Voglio esordire dicendo che questa foto e le frasi successive non conterranno affatto parole smielate e nessuna didascalia tipica di chi vuole ostentare stanchezza e raccomandarvi cose senza motivo.

Poi ci tengo molto a dirvi che NON SONO AFFATTO UN EROE (pur amando alla follia i personaggi Marvel e Batman e non sapete quante volte fantastico nell’essere Bruce Wayne di giorno e il giustiziere di persone cattive di notte sopra i palazzi della città). Però al di là delle mie fantastiche – e a volte preoccupanti – fantasie nell’indossare la pettorina e la maschera dell’uomo pipistrello ODIO essere chiamato eroe quando svolgo la mia professione; semplicemente perché prima di questo maledetto Covid 2019 nessuna anima viva si permetteva di definirci come tali con striscioni, gigantografie, poemi o romanzi. Anzi siamo quelli offesi dalla stampa, dai social e denigrati dalla gente come e dai personaggi famosi o della radio; siamo quelli che subiscono da troppi anni tratamenti economici e professionali ai limiti della dignità umana. Adesso trovo molto ma molto omertoso che la gente ci definisca eroi. Non lo siamo mai stati e a maggior ragione non lo siamo ora che stiamo svolgendo solamente ciò per il quale abbiamo deciso di studiare all’università con tanto impegno, con investimenti e con tante speranze e sogni. Io ho sempre amato questo lavoro sin dal primo momento che l’ho scelto e per quanto lo maledico per le enormi ingiustizie che subiamo come categoria rimane una professione che ho scelto di fare con passione, professionalità e tanta dedizione ed impegno. Badate bene che non ho usato i termini “missione” o “angeli” o quant’altro è ricollegabile al mondo religioso. Perché mi dispiace deludervi ma la mia professione riconosce i principi i intellettuali e scientifici e non quelli religiosi. Tanto vale la componente emotiva, empatica, relazionale e psicologica nella mia professione (anzi oserei dire che sono pilastri importanti) ma non siamo solo “quelli della carezza o del sostegno morale”. Siamo ben altro, ed il fatto che ve ne stiate accorgendo solo per questo dannato virus mi fa riflettere con tristezza che forse nessuno si è mai messo davvero nei nostri panni un secondo nella loro vita, specie quando ci aggredite nei reparti o nei pronto soccorsi di tutto lo stivale o quando ci date del tu impropriamente o per mettervi al nostro livello mentre lo stesso non riuscite a fare con gli altri professionisti sanitari.
Ma nonostante tutte queste difficoltà, amo questo professione come si ama la donna che ti ha tradito più volte; tutti ti prendono per fesso su come sia possibile amare qualcosa che ti delude spesso, che ti tratta male, che ti fa sentire a volte un professionista solo su quella pergamena di laurea, ma la ami lo stesso. La ami quando riesci a curare una piaga da decubito; la ami quando strappi un sorriso a chi di sorrisi non ne mostrava da settimane se non da mesi; la ami quando riesci a salvare una vita di un paziente in arresto cardiocircolatorio; la ami quando qualcuno ti ringrazia elogiando il tuo lavoro; la ami quando torni a casa e sei felice di aver donato un giorno migliore a chi sta peggio di te.
Ma non siamo eroi. Siamo sempre stati esposti a contagi o rischi infettivi di patologie anche più grosse e serie di questo Covid 2019 e mai nessuno se ne è preoccupato prima di questi giorni. Quindi cari amici miei, in questa foto avete davanti semplicemente una persona che ha svolto IL PROPRIO LAVORO, a fine di un turno di lavoro come tutti gli altri, senza pensare al rischio che corre nell’infettarsi, perché quando sono entrato in contatto con sangue e liquidi biologici di pazienti affetti da epatiti, HIV e altre patologie fortemente infettive nessuno mai mi ha chiamato eroe e preferirei non essere chiamato così neanche oggi. Voglio solo svolgere al meglio la mia professione e rassicurarvi del fatto che se stiamo uniti e rispettiamo queste piccole direttive che ci hanno fornito, andrà davvero tutto bene. Poi, quando tutto finirà, ripenseremo a come ricostruire la nostra economia e le nostre vite che stanno subendo grossi danni sotto tutti i punti di vista.
E se c’è tempo a riconoscerci e farci riconoscere dal nostro sistema politica come i PROFESSIONISTI che meritiamo di essere sotto molteplici punti di vista, senza pacche sulle spalle o ringraziamenti pubblici fini a se stessi. Noi svolgiamo solo il nostro lavoro.

Grazie e scusate questo sfogo.

 

NurseNews. Eu

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione