Uncategorized

 

 

 

 

 

 

 

 

A parte lo slogan,

Gli Opi impugnino prontamente la delibera al TAR invece di passare la palla al parlamento…

Inoltre gli infermieri Italiani sono curiosi di conoscere i nomi dei componenti del gruppo di lavoro che ha partorito la stesura di questo interessante documento e di sapere chi li ha nominati per rappresentare la categoria…

#NurseNews

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I coordinamenti nazionali Professioni Sanitarie e OSS CISL FP sulla delibera della Regione Veneto n. 305 del 16 marzo 2021: “Inappropriato trasferimento di competenze e mansioni all’OSS con formazione complementare. Rispettare i percorsi formativi e il know how degli operatori della Sanità italiana!”

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

“La delibera n. 305/2021 della Regione Veneto, che apre alla possibilità di utilizzare gli Operatori sociosanitari (Oss), rispetto ad atti propri dell’assistenza clinica del paziente di competenza esclusiva di medici ed infermieri, è considerata IRRICEVIBILE da parte del Coordinamento degli Ordini delle Professioni Infermieristiche della Regione Veneto, in particolare nei Centri Servizi per anziani, dove i bisogni di salute sono sempre più ad alta valenza sanitaria e quindi necessitano di assistenza infermieristica sempre maggiore”.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

Il Veneto con la deliberazione Della Giunta Regionale n. 305 / DGR del 16/03/2021 approva il percorso di “Formazione complementare in assistenza sanitaria dell’Operatore Socio-Sanitario” che trasferisce agli Oss competenze infermieristiche
Questa delibera di fatto trasferisce agli Oss con una integrazione formativa regionale funzioni proprie della professione infermieristica, indignando tutta la comunità professionale.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

La CNAI – Consociazione Nazionale delle Associazioni Infermieri  chiede la revoca della delibera della Regione Veneto in ordine alla “Formazione complementare in assistenza sanitaria dell’Operatore Socio-Sanitario” che attribuisce a tali operatori funzioni proprie e riservate della professione infermieristica.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’infermiere responsabile generale dell’assistenza infermieristica, nel proprio contesto operativo svolge, oltre la somministrazione dei farmaci nel corpo umano anche educazione sanitaria, ed è anello di congiunzione tra i diversi professionisti oltre che essere riferimento costante per l’utente.
Nonostante la situazione lavorativa dell’infermiere in molte strutture sanitarie Italiane sia RICONDOTTA ad una mera funzione Esecutiva e di sfruttamento, (altamente demansionante) , il ruolo che lo stesso dovrebbe rivestire nell’attività di prevenzione delle ICA dovrebbe essere di fondamentale Importanza e divenire determinante nel momento in cui ci si porrebbe come obiettivo la capacità di controllare le infezioni intra ed extraospedaliere riuscendo a mantenere le stesse ad un livello ACCETTABILE sia nella quantità (quanti nuovi casi nel tempo, localizzazione, tipologia di pazienti colpiti) che in relazione alla gravità delle infezioni stesse.


Le numerose procedure assistenziali che ogni giorno vengono effettuate sui pazienti ospedalizzati  individuano l’infermiere come centro di prevenzione delle INFEZIONI.

Da notare che:
L’attuale carenza di personale infermieristico in Italia è di 60.000 unità, fonte Fnopi. A ció vi é da aggiungere un numero imprecisato di personale ausiliario mancante.tali gravi carenze organiche non permettono la possibilità di fare una buona prevenzione.

(LA CARENZA DI PERSONALE INFERMIERISTICO E DI SUPPORTO CON CONSEGUENTE PROMISCUITÀ DELLE MANSIONI FANNO AUMENTARE TUTTI I FATTORI DI RISCHIO CORRELATI ALL’ASSISTENZA).

La responsabilità che ne deriva dalla gestione di aspetti importanti del controllo delle (ICA), come ad esempio durante la SOMMINISTRAZIONE dei farmaci, certificazione e validazione dei processi di sterilizzazione, la corretta preparazione dei pazienti e dei materiali per le procedure invasive anche attraverso l’agire del personale di supporto, nonché le responsabilità relative alle corrette cure igieniche da parte del personale ausiliario e l’ oculato impiego delle sostanze antisettiche e disinfettanti, la formazione e l’indirizzo del personale neoassunto e non da ultimo il controllo della asepsi dei parenti visitatori, fanno del professionista infermiere una risorsa necessaria e rilevante nel contenimento delle ICA.

l’infermiere non dovrebbe mai praticare le cure igieniche (malpatrice),mansioni riservate al personale di supporto,ai fini di salvaguardare la salute pubblica,
Come buona pratica assistenziale e come previsto anche dalla legge Gelli.

Ai fini di un’efficace lotta alla prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza ospedaliere (Ica) e all’antibiotico resistenza, come buona pratica assistenziale.

In buona sostanza la lotta alle ICA inizia attraverso un numero adeguato di personale,proseguendo poi con una corretta gestione tecnico organizzativa , passando agli aspetti legati all’autonomia professionale degli infermieri. Quindi, tutto ciò è strettamente legato e speculare rispetto al problema dell’antibiotico resistenza, dei ricoveri prolungati e delle alte percentuali di mortalità legate alle ICA stesse.

Alfio Stiro

Infermiere

Redazione NurseNews.Eu

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

 

 

La salute dei nostri cittadini è una cosa seria, non è pensabile che ogni Regione crei le sue figure professionali con percorsi formativi auto deliberati. La delibera del Veneto tende a voler sfruttare la categoria degli OSS affidandogli compiti di cui non hanno titolarità e ruolo giuridico.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ordine delle professioni infermieristiche di Bari Protocollo: n. 274/Leg/2021 Data: 27.03.2021

Allegato: Delibera G.R. Veneto n. 305 del 16 marzo c.a. Oggetto: Deliberazione G.R. Veneto n. 305 / DGR del 16/03/2021 di approvazione del percorso di “Formazione complementare in assistenza sanitaria dell’Operatore Socio-Sanitario”

 

Alla Presidenza della FNOPI Alla Presidenza OPI d’Italia Faccio riferimento alla recente deliberazione in epigrafe adottata dalla Regione Veneto di approvazione del percorso di “Formazione complementare in assistenza sanitaria dell’Operatore Socio Sanitario.

Continua a leggere

Ultime notizie
NurseNews.eu
Covid19: nuovi casi in aumento nel mondo e caos vaccini.

Covid19: nuovi casi in aumento nel mondo e caos vaccini.

Mentre crescono i contagi di Covid-19 nel mondo , con oltre 4,5 milioni di nuovi casi negli ultimi 7 giorni ...

Continua a leggere

Il Direttivo dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri querela la FNOPI.

Il Direttivo dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri querela la FNOPI.

          Riprendiamo e riportiamo per intero l’articolo pubblicato da Nurse times, riguardante la manifestazione a Piazza del Popolo dell’undici aprile, avvenuta ...

Continua a leggere

Cos'è un Ordine professionale.

              Gli Ordini professionali sono enti pubblici non economici posto "sotto l'alta vigilanza del Ministero della salute", la cui funzione principale consiste ...

Continua a leggere

Opi Salerno: “Ordine di servizio va disatteso in quanto contrario a norme imperative di legge”

        Il presidente dell'ordine degli infermieri di Salerno dott. Cosimo Cicia, contesta a stretto giro di posta l’ordine di servizio redatto ...

Continua a leggere

Le mansioni igienico domestiche alberghiere non sono MAI state attribuite all’infermiere ex professionale, oggi laureato.

Le mansioni igienico domestiche alberghiere non sono MAI state attribuite all'infermiere ex professionale, oggi laureato.

                Le mansioni di igiene domestico-alberghi non sono mai state attribuite all’Infermiere ex professionale, oggi laureato, neanche ai tempi del mansionario! ...

Continua a leggere

Salerno, Infermieri costretti a fare gli oss. È caos nella sanità Italiana, intervenga la fnopi.

        Che tipo di "prove" sono necessarie per dimostrare il danno da demansionamento? Dopo il riconoscimento dell’Operatore Socio Sanitario con formazione complementare ...

Continua a leggere

Zaia:“Per fare iniezioni non serve la laurea”.Ecco La risposta degli ordini dei medici.

Zaia:“Per fare iniezioni non serve la laurea”.Ecco La risposta degli ordini dei medici.

          Gli Ordini dei Medici chirurghi e Odontoiatri del Veneto rispondono alle parole del governatore Luca Zaia che aveva detto: “Per ...

Continua a leggere

L'infugibilita' di infermieri e OSS.

            Già il REGIO DECRETO 2 maggio 1940 n. 1310 determinava le mansioni dell'infermiere professionale e quelle degli infermieri generici. (GU n.225 ...

Continua a leggere

OSS e Delibera Veneto:Opi Vicenza, Pegoraro valuta ricorso al Tar contro legge regionale.

OSS e Delibera Veneto:Opi Vicenza, Pegoraro valuta ricorso al Tar contro legge regionale.

          “Non vogliamo passare per quelli che, come spesso accade in Italia, appena si cerca una soluzione creano il “comitato del ...

Continua a leggere

la proposta di legge presentata in Senato per il riordino e lo sviluppo della professione OSS. Criticità.

la proposta di legge presentata in Senato per il riordino e lo sviluppo della professione OSS. Criticità.

            Di seguito allegato riportiamo il testo integrale del disegno di legge n 2071 presentato dalla senatrice Boldrini (PD) al Senato della ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione