blog

 

 

 

 

 

 

 

❤️ Nella Giornata Mondiale del Cuore #WorldHeartDay2022 oltre 200 studenti hanno:
✅ascoltato i consigli su prevenzione e terapie delle malattie cardio-cerebro vascolari dagli specialisti del Cannizzaro
✅praticato prove di primo soccorso
✅familiarizzato con i defibrillatori
grazie alla presenza di personale della Centrale Operativa 118, della Marina Militare, dei Carabinieri e dell’associazione Il Cuore di Raffaele, che ha organizzato l’evento promosso dall’Associazione Italiana Cuore Rianimazione “Lorenzo Greco” Onlus con la collaborazione dell’Azienda Ospedaliera (che ha ospitato l’evento) e tante altre realtà.

#UseHeart Usa il ❤️

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

#UseHeart Usa il ❤️

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche il Parlamento Europeo ha condannato fermamente la pratica che rappresenta le fondamenta della maggioranza degli ospedali pubblici italiani e che permette di sopperire all’enorme carenza di personale sanitario infermieristico e di supporto nelle corsie.

La risoluzione che condanna esplicitamente l’organizzazione di tirocini, stage e apprendistati non retribuiti su tutto il territorio europeo è stata approvata con la stragrande maggioranza dall’istituzione internazionale.

L’approvazione della Legge di Bilancio 2022,

tra le numerose novità introdotte in materia di Lavoro, ha dettato nuove ed interessanti disposizioni in merito ai tirocini.

Considerato l’estensivo utilizzo nel mondo dell’imprenditoria nella valutazione dei soggetti appena entrati nelle aziende, è chiaro quanto sia utile fare luce sui nuovi aspetti normativi e su come questi possano influenzare l’uso dello strumento.
A tal proposito, è utile fare una breve panoramica riguardo lo Strumento e la normativa di riferimento.
Il tirocinio (detto anche stage) nasce per facilitare l’ingresso o il reinserimento nel mondo del lavoro di talune categorie di soggetti.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

A darne notizia è il presidente della sezione strutture socio-sanitarie di Sicindustria, Francesco Ruggeri, che spiega: “È stato finalmente approvato, e attende di essere pubblicato in Gazzetta, l’emendamento chiesto a gran voce da Sicindustria che permetterà agli operatori delle professioni sanitarie appartenenti al comparto pubblico di lavorare anche per le strutture socio-sanitarie che operano in regime di convenzione, senza comunque mai intaccare la funzionalità degli ospedali pubblici”.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

“Abbiamo affrontato problemi già presenti ma il Covid ha esasperato le contraddizioni”: è la sintesi con cui il segretario della CISL FP Catania Danilo Sottile ha riassunto gli ultimi mesi della federazione catanese, durante il suo intervento al Consiglio Generale.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

Stanno per arrivare i primi soldoni Europei; tutti sperano in una prima boccata d’ossigeno per il nostro disastrato sistema salute, martoriato e svilito da una politica incompetente che ne ha fatto negli ultimi decenni il bancomat degli interessi finanziari più beceri e da una inattesa pandemia che ha scoperto le corde già tese del sistema.
In questo fosco quadro spicca la QUESTIONE INFERMIERISTICA, che nessuno ha mai voluto affrontare.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

 

Sulla questione del protocollo d’intesa stilato da Fnopi, Ministero della Salute e Conferenza Stato/Regioni interviene anche il sergetario generale della Fials Giuseppe Carbone

“E’ evidente che il contenuto del protocollo, rientrando nella sfera dell’organizzazione del lavoro, del trattamento normativo ed economico degli infermieri, rientra appieno nelle competenze esclusive della contrattazione tra parti datoriali, anche pubbliche, e parti sindacali. Stupisce che un ministro, che è responsabile, anche, di una forza politica che ha per la sigla l’articolo 1 della nostra Costituzione, dimentichi in questo atto chi rappresenta e tutela il lavoro. Invitiamo, pertanto, Governo e Regioni a ritirare tale protocollo e convocare subito un tavolo di confronto con le sigle firmatarie dei contratti della sanità per redigerne uno nuovo con migliori contenuti, maggiormente operativo dall’immediato e più rispettoso della dignità e autonomia di professionisti laureati”. vicenda il sindacato ha scritto una lettera al ministro della Salute Roberto Speranza, per chiarire la sua posizione in merito.

Continua a leggere

Potrebbe diventate realtà il vaccino anti-covid in pillole.

L’mmunologo americano Anthony Fauci dichiara “ci stiamo lavorando con Pfizer”.
L’esperto Americano continua: “non credo si possa eliminare il covid, ma possiamo controllarlo.
Dovremmo continuare a vaccinare con richiamo ogni anno o anno e mezzo.
Perché così possiamo interrompere la pandemia”.

Amato Angelo

Seguici su nursenews.eu

 

 

 

 

 

 

Gli infermieri che svolgono le attivita’ proprie degli operatori di supporto subiscono un demansionamento e vanno risarciti. E’ quanto ha ribadito una sentenza del tribunale del Lavoro di Catania, giudice Laura Renda, in una sentenza che ha condannato un’ azienda ospedaliera del catanese  a versare centinaia di migliaia di euro a sette infermieri che avevano fatto ricorso assistiti dall’avvocato Domenico De Angelis. Lo ha reso noto il sindacato che ha caldeggiato gli infermieri.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

 

Grazie a Nurse Times la FNOPI apre le porte “di casa”
C’è voluta una puntura di spillo per far scoppiare la bolla nella quale erano protette (legittimamente) le delibere della Fnopi.

La puntura di spillo è stato il nostro articolo sul compenso riconosciuto (legittimamente) al portavoce della federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche, Tonino Aceti.

Abbiamo scritto (sbagliando, per carità) che gli era riconosciuto un compenso intorno ai diecimila euro mensili (ma il nostro era solo un dubbio), ci è stato risposto, minacciando azioni legali, che il compenso è ben più inferiore come da delibera pubblicata dalla Fnopi nella sezione trasparenza

E io pago!

Pubblicazione che, va detto, è avvenuta dopo il nostro articolo anche se qui entreremmo nelle questioni di lana caprina (se la delibera c’era prima o dopo non importa, l’importante è che sia stata pubblicata).
E da quel momento oltre a sapere che l’incarico di portavoce è compensato con 310mila euro (ma non sappiamo in che lasso di tempo), la Fnopi ha deciso di aprire le proprie porte per far conoscere le delibere adottate.

Così balza agli occhi che la presidente Barbara Mangiacavalli ha in uso una macchina a noleggio che costa alla Fnopi 45mila euro.

Anche questo, va detto, è un atto legittimo e, altrettanto legittimamente, la presidente può muoversi come meglio ritiene, vista il suo impegno istituzionale e di rappresentanza di una categoria con 450mila iscritti, finiti nel dimenticatoio della politica in questa emergenza sanitaria.

Aspettando che qualcuno alzi la voce.

Redazione NurseNews.Eu

Fonte Nurse Times

 

Ultime notizie
NurseNews.eu

Giornata mondiale del cuore all'ospedale Cannizzaro di Catania.

              ❤️ Nella Giornata Mondiale del Cuore #WorldHeartDay2022 oltre 200 studenti hanno: ✅ascoltato i consigli su prevenzione e terapie delle malattie cardio-cerebro ...

Continua a leggere

FNOPI-ACOP (Associazione Coordinamento Ospedalità Privata): sinergia per l’assistenza

          Il presidente di ACOP – Associazione Coordinamento Ospedalità Privata – on. prof. Michele Vietti ha incontrato questa mattina la presidente ...

Continua a leggere

Cgil, Cisl, Uil, Fials e Nursind annunciano mobilitazione nazionale a Roma per il 29 ottobre.

            Mobilitazione nazionale a Roma il prossimo 29 ottobre, promossa da Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Fials e Nursind, di tutte le lavoratrici e lavoratori che ...

Continua a leggere

REGIONE, CONGRATULAZIONI CISL AL NEO-GOVERNATORE SCHIFANI

                        Cappuccio: “Ci aspettiamo che, appena possibile, il neo-governatore apra un confronto puntuale e non occasionale sugli indirizzi delle politiche economiche ...

Continua a leggere

Dopo il Veneto anche la Lombardia sta per creare il “vice infermiere” abbassando la qualità delle cure.

Dopo il Veneto anche la Lombardia sta per creare il “vice infermiere” abbassando la qualità delle cure.

              In Regione Veneto viene chiamato “super oss”, in Regione Lombardia nascerà un oss che sostituirà l’infermiere con 300 ore di formazione, con competenze ...

Continua a leggere

“Infermiere non necessario per manovre rianimatorie in caso di arresto cardiaco”.le dichiarazione di un direttore sanitario che fanno indignare gli infermieri.

            Sindacati indignati dalle dichiarazioni di un direttore sanitario Siciliano. Cosi Salvatore Vaccaro,  vicesegretario nazionale del sindacato Nutsind stigmatizza quanto affermato da ...

Continua a leggere

Fp Cgil Sanità privata Abruzzo-Molise: “Cosa hanno imparato Aris e Aiop dall’emergenza pandemica?”

Fp Cgil Sanità privata Abruzzo-Molise: “Cosa hanno imparato Aris e Aiop dall’emergenza pandemica?”

                  E se esiste una crisi del settore sociosanitario -Rsa – centri di riabilitazione, non è da legare agli aumenti determinati ...

Continua a leggere

Demansionamento INFERMIERI,Cassazione: “Superati i limiti delle prestazioni esigibili dagli infermieri”

Demansionamento INFERMIERI,Cassazione: “Superati i limiti delle prestazioni esigibili dagli infermieri”

            La Corte non ha dunque condiviso la tesi del primo giudice secondo cui non vi sarebbe stata la prova della ...

Continua a leggere

La responsabilità penale dell'infermiere di triage.

              La sentenza impugnata era, altresì, censurabile, secondo la Cassazione, quanto alle conclusioni cui era giunta con riferimento all’inesigibilità della condotta ...

Continua a leggere

Ospedale di Empoli: Infermiere spiate e filmate sotto le docce,80 denunce.

              Si attende la chiusura delle indagini, riguardanti tre tecnici manutentori che avrebbero installato una telecamera nascosta in uno spogliatoio dell’ospedale ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione