Bottega_3_CH Si riapra la contrattazione nel comparto sanità. Nursind: “partire subito con una piattaforma costruita dal basso che recepisca la necessità di uno sviluppo di carriera e riconosca il disagio della categoria.”

La sentenza della Corte Costituzionale sull’illegittimità del blocco contrattuale del pubblico impiego – pur in attesa delle motivazioni della sentenza – ci inducono a muoverci subito.

I gravi atti legislativi, che hanno caratterizzato gli ultimi governi, compreso l’attuale, sono stati dichiarati anticostituzionali e hanno peggiorato radicalmente le condizioni dei lavoratori del Servizio sanitario nazionale.

Bisogna aprire, da subito, una tornata contrattuale importante con un radicale rinnovo dell’impianto contrattuale che ormai risale alla fine degli anni novanta dello scorso secolo. Questo rinnovo deve tenere conto dei processi di professionalizzazione che sono maturati in questi anni, deve tenere conto dell’importanza dell’implementazione dello sviluppo di una vera carriera clinica e gestionale, del necessario sviluppo della sanità territoriale, di un reale e serio sistema di valutazione “tra pari”, dell’adeguamento di tutte le indennità legate al “disagio” (notturna, festiva e di pronta disponibilità in particolare), del recepimento rigoroso delle normative europee in materia di orario di lavoro e di riposi e, ultimo ma non ultimo, della necessità assoluta di recupero del potere di acquisto delle retribuzioni.

Bisogna costruire un piattaforma credibile, al passo con i tempi, costruita dal basso e non calata dall’alto delle segreterie nazionali delle organizzazioni sindacali, a cominciare dalla nostra.

Presenteremo, a breve, una bozza di piattaforma aperta provvisoria che sottoporremo alle assemblee di infermieri di tutta Italia (non soltanto ai nostri iscritti e simpatizzanti, quindi) e successivamente, in base alle indicazioni ottenute, redigeremo la nostra piattaforma ufficiale e la invieremo a tutte le sigle sindacali rappresentative per il necessario confronto.

Non è pensabile di arrivare, oggi, a proposte puramente verticistiche che non coinvolgano tutti gli operatori del settore.

Ci aspettiamo già un governo che tenderà a minimizzare gli effetti della sentenza della Consulta e dobbiamo presentarci con proposte credibili e condivise.

Auspichiamo che il governo reperisca le necessarie adeguate risorse per i rinnovi contrattuali e siamo pronti a mettere in campo tutte le iniziative di mobilitazione necessarie.

Il Segretario Nazionale NurSind

Dr. Andrea Bottega
fonte

infermieristicamente.it


 

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione