La ricetta infermieristica non è solo appannaggio dei paesi anglosassoni e della Scandinavia. Nell’Unione Europea è diffusa e prevista da precise direttive. Che in Italia non si applicano. Il dibattito lo apre un comunicato del sindacato infermieristico Nursing Up guidato da Antonio De Palma. Per farmaci o dispositivi, la ricetta dell’infermiere in Europa è oggi diffusa in Danimarca, Norvegia, Svezia, Estonia, Finlandia, Regno Unito, Irlanda ma anche Olanda, Francia, Cipro; da qualche giorno la ammette la comunità di Madrid, prima autonomia in Spagna. In Gran Bretagna l’infermiere prescrive da 30 anni e in Svezia da 28. Metà dei paesi UE affronta l’aumento delle cronicità e delle incombenze d’équipe estendendo la ricetta all’infermiere. Alcuni paesi abilitano solo l’infermiere specialista nella sua branca, altre chi ha la laurea magistrale, in altre si prescrive anche con la laurea triennale. Più ancora del medicinale è diffusa la prescrizione di dispositivi sanitari. Per armonizzare le diverse situazioni nel 2011 è arrivata la direttiva europea 83; l’Italia avrebbe dovuto conformarsi entro il 25 ottobre 2013 ma non lo ha mai fatto. De Palma sottolinea come per rimediare si dovrebbe prevedere la prescrizione diretta sia di presidi per l’assistenza infermieristica, della quale l’infermiere è titolare e responsabile, sia di farmaci sulla base di protocolli condivisi con i medici. Doctor33 ha chiesto un commento a Maurizio Zega Presidente dell’Ordine degli Infermieri di Roma e coordinatore del gruppo di lavoro sulla prescrizione infermieristica della Federazione FNOPI che effettuò qualche anno fa il primo sondaggio in materia a livello europeo. «Il quadro normativo italiano è anacronistico. Tra i retropensieri in Italia c’è un po’ la diffidenza sul “nuovo”, ma ricordo che in Europa tra i pur diversi criteri che regolano la prescrizione infermieristica, il comune denominatore è che all’infermiere si chiedono capacità professionali certificate e acquisite in corsi di specializzazione approfonditi. Altro timore, di chi poco conosce i meccanismi della spesa: allargando il novero dei prescrittori il SSN potrebbe finire in passivo. Invece avviene il contrario: dove prescrive l’infermiere si risparmia».

«Da noi – prosegue Zega -la spesa per farmaci e presìdi tende in realtà ad alzarsi per via della lontananza fisica di chi prescrive dal malato e da chi gli presta le cure. Ho potuto sperimentare, in relazione ai dispositivi sanitari, che spostare l’atto prescrittivo dal medico a chi fa più assistenza diretta al paziente crea le condizioni per un controllo migliore dei costi. Alcune aziende sanitarie hanno disposto che l’indicazione, ad esempio, nelle “ferite difficili”, i decubiti, arrivasse alla farmacia ospedaliera solo su prescrizione dell’infermiere specialista. Se prima ogni reparto chiedeva alla farmacia di fare scorta di presìdi e ne restavano di inutilizzati a fronte di una maggior spesa, ora i presidi arrivano di volta in volta su richiesta dell’infermiere, non ci sono sprechi, si spende meno, il servizio è apprezzato. Tuttavia, quando il paziente è dimesso sul territorio, la ricetta per la quasi totalità dei dispositivi è rimessa dal Dlgs 502/92 al medico di famiglia, se si eccettua qualche regione che ha autorizzato il medico di distretto. In questi casi l’indicazione del Mmg è spesso generica, specie in situazioni in cui sono disponibili “device” ad hoc. E’ un problema che si presenta in varie discipline: ad esempio, con i pazienti stomizzati gli infermieri specialisti in ospedale utilizzano diverse tipologie di placche e sacchetto, ma quando il paziente torna a casa le loro funzioni afferiscono al medico di famiglia che non lo stesso grado di definizione del problema… e che forse, con il carico crescente di lavoro, credo potrebbe giovarsi dell’ausilio di un altro professionista. Superare certi paradossi ci consentirebbe di dare risposte uniformi ai malati di tutto il paese utilizzando il personale disponibile. Credo che se gli ordini di Medici ed Infermieri affrontassero il problema insieme risolveremmo questo problema in pochi giorni».

Perché l’Italia non applica la direttiva UE 83/2011? «Tendiamo a fare i compiti quando proprio ci stanno per bocciare, com’è stato per la direttiva 66/2003 sull’orario di lavoro, applicata negli ospedali pubblici solo nel 2020. Ma la direttiva 83 trae le radici a sua volta dalla Dichiarazione OMS del ’99: prende atto dell’emergenza legata alle malattie croniche; al netto delle pandemie, la priorità in Italia sono 12 milioni di anziani con una qualche fragilità, trattati per lo più a casa loro; serve personale per intervenire sui loro bisogni. Lo ha detto anche Silvio Garattini un anno e mezzo fa: è ora di dare all’infermiere la chance di prescrivere. Nelle case di comunità olandesi -dice Zega -tutto il trattamento del diabete di 2° livello è in mano ad infermieri; in linea di massima bastano le competenze acquisite nel nostro paese per prendere in mano la gestione del malato». Per la cronaca, ci sono ambiti dove oggi gli infermieri italiani possono specializzarsi. Abbiamo citato stomatoterapisti e “ferite difficili”, ma ci sono anche cateterismo centrale ed emergenza urgenza, per non parlare dell’infermiere di famiglia e comunità. Per Zega il problema centrale per l’evoluzione dell’infermiere in Italia -molto più del loro timore dei medici di invasioni di loro competenze- è l’impossibilità di fare carriera. «Se il management infermieristico ha un percorso tracciato, il collega che vuole crescere nella clinica con l’attuale contratto resta allo stesso livello per sempre, ogni competenza che conquista alla fine è un’incombenza in più a parità di stipendio con il collega meno impegnato: se siamo da sei anni in caduta libera per iscrizioni ai corsi di laurea, il problema è innanzi tutto di prospettive personali».

Fonte

DOCTOR33

 

Redazione NurseNews.eu

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
Infermieri prescrittori, l’Italia è ancora ferma. Ecco i possibili vantaggi e come funziona in Europa

Infermieri prescrittori, l'Italia è ancora ferma. Ecco i possibili vantaggi e come funziona in Europa

          La ricetta infermieristica non è solo appannaggio dei paesi anglosassoni e della Scandinavia. Nell'Unione Europea è diffusa e prevista da ...

Continua a leggere

CGL,CISL,UIL alla ragione Sicilia:necessarie assunzioni urgenti del personale sanitario e socio sanitario ai sensi delle normative vigenti.

CGL,CISL,UIL alla ragione Sicilia:necessarie assunzioni urgenti del personale sanitario e socio sanitario ai sensi delle normative vigenti.

            Oggetto: L. 234/2021 Art. 1 c. 268 lett. b - richiesta convocazione. Gentile Assessore, salutiamo con i migliori auspici la Sua designazione ...

Continua a leggere

Cassazione: Il lavoratore può rifiutarsi di svolgere mansioni inferiori.

            Con l’ordinanza n. 30543 del 18.10.2022, la Cassazione afferma che il lavoratore adibito a mansioni inferiori rispetto a quelle del ...

Continua a leggere

Stabilizzati medici e personale sanitario al Cannizzaro, Giuffrida: “Valorizzata professionalità preziosa”

Stabilizzati medici e personale sanitario al Cannizzaro, Giuffrida: Valorizzata professionalità preziosa

            I primi a beneficiare di una nomina a tempo indeterminato sono 13 medici di varie discipline: dall’Anatomia Patologica alla Chirurgia ...

Continua a leggere

Gb: infermieri annunciano sciopero nazionale senza precedenti.

                Coinvolti oltre la metà degli ospedali. Duro colpo per governo.   LONDRA, 09 NOV - Gli infermieri del Regno Unito hanno votato ...

Continua a leggere

Ars Sicilia,Schifani:«Nuovo assessore alla salute sono concentrato su Giovanna Volo…»

          Renato Schifani Presidente della Regione Siciliana sul potenziale e futuro  assessore alla salute Giovanna Volo: «Ritengo possa dare una forte ...

Continua a leggere

Arretrati Ccnl professioni sanitarie, si applica la tassazione separata

          Si tratta del particolare regime fiscale dell’Inps riferito a tutti i redditi che si siano formati in un periodo di ...

Continua a leggere

Aggressione poliziotte, Cisl Catania: “servono iniziative di sensibilizzazione e tutele adeguate”

                «L’aggressione alle poliziotte è solo l’ultimo caso di intolleranza nei confronti dei rappresentanti delle forze dell’ordine a Catania, anche se ...

Continua a leggere

Cassazione:i buoni pasto spettano anche agli Infermieri,medici e Oss che non possono usufruire della pausa pranzo.

            La Corte di Cassazione, con Sentenza n. 5547 del 2021, ha stabilito che il buono pasto sostitutivo spetta anche al ...

Continua a leggere

Il neo insediato Ministro della salute Orazio Schillaci ringrazia gli Ordini dei medici e degli infermieri per sacrificio dimostrato durante la pandemia .

                Il  neo Ministro della Salute Schillaci, alla conferenza stampa convocata al termine del Consiglio dei Ministri, ha ribadito l’importanza della ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione