«Avevo sentito parlare di Lodi e sono andato a vedere, non sono un professorone che resta seduto in cattedra. Mi sono spaventato. Io che vengo da un grande ospedale di Milano ho visto un livello organizzativo straordinario e un direttore generale sul pezzo». Il professore Alberto Zangrillo, docente di rianimazione dell’ospedale San Raffaele, coordinatore con Antonio Pesenti della rete “Respira” e medico di Berlusconi, ha ancora gli occhi lucidi.

«Abbiamo fatto una riunione in Asst, a Lodi, nella quale gli specialisti hanno illustrato le loro difficoltà – spiega -; ho capito che hanno un modo di agire encomiabile. I lodigiani devono essere orgogliosi di avere un presidio ospedaliero di questo livello, in tutte le sue unità, amministrative, logistiche e sanitarie; la passione delle persone qui è commovente, a partire dagli infermieri. Sa – dice il professore – a chi paragonerei io questi medici e questi infermieri? Ai vigili del fuoco delle torri gemelle. È gente che lavora sapendo di rischiare la pelle. Hanno affrontato una quantità di ammalati con una voglia, una passione, un’abnegazione che io, che ho 62 anni, non ho mai visto. Voglio segnalare il dottor Stefano Paglia a chi di dovere: deve guadagnare una medaglia d’oro». Sono rimasto «talmente colpito – aggiunge Zangrillo – dalla loro modalità di lavoro che tornando a casa, ieri sera (martedì, ndr), in auto, ho pensato che avrei dovuto dare un segnale. Ho chiamato i miei collaboratori: “Dobbiamo dare un contributo”, ho detto. Alle 8 del giorno dopo ero a Lodi (ieri, ndr), abbiamo fatto due viaggi con due ambulanze per portare al San Raffaele 4 ammalati e lo rifaremo. Abbiamo capito che tentare di controllare il focolaio di Lodi equivale a tentare di salvare Milano. So che il presidente Attilio Fontana ha parlato direttamente con Paglia, lui e l’assessore Gallera sono persone sensibili si stanno impegnando».

La Regione ha messo a disposizione 40mila euro per ventilatori non invasivi che, spiega Zangrillo, «quando usati in modo tempestivo possono evitare il peggioramento del quadro clinico. Il problema è che i quadri clinici sono differenti da paziente a paziente. I malati devono essere osservati, ma con il direttore generale che ha l’ospedale, il rischio che non accada non c’è. Lodi è ancora in una situazione critica, ma ha preso la strada giusta e la situazione può solo migliorare». I letti di terapia intensiva servono come il pane, ma, dice il professore «Milano li sta approntando. Noi per esempio – spiega – abbiamo raddoppiato la nostra capienza. Dopo aver sentito Paolo Rotelli, ho chiesto che venisse predisposto un piano. Ho formato una equipe che sta dando una mano a Lodi e anche a Cremona».

 

Redazione NurseNews. Eu

 

Fonte

 

Il cittadino. It

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione