(CSS) – AIUTO INFERMIERE Il Collaboratore Socio Sanitario (CSS) aiuto infermiere (con scuola dell’obbligo)effettua assistenza di base alla persona in situazione di stabilità clinico-assistenziale,parzialmente o totalmente non autosufficiente, fragile o in terminalità di vita, secondo le indicazioni operative ovvero la pianificazione assistenziale formalmente definite( non piu dall’infermiere,)ma in collaborazione con infermiere/ostetrica per l’ambito sanitario e con l’assistente sociale per l’ambito socio-assistenziale.

Il CSS/AIUTO INFERMIRE utilizza metodi di lavoro e strumenti operativi orientati all’integrazione multi-professionale, al lavoro di équipe, alla promozione dell’autonomia della persona / famiglia, alla soddisfazione dei bisogni di medio/bassa (da notare medio bassa )complessità per i bisogni di base, all’attuazione di stili di vita sani e al corretto utilizzo dei servizi sanitari e socio-sanitari disponibili. Il CSS/AIUTO INFERMIRE, per quanto concerne le attività logistiche, alberghiere, ovvero le attività orientate al benessere della persona e/o all’igiene ambientale, all’alimentazione e del vitto, agisce autonomamente nell’ambito della pianificazione predisposta in collaborazione con infermiere/ostetrica per l’ambito sanitario e con l’assistente sociale per gli ambiti socioassistenziali. Il CSS/AIUTO INFERMIERE promuove e collabora tra le varie discipline e con le altre figure professionali nel campo dell’educazione alla salute, della epidemiologia e della prevenzione primaria e opera nel contesto di tutte le strutture sanitarie e socio sanitarie in ambito ospedaliero, domiciliare, territoriale residenziale e semi residenziale, negli istituti pubblici e privati, profit e noprofit ,nei comuni e nelle case-famiglia. Il CSS/AIUTO INFERMIERE collabora con l’infermiere/ostetrica eseguendo le prescrizioni, effettua atti semplici collegati al processo diagnostico-terapeutico e sanitario-assistenziale. Il CSS/AIUTO INFERMIERE è figura dell’area sanitaria in quanto svolge le proprie mansioni in diretta interazione con gli utenti operando all’interno di una pianificazione d’equipe Sanitaria e costituendo uno degli elementi dell’equipe socio-sanitaria assistenziale. Il CSS/AIUTO INFERMIERE incoraggia la partecipazione del paziente e promuove la sua autonomia. Nel quadro delle competenze acquisite, delle condizioni legali e delle regolamentazioni aziendali fornisce prestazioni in modo autonomo e responsabile. Viene costituito un elenco anagrafico dei CSS diplomati a livello nazionale, aggregando tutti i dati forniti obbligatoriamente dalle regioni, in modo da favorire l’adozione di un codice deontologico. Il CSS/Aiuto Infermiere opera all’interno di équipe interdisciplinari, garantendo cure e prestazioni di qualità in sette campi principali. È in grado di valutare il proprio operato in modo critico, adeguando di conseguenza il proprio agire e il proprio comportamento. Deve conoscere le proprie competenze ed è in grado di decidere quando è necessario ricorrere allo specialista responsabile. Assume la responsabilità del proprio apprendimento e del proprio perfezionamento professionale. Aree di Attività in sette campi principali 1. 2. 3. 4. 5. 6. assistenza alla persona, al care giver e alla famiglia educazione alla salute organizzazione del proprio lavoro collaborazione in équipe per migliorare costantemente la qualità delle prestazioni messa in opera di atti medico-tecnici delegati amministrazione (garantendo i collegamenti con i diversi settori di servizi)
7. sostegno agli assistiti nei lavori domestici quotidiani Il CSS opera nelle seguenti aree: a) sanità pubblica – privata – rsa – sociale- comune – servizi di assistenza e cura a domicilio – cliniche- istituti di riabilitazione – case per anziani ; b) area medica c) area chirurgica d) area pediatrica; e) area salute mentale-psichiatria; f) area geriatrica; g) area critica o in ulteriori aree in relazione a motivate esigenze indicate dal SSN. h) ambulatori i) sale operatorie m) traumatologia- ortopedia n) cardiologia o) pronto soccorso p) dialisi q) lungodegenza r) nelle case famiglia s) nel sociale t) nel 118 Materie insegnamento la formazione è orientata nelle conoscenze professionali nei seguenti campi di competenza:  Anatomia – fisiologia  Patologia generale  Farmacologia  Metodologia professionale  Atti medici tecnici  crisi ed emergenza (come riconoscere le situazioni di emergenza, prestare i primi soccorsi e collaborare con gli altri professionisti nelle situazioni di crisi.)  epidemiologia  posizionamento e mobilitazione del paziente  fisiopatologia degli stati confusionali e della demenza  processo di assistenza  assistenza domiciliare integrata

le materie anatomia e fisiologia, patologia, farmacologia e atti medico tecnici saranno proposte tenendo conto delle relazioni esistenti tra i contenuti degli argomenti trattati. Le lezioni di metodologia professionale, tramite analisi di situazioni di cura, avranno lo scopo di facilitare l’integrazione di tali conoscenze. Il CSS/Aiuto infermiere opera in istituzioni sociosanitarie: ospedali, cliniche, case per anziani, istituti di riabilitazione, servizi di assistenza e cura a domicilio. Atti medico-tecnici conformemente a degli standard formulati per iscritto (protocolli) e alla regolamentazione relativa alle competenze in vigore nelle istituzioni, le operatici eseguono, su indicazione medica, i seguenti atti:  controllo dei parametri vitali e del bilancio idrico  prelievi di sangue venoso e capillare (gluco test)  preparazione e somministrazione di medicamenti  preparazione e somministrazione di infusioni in una via venosa già reperita  preparazione e somministrazione di alimenti tramite una sonda gastrica già in sito  preparazione e somministrazione farmaci per via intramuscolare  medicazione di ferite  preparazione di interventi diagnostici o terapeutici e assistenza durante gli stessi  compiti di disinfezione e sterilizzazione  clisteri evacuativi  aspirazione tramite sondino  somministrazione terapia orale  raccolta escreato  somministrazione di farmaci per le inalazioni e l’ossigenoterapia su prescrizione medica LA FIGURA CSS /AIUTO INFERMIERE CHE LAVORA NELLE STRUTTURE SANITARIE NON ATTUA LE FUNZIONI DELLA FIGURA CSS/ AIUTO INFERMIERE CHE OPERA NEL SOCIALE .

COMPETENZE DEL COLLABORATORE SOCIO SANITARIO (CSS) 1) ASSISTENZA ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA È una disciplina focalizzata nell’assistere e prendersi cura degli individui, le famiglie e le comunità per ottenere, riottenere e mantenere salute e funzionalità ottimali attraverso la strategia del problem solving a) Cura gli ambienti di vita dell’assistito anche per quanto attiene l’igiene e la sicurezza, b) Realizza attività di animazione e socializzazione di singoli e gruppi, c) Attua i piani assistenziali individualizzati nell’area dei servizi sanitari, socio sanitari e socio assistenziali, d) Effettua l’assistenza di base – (igiene, alimentazione, idratazione, movimento, ecc. ), conformemente alla pianificazione dei protocolli in uso nella struttura o indicazioni medico/équipe in cui è inserito. Esegue anche compiti di natura medico-tecnica e) Supporta l’assistito e la famiglia nell’assunzione della terapia prescritta, contribuisce al benessere fisico, sociale e psichico di persone di ogni età ed insieme ad esse organizza la loro vita quotidiana in modo autonomo e responsabile f) Somministra la terapia prescritta per via naturale, intramuscolare e sottocutanea su specifica, formale e personalizzata indicazione medica, g) Svolge attività semplici collegate al processo diagnostico terapeutico e attività sanitarie, su specifica, formale e personalizzata indicazione medica o dell’equipe in cui è inserito ( fleboclisi, effettuazione stick, raccolta campioni biologici, medicazioni semplici, bendaggi, rilevazione di frequenza cardiaca, frequenza respiratoria, temperatura corporea, pressione arteriosa, SatO2, ), h) Esegue clismi evacuativi preconfezionati e con soluzione predisposta su specifica, formale e personalizzata indicazione medica e dei protocolli predefiniti in uso nella struttura. i) Rileva e annota tramite specifiche scale di valutazione le abilità/disabilità dell’assistito, j) Esegue la mobilizzazione dei pazienti per la prevenzione di decubiti e di alterazioni cutanee conformemente alla pianificazione dei protocolli uso nella struttura. k) Esegue attività di primo soccorso, l) Compone la salma e ne cura il trasporto all’obitorio, m) Trasporta e/o accompagna l’assistito nei luoghi deputati per l’effettuazione di procedure diagnostiche e/o terapeutiche, n) Attua interventi di igiene a livello comunitario e a livello domiciliare, o) Identifica le caratteristiche del microclima secondo le esigenze della persona, p) Cura la manutenzione degli arredi, la conservazione e il loro riordino,
q) Attua i piani di sanificazione, disinfezione e sterilizzazione secondo protocolli predefiniti, r) Attua le indicazioni operative e i protocolli per la prevenzione delle infezioni e lo smaltimento dei rifiuti . s) Deve saper riconoscere i problemi esistenti a sapersi rivolgere ad altri professionisti quando si rendono necessari interventi specifici t) osserva i principi etici e deontologici. u) Conosce l’uso e la funzione della cartella clinica v) sigla il foglio di terapia per avvenuta somministrazione farmaco w) collabora all’attuazione delle misure di precauzione standard e specifiche x) contribuisce all’ attuazione del piano curativo e documenta gli atti assistenziali eseguiti. y) Effettua le azioni di cura pre e post operatorie z) prepara e regola le infusioni con pompa e accessori aa) agisce in modo accurato nell’uso e nella somministrazione dell’alimentazione per sonda bb) conosce il processo e le modalità di sterilizzazione cc) controlla l’imballaggio del materiale sterilizzato, verifica che non sia danneggiato e che non sia scaduto e visiona gli indicatori. dd) Nelle situazioni di emergenza attua i protocolli previsti. (attrezzature per l’emergenza , carrello per le emergenze – sistemi di emergenze-) ee) inserisce e rimuove catetere vescicale transuretrale ff) somministra le inalazioni e l’ossigeno su prescrizione medica
2) EDUCAZIONE ALLA SALUTE a) collabora nell’attuazione dei piani di informazione e comunicazione, b) concorre all’identificazione dei bisogni educativi con particolare attenzione alla multiculturalità, c) collabora nell’attuazione e nella verifica dei programmi educativi a sostegno della persona assistita. 3) ORGANIZZAZIONE DEL PROPRIO LAVORO a) svolge la propria attività secondo la pianificazione concordata con l’équipe ed in coerenza con i modelli organizzativi della struttura sanitaria o socio sanitaria nella quale è inserito, b) svolge la propria attività nel rispetto delle indicazioni operative per la propria sicurezza e per la sicurezza dell’assistito, c) svolge il proprio lavoro utilizzando in modo appropriato la tecnologia e le risorse a disposizione, d) collabora nell’attuazione di sistemi di verifica degli interventi, e) utilizza strumenti informativi di uso comune per la registrazione dei flussi di propria competenza. 4) LAVORO IN EQUIPE a) riconosce e rispetta le competenze dei professionisti e degli operatori inseriti nell’équipe di appartenenza, b) riconosce ed utilizza linguaggi e sistemi di comunicazione-relazione appropriati in relazione alle condizioni operative, c) collabora alla verifica della qualità del servizio e dei processi di assistenza, d) contribuisce alla formazione dei partecipanti ai corsi CSS (tutoraggio), e) concorre alla definizione dei propri bisogni di formazione e frequenta corsi di aggiornamento.
2) EDUCAZIONE ALLA SALUTE a) collabora nell’attuazione dei piani di informazione e comunicazione, b) concorre all’identificazione dei bisogni educativi con particolare attenzione alla multiculturalità, c) collabora nell’attuazione e nella verifica dei programmi educativi a sostegno della persona assistita. 3) ORGANIZZAZIONE DEL PROPRIO LAVORO a) svolge la propria attività secondo la pianificazione concordata con l’équipe ed in coerenza con i modelli organizzativi della struttura sanitaria o socio sanitaria nella quale è inserito, b) svolge la propria attività nel rispetto delle indicazioni operative per la propria sicurezza e per la sicurezza dell’assistito, c) svolge il proprio lavoro utilizzando in modo appropriato la tecnologia e le risorse a disposizione, d) collabora nell’attuazione di sistemi di verifica degli interventi, e) utilizza strumenti informativi di uso comune per la registrazione dei flussi di propria competenza. 4) LAVORO IN EQUIPE a) riconosce e rispetta le competenze dei professionisti e degli operatori inseriti nell’équipe di appartenenza, b) riconosce ed utilizza linguaggi e sistemi di comunicazione-relazione appropriati in relazione alle condizioni operative, c) collabora alla verifica della qualità del servizio e dei processi di assistenza, d) contribuisce alla formazione dei partecipanti ai corsi CSS (tutoraggio), e) concorre alla definizione dei propri bisogni di formazione e frequenta corsi di aggiornamento.
MATERIE DEL CORSO MATERIE Legislazione sanitaria e socio sanitaria assistenziale Aspetti giuridici correlati alle attività e orientamento al ruolo Principi di deontologia professionale ed etica delle relazioni Sicurezza e igiene negli ambienti di lavoro Elementi di Informatica Elementi di Psicologia e di sociologia Processo di assistenza Assistenza domiciliare integrata Elementi di anatomia e fisiologia Elementi di scienze dell’alimentazione Elementi di igiene e di epidemiologia Elementi di educazione alla salute Elementi di farmacologia Elementi di assistenza al paziente con patologie internistiche Elementi di assistenza al paziente con patologie chirurgiche Elementi di assistenza al bambino e in ostetricia Elementi di assistenza nell’ambito della salute mentale Elementi di primo soccorso

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione