Stanno per arrivare i primi soldoni Europei; tutti sperano in una prima boccata d’ossigeno per il nostro disastrato sistema salute, martoriato e svilito da una politica incompetente che ne ha fatto negli ultimi decenni il bancomat degli interessi finanziari più beceri e da una inattesa pandemia che ha scoperto le corde già tese del sistema.
In questo fosco quadro spicca la QUESTIONE INFERMIERISTICA, che nessuno ha mai voluto affrontare.

Continua a leggere


Delibera OSS Veneto: il Tar la sospende. L’udienza di merito fissata al 15 dicembre
08/07/2021

A ricorrere contro la delibera la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) e e il Coordinamento degli ordini delle professioni infermieristiche della Regione, con numerosi OPI italiani ad adiuvandum e anche il MIgep,, la federazione delle professioni sanitarie e sociosanitarie che rappresenta gli stessi Oss.

I giudici nell’ordinanza di sospensione (la trattazione di merito del ricorso avverrà nell’udienza pubblica del 15 dicembre 2021), hanno “rilevato che sussistono i presupposti per la concessione della chiesta misura cautelare; considerato, invero, da un lato, che le censure di parte ricorrente, per quanto sia necessario un puntuale approfondimento nell’appropriata sede di merito, anche in considerazione dell’estrema delicatezza della questione oggetto di giudizio, paiono presentare, ad un esame sommario, profili meritevoli di favorevole considerazione e, dall’altro, che appare comunque opportuno mantenere la res adhuc integra nelle more della decisione nel merito”.

A intervenire ponendo dubbi sulla validità della delibera sono stati anche con interrogazioni specifiche numerosi esponenti politici veneti e la critica è giunta per bocca del sottosegretario Pierpaolo Sileri anche dal ministero della Salute.

L’ORDINANZA DEL TAR VENETO

Fnopi

 

 

 

 

 

 

Quante volte noi infermieri ci siamo sentiti dire dai medici, nel pieno delle nostre attività assistenziali, di coadiuvarli nelle procedure prettamente mediche, come ad esempio nella preparazione del materiale, dell’ambiente, ove, in realtà, non è richiesta l’intellettualità della professione infermieristica?

Infatti con il concetto di assistenza infermieristica intendiamo quell’attività relativa all’assistenza sanitaria rivolta all’individuo, alla comunità o alla popolazione, sia che siano soggetti sani o malati, al fine di recuperare uno stato di salute ottimale e migliorare sempre più il proprio stato di salute.
Essa è pianificata, operata, diretta e valutata da un professionista sanitario: l’Infermiere, il quale oggi ne è responsabile unico.

Nel corso della vostra carriera lavorativa, vi sarà capitato  di assistere all’esecuzione di esami medici nelle corsie ospedaliere, dove l’infermiere, da vero e proprio mero esecutore, prepara il materiale e l’ambiente, ed il medico esegue la procedura, “invitando” l’infermiere, una volta terminata la procedura, di smaltire il materiale utilizzato e riordinare tutti i presidi rimasti inutilizzati.

In Molti libri di testo, legati ad un vecchio retaggio storico-culturale che ha avvolto la professione nell’immaginario collettivo nei secoli scorsi, così come molte linee guida aziendali stilate ad hoc da medici che confondono per ignoranza o per dolo la figura dell’infermiere generico (oggi oss) con l’ex infermiere professionale, oggi laureato e che sottolineano l’importanza, da parte dell’infermiere laureato, di assistere il medico durante manovre  di loro esclusiva competenza. Niente di più sbagliato, poiché il compito dell’infermiere laureato è assistere il paziente nella sua complessità gestionale e non il medico.

Convergendo verso lo specifico, in alcuni esami diagnostico – terapeutici ad elevata complessità clinica, la figura infermieristica è fondamentale affinchè tutto l’iter del processo di cura raggiunga l’obiettivo finale. L’assistenza infermieristica, come già citato in precedenza, è centrata sul benessere del paziente e di conseguenza il ruolo infermieristico, durante le procedure mediche, è fondato sul mantenimento e sulle risposte in merito ai bisogni clinico – assistenziali dell’utente, come ad esempio, il corretto posizionamento, il monitoraggio emodinamico, la rilevazione dei segni e dei sintomi e quindi dello stato di salute, la somministrazione dei farmaci, il riconoscimento di eventuali situazioni avverse prevenendo quelle condizioni che possano portare ad un exitus dell’utente stesso.

Invece, in questi contesti alcune volte assistiamo ad un travisamento della professione infermieristica, che si limita a fornire un’assistenza superficiale e minima all’utente bisognoso di cure, trascurando l’ottimizzazione della stessa, ottenibile tramite l’attuazione del processo di nursing, per poi concentrarsi su tutto ciò che il medico possa richiedere in quel preciso istante, attraverso attività alementari proprie di altri operatori meno qualificati.

Ricordiamo che spesso tali richieste, ledono l’immagine del professionista infermiere, sottoponendolo allo svolgimento di attività meramente esecutive, elementari come (fornire le garze, i cerotti, smaltire il materiale utilizzato, ecc… tutte competenze tipiche del personale ausiliario di supporto) provocando una forte messa in discussione del concetto di autonomia che l’infermiere ha visto riconoscersi dal legislatore, con grandi sacrifici e lotte intestine.

Avete mai visto un medico preparare il materiale per una procedura di competenza infermieristica come ad esempio, il posizionamento di un sondino naso – gastrico, o di un catetere vescicale, oppure di un catetere venoso periferico?

Assolutamente no,!

basandosi sul  principio legislativo dell’accessorietà o strumentalità di una mansione, motivata nell’articolo “L’accessorietà in sanità” da parte del prof. Mauro Di Fresco (VEDI).

L’accessorietà o la strumentalità di una mansione, deve avere riguardo alla sua continuità in modo tale da rendere la prestazione completa cioè perfetta, compiuta, tanto da potersi legare alla prestazione principale tramite un rapporto di logica conseguenza in modo che la ratio sottesa le renda uniche ed imprescindibili l’una all’altra.

Per esempio, la somministrazione endovenosa di un farmaco renderà imprescindibile la rottura della fiale, la sua aspirazione nella siringa, la preparazione del materiale ovvero una serie di attività propedeutiche cioè preparatorie alla mansione (prestazione principale = somministrazione del farmaco) così come lo smaltimento della siringa e del materiale sarà un’attività consequenziale e terminale alla prestazione infermieristica.

Tutto ciò può essere applicato, anche per lo svolgimento prestazioni di esclusiva competenza medica, come ad esempio punture esplorative (rachicentesi, paracentesi, biopsia midollare, ecc…), ove è il medico stesso, a preparare tutto il materiale necessario per eseguire l’esame.

Concludendo, in questo articolo, non c’è l’intenzione di creare tensioni ed astio tra le figure professionali mediche ed infermieristiche poiché la collaborazione tra le due è fondamentale per ottenere un risultato finale, ottimale, in termini di cure e prestazioni.

Questo discorso introduce il concetto di lavoro in equipe multidisciplinare, dove in molte realtà è ancora un oggetto sconosciuto, utopistico. La collaborazione dev’essere vera, qualitativa, bilaterale, ove ogni professionista fornisce le proprie competenze all’utente, in base a quanto acquisito durante il percorso di studi e non di genuflessione nei confronti del medico.

Collaboriamo con il medico e con le altre figure professionali, secondo le proprie competenze acquisite, senza dimenticare che l’infermiere è nato per assistere il paziente, e non altri professionisti.

NurseNews.eu

Per approfondimenti

Nurse times.it

Leonardo Gialloreto

 

 

 

 

 

 

 

 

Sulla questione del protocollo d’intesa stilato da Fnopi, Ministero della Salute e Conferenza Stato/Regioni interviene anche il sergetario generale della Fials Giuseppe Carbone

“E’ evidente che il contenuto del protocollo, rientrando nella sfera dell’organizzazione del lavoro, del trattamento normativo ed economico degli infermieri, rientra appieno nelle competenze esclusive della contrattazione tra parti datoriali, anche pubbliche, e parti sindacali. Stupisce che un ministro, che è responsabile, anche, di una forza politica che ha per la sigla l’articolo 1 della nostra Costituzione, dimentichi in questo atto chi rappresenta e tutela il lavoro. Invitiamo, pertanto, Governo e Regioni a ritirare tale protocollo e convocare subito un tavolo di confronto con le sigle firmatarie dei contratti della sanità per redigerne uno nuovo con migliori contenuti, maggiormente operativo dall’immediato e più rispettoso della dignità e autonomia di professionisti laureati”. vicenda il sindacato ha scritto una lettera al ministro della Salute Roberto Speranza, per chiarire la sua posizione in merito.

Continua a leggere

Potrebbe diventate realtà il vaccino anti-covid in pillole.

L’mmunologo americano Anthony Fauci dichiara “ci stiamo lavorando con Pfizer”.
L’esperto Americano continua: “non credo si possa eliminare il covid, ma possiamo controllarlo.
Dovremmo continuare a vaccinare con richiamo ogni anno o anno e mezzo.
Perché così possiamo interrompere la pandemia”.

Amato Angelo

Seguici su nursenews.eu

 

 

 

 

 

 

 

 

Ai Direttori Generali A.O. Cannizzaro ARNAS Garibaldi A.O.U. Policlinico – Vittorio Emanuale ASP Catania Oggetto: Corte di Cassazione Sentenza 01/03/2021 n. 5547 Le Aziende sanitarie, in relazione al proprio assetto organizzativo e compatibilmente con le risorse disponibili, possono istituire mense di servizio o, in alternativa, garantire l’esercizio del diritto di mensa con modalità sostitutive (buoni pasto).

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

Gli infermieri che svolgono le attivita’ proprie degli operatori di supporto subiscono un demansionamento e vanno risarciti. E’ quanto ha ribadito una sentenza del tribunale del Lavoro di Catania, giudice Laura Renda, in una sentenza che ha condannato un’ azienda ospedaliera del catanese  a versare centinaia di migliaia di euro a sette infermieri che avevano fatto ricorso assistiti dall’avvocato Domenico De Angelis. Lo ha reso noto il sindacato che ha caldeggiato gli infermieri.

Continua a leggere

Ultime notizie

NurseNews.eu

Sanità:in arrivo i primi fondi dall’Europa.Ecco cosa chiedono gli infermieri.

          Stanno per arrivare i primi soldoni Europei; tutti sperano in una prima boccata d’ossigeno per il nostro disastrato sistema salute, ...

Continua a leggere

Facciamo chiarezza, L’infermiere non assiste il medico ma il paziente.

            Quante volte noi infermieri ci siamo sentiti dire dai medici, nel pieno delle nostre attività assistenziali, di coadiuvarli nelle procedure ...

Continua a leggere

Cassazione:Buoni pasto anche per il personale sanitario che non riesce a fare pausa pranzo.

          La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 5547 del 2021, ha stabilito che il buono pasto sostitutivo spetta anche ...

Continua a leggere

Fials: il protocollo d’intesa sui vaccini e fnopi, viola la legge 3/18, il governo convochi subito i sindacati firmatari. .

Fials: il protocollo d'intesa sui vaccini e fnopi, viola la legge 3/18, il governo convochi subito i sindacati firmatari. .

              Sulla questione del protocollo d’intesa stilato da Fnopi, Ministero della Salute e Conferenza Stato/Regioni interviene anche il sergetario generale della Fials Giuseppe Carbone “E’ ...

Continua a leggere

Usa, Fauci: lavoriamo per un vaccino anti-covid in pillole

Potrebbe diventate realtà il vaccino anti-covid in pillole. L'mmunologo americano Anthony Fauci dichiara "ci stiamo lavorando con Pfizer". L'esperto Americano continua: "non ...

Continua a leggere

Studio su Lancet:è matematico, diminuendo il numero degli infermieri nei reparti aumentano i morti.

Studio su Lancet:è matematico, diminuendo il numero degli infermieri nei reparti aumentano i morti.

  Un ampio studio su Lancet condotto in Australia suggerisce che il rapporto minimo di un infermiere ogni 4 pazienti (l’Italia ...

Continua a leggere

Fondi Covid per il personale sanitario, Cisl Fp: “Pronti alla protesta”

Fondi Covid per il personale sanitario, Cisl Fp: “Pronti alla protesta”

                Tutto il personale sanitario e’ stato in prima linea nella fase più acuta della pandemia e, ancora oggi, affronta giornalmente ...

Continua a leggere

Le Aziende sanitarie, in relazione al proprio assetto organizzativo e compatibilmente con le risorse disponibili, possono istituire mense di servizio o, in alternativa, garantire l'esercizio del diritto di mensa con modalità sostitutive (buoni pasto).

                Ai Direttori Generali A.O. Cannizzaro ARNAS Garibaldi A.O.U. Policlinico - Vittorio Emanuale ASP Catania Oggetto: Corte di Cassazione Sentenza 01/03/2021 ...

Continua a leggere

Infermieri demansionati a Catania:azienda ospedaliera condannata a pagare maxi risarcimento per dequalificazione.

Infermieri demansionati a Catania:azienda ospedaliera condannata a pagare maxi risarcimento per dequalificazione.

            Gli infermieri che svolgono le attivita’ proprie degli operatori di supporto subiscono un demansionamento e vanno risarciti. E’ quanto ha ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione