricato il nostro ematologo di analizzare questi nuovi casi – spiega al quotidiano Cesarina Barchini che difende Fausta Bonino – La loro analisi potrebbe confermare come in quel reparto non abbia agito alcun serial killer e che a maggior ragione la mia cliente è totalmente estranea a questa storia che resta comunque grave e tragica”.

La donna, si ricorda, si è sempre difesa dalle accuse, ribadendo la sua estraneità ai fatti in una intervista televisiva al programma “Quarto Grado”. “Mi sono sentita incastrata dalle persone che mi dovevano difendere – ha detto – adesso verso queste persone provo rabbia, tanta rabbia”.Per gli inquirenti, al contrario, l’infermiera avrebbe somministrato dosi letali di eparina ai degenti del reparto di rianimazione, provocando la morte in almeno 13 pazienti tra il 2014 e il 2015 per scoagulazione del sangue. Ritenuta “pericolosa, anche per gli stessi familiari” era stato chiesto che la donna rimanesse in carcere.

Arrestata la notte del 30 marzo all’areoporto di Pisa al rientro da un viaggio a Parigi dove abita il figlio è stata invece scarcerata lo scorso 20 aprile, in attesa di ulteriori sviluppi sulla vicenda: nuovi esami verranno infatti disposti sulle salme dei pazienti che non sono stati cremati. A deciderlo sono stati i giudici del Tribunale del Riesame, le cui motivazioni sono attese proprio per la prossima settimana. “Ero convinta di non uscire più dal carcere – ha detto ancora l’infermiera nell’intervista – Sapevo che c’era stato uno sbaglio nell’arrestarmi ma pensavo di non poter rimediare. Io penso addirittura che non sia stata fatta l’eparina a tante persone, non credo in un serial killer. Penso che si tratti di malasanità”.

15/05/2016 – 08:47

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione