La parola sfruttamento sul lavoro evoca contesti e situazioni lontane dalla nostra contemporaneità. In realtà, per poter parlare di sfruttamento sul lavoro non è necessario fare riferimento ai neri d’America sfruttati nelle coltivazioni o a nuove forme di schiavitù che stanno emergendo in molti contesti.

Lo sfruttamento sul lavoro, in verità, c’è ogni volta in cui il datore di lavoro non rispetta le norme minime poste a tutela dei lavoratori dalla legge.

Ad esempio, la legge prevede che ci sia un orario massimo di lavoro giornaliero di otto ore. Questa regola parte dal presupposto che il lavoratore ha bisogno di riposare dopo un certo numero di ore di lavoro. Se l’azienda impone al dipendente di lavorare 12 ore al giorno e, magari, non gli paga nemmeno le ore in più che vanno oltre le 8 ore siamo senza dubbio si fronte ad uno sfruttamento.

Lo sfruttamento sul lavoro, in ogni caso, non è un termine tecnico ma indica una situazione di sopraffazione, nella quale il datore di lavoro esercita un potere eccessivo sul dipendente, calpestando i suoi diritti di legge.

Sfruttamento sul lavoro come reato penale
Non sempre, però il termine sfruttamento sul lavoro è generico e non tecnico. Nel nostro ordinamento, infatti, esiste uno specifico reato penale che si chiama proprio “intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro” [1].

La legge afferma, infatti, che salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato, chiunque:

recluta manodopera allo scopo di destinarla al lavoro presso terzi in condizioni di sfruttamento, approfittando dello stato di bisogno dei lavoratori;
utilizza, assume o impiega manodopera, anche mediante l’attività di intermediazione di cui al precedente numero 1), sottoponendo i lavoratori a condizioni di sfruttamento ed approfittando del loro stato di bisogno.

Esiste un aggravamento di pena se i fatti sono commessi mediante violenza o minaccia: in tale fattispecie si applica la pena della reclusione da cinque a otto anni e la multa da 1.000 a 2.000 euro per ciascun lavoratore reclutato.

Ma da cosa si deduce lo sfruttamento sul lavoro? Ci sono dei comportamenti del datore di lavoro che inducono a ritenere che siamo di fronte ad un vero e proprio sfruttamento sul lavoro?

La norma penale afferma che costituisce indice di sfruttamento la sussistenza di una o più delle seguenti condizioni:

la reiterata corresponsione di retribuzioni in modo palesemente difforme dai contratti collettivi nazionali o territoriali stipulati dalle organizzazioni sindacali più rappresentative a livello nazionale, o comunque sproporzionato rispetto alla quantità e qualità del lavoro prestato;
la reiterata violazione della normativa relativa all’orario di lavoro, ai periodi di riposo, al riposo settimanale, all’aspettativa obbligatoria, alle ferie;
la sussistenza di violazioni delle norme in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro;
la sottoposizione del lavoratore a condizioni di lavoro, a metodi di sorveglianza o a situazioni alloggiative degradanti.

“Quando un infermiere é costretto a svolgere mansioni inferiori in via prevalente,siamo di fronte ad un DEMANSIONAMENTO.

Ma quando l’infermiere è costretto a svolgere la propria mansione più quella inferiore siamo di fronte ad uno SFRUTTAMENTO.?”

In definitiva, si può dire che la costante disapplicazione delle leggi sul lavoro, in materia di stipendio, di orario, di ferie, di sicurezza, etc. fa emergere una situazione di generale sfruttamento. La legge parla sempre di condotte reiterate nel tempo: è evidente che sforare l’orario di lavoro massimo una volta non equivale a sfruttamento. Per configurare lo sfruttamento il disprezzo delle leggi deve essere la regole.

Il reato prevede anche alcune aggravanti che comportano l’aumento della pena da un terzo alla metà. Le aggravanti, in particolare, sono:

il fatto che il numero di lavoratori reclutati sia superiore a tre;
il fatto che uno o più dei soggetti reclutati siano minori in età non lavorativa;
l’aver commesso il fatto esponendo i lavoratori sfruttati a situazioni di grave pericolo, avuto riguardo alle caratteristiche delle prestazioni da svolgere e delle condizioni di lavoro.

NurseNews.eu

Fonte

La Legge per tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
Sanità:abrogato il vincolo di esclusività per gli infermieri del servizio pubblico.  Ruggeri! :”emendamento chiesto a gran voce da Sicindustria”.

Sanità:abrogato il vincolo di esclusività per gli infermieri del servizio pubblico.  Ruggeri! :emendamento chiesto a gran voce da Sicindustria.

            A darne notizia è il presidente della sezione strutture socio-sanitarie di Sicindustria, Francesco Ruggeri, che spiega: "È stato finalmente approvato, ...

Continua a leggere

Civico di Palermo:devastato il Pronto Soccorso dopo la morte di una parente arrivata in codice Rosso.

          "Abbiamo assistito a scene da far west - raccontano i medici e gli infermieri - Hanno distrutto tutto quello che ...

Continua a leggere

Sanità. Cisl Fp Cnps: “No a svendita contrattuale dei professionisti sanitari. Chiediamo piena valorizzazione normo-economica”

                “No alla svendita contrattuale a danno di tutti i professionisti della salute del nostro Paese!”. Così, in una nota, il ...

Continua a leggere

Rezza: la terza dose del vaccino non sarà obbligatoria per il personale sanitario

Rezza: la terza dose del vaccino non sarà obbligatoria per il personale sanitario

Rezza: la terza dose del vaccino non sarà obbligatoria per il personale sanitario Il direttore della Prevenzione del ministero della ...

Continua a leggere

COVID 19:Attivare i fast track nei triage Italiani per diminuire i tempi di attesa.

            Spesso leggiamo nei giornali:" dopo 10 ore di attessa in triage muore, infermiere a processo..." Ecco perché Inserire la funzione del ...

Continua a leggere

????????????????????????????????????

La pausa pranzo costituisce orario di lavoro ai sensi della Direttiva 2003/88/CE Corte di Giustizia UE 9 settembre 2021, C-107/19.

          La pausa in cui il prestatore resta a disposizione del datore di lavoro, che può richiedere il suo pronto intervento, ...

Continua a leggere

Covid:illegittima la sospensione senza stipendio dell’ausiliaria. Sentenza n. 2316 del 15 settembre 2021 emessa dal Tribunale di Milano.

Covid:illegittima la sospensione senza stipendio dell'ausiliaria. Sentenza n. 2316 del 15 settembre 2021 emessa dal Tribunale di Milano.

            Accolto dal Tribunale di Milano il ricorso di un'ausiliaria sospesa dal lavoro senza retribuzione dalla datrice per non essersi sottoposta ...

Continua a leggere

Studenti di infermieristica sfruttati per le pulizie e per il giro letti:l'ordine degli infermieri denuncia il Corso di Laurea dell'università di Nuoro.

              Il  fenomeno dello sfruttamento degli studenti di infermieristica, che attanaglia tutti i corso di laurea italiani, è stato definitivamente denunciato ...

Continua a leggere

Rinnovo contrattuale sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

                Rinnovo contratti  sanità, si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati. Dopo due incontri in piena estate, il ...

Continua a leggere

Morena Teti studentessa in infermieristica a Miss Mondo.

Morena Teti studentessa in infermieristica a Miss Mondo.

                Conosciamo Morena Teti:  infermiera a Miss Mondo 2011 Non solo mascherine filtranti e divise. In questa breve intervista Morena ci racconta ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione