Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che esclude, dalla retribuzione feriale corrisposta al lavoratore, l’indennità di volo integrativa, riconosciuta, invece, per le giornate di lavoro in presenza.


Il fatto affrontato
Il dipendente di una compagnia aerea ricorre giudizialmente lamentando la corresponsione della retribuzione in misura ridotta durante le giornate di ferie rispetto a quella riconosciuta per la normale attività lavorativa svolta in presenza, in virtù di specifiche clausole contrattuali collettive che negano, per i giorni di ferie, il riconoscimento dell’indennità di volo integrativa dal calcolo della retribuzione mensile.
Il Tribunale di Civitavecchia accoglie integralmente la domanda del lavoratore, dichiarando la nullità di tutte le clausole del contratto collettivo che escludevano l’indennità di volo integrativa ai fini del computo della retribuzione feriale.
La sentenza, attinente ad una questione relativa all’efficacia, la validità e l’interpretazione delle clausole di un contratto collettivo, è stata impugnata con ricorso immediato per cassazione ex art. 420-bis c.p.c.

La sentenza
La Cassazione fa propri i principi enucleati dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea, la quale ritiene che la clausola in esame possa avere un effetto dissuasivo rispetto all’effettiva fruizione delle ferie, inducendo i lavoratori a rinunciare alle stesse al fine di conseguire una retribuzione notevolmente migliorativa.
Tuttavia, i Giudici di legittimità, in parziale accoglimento del ricorso, circoscrivono la portata della nullità al periodo di ferie minimo di quattro settimane; non applicandosi, pertanto, alle ulteriori giornate di ferie eventualmente riconosciute al dipendente.
In altri termini, per la sentenza, limitatamente alle giornate di ferie che eccedono il periodo minimo di quattro settimane, l’autonomia contrattuale collettiva può liberamente prevedere una retribuzione feriale anche peggiorativa rispetto a quella corrisposta per la normale attività lavorativa in presenza.
Sulla base di tali presupposti, la Suprema Corte, conferma la nullità della clausola del contratto collettivo, circoscrivendone gli effetti al periodo di ferie minimo riconosciuto per legge.

Seguiteci su NurseNews.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione