La classificazione dei lavoratori in Italia, nell’ambito del diritto del lavoro italiano, indica la classificazione dei lavoratori dipendenti.

Esistono 4 categorie legali: i dirigenti, i quadri, gli impiegati e gli operai.

I quadri

I quadri hanno avuto riconoscimento formale soltanto con la legge 13 maggio 1985, n. 190.

L’Infermiere rientra come categoria legale a nostro avviso tra i quadri.

l’art. 2 della legge n. 190/1985 definisce i quadri come lavoratori che svolgono attività di notevole importanza per lo sviluppo e l’attuazione degli obiettivi dell’impresa trai quali la responsabilità gestionale autonoma dell’insieme delle funzioni demandate al lavoratore in oggetto e la gestione diretta dei rapporti con i terzi e potere di impegnare se stessi e l’azienda.

L’infermiere assolve sia il primo requisito stante il D.M. n.739/1994 che lo erge a RESPONSABILE di tutta l’assistenza infermieristica generale( si avvale del personale di supporto.. )  che il secondo requisito considerato che nello svolgimento delle proprie funzioni, rappresenta l’ente per cui lavora attestando fatti avvenuti in sua presenza, praticando in AUTONOMIA, CURE e SOMMINISTRANDO FARMACI NEL CORPO UMANO, di notevole importanza e DELICATEZZA sociale e giuridica, assumendosi elevati livelli di responsabilità civile e penale che, errate, potrebbero causare gravi danni o la morte all’utente.

Differenze con

L’IMPIEGATO (stato attuale dell’infermiere vedi in alto alla busta paga), invece, è un lavoratore che, ai sensi del R.D.L. 13 novembre 1924 n. 1825, non può assumere attività di propria iniziativa, cosa che invece l’infermiere deve fare.
Gli operai anche se specializzati, svolgono mansioni meramente esecutive, elementari, sotto la direzione del superiore che valuta il risultato è può indicare le modifiche da apportare ( ausiliari,O.T.A., O.S.S., ECC.).

L’art. 40, co. 2 del D.Lgs. 30 marzo 2001 n. 165 stabilisce che nell’ambito della contrattazione collettiva del comparto sanità si possano costituire apposite sezioni contrattuali per specifiche professionalità.

“L’uscita dal comparto” comporterebbe di conseguenza un aumento di stipendio, riconoscendoci finalmente anche una giusta retribuzione viste le enormi responsabilità che abbiamo nel campo civile, penale e disciplinari.

Redazione NurseNews

Altre Fonti

Lauretta Anelli

A.A.D.I Lombardia.

Link Pedizione

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

  Lo ha ribadito una sentenza della Cassazione Pubblicato 09/03/2017 Le norme presenti in un codice [continua]

Genova. Sono state necessarie circa 26 ore di volo di uno dei Falcon 900 dell’Aeronautica Militare d [continua]

la prescrizione medica di farmaci è un atto professionale attraverso il quale un medico indica all’i [continua]

Lo prevedono i regolamenti interni che stabiliscono la tipologia di attrezzature, presidi e farmaci [continua]

Per Per la Suprema Corte di cassazione la soppressione del posto di lavoro giustifica il licenziamen [continua]