Riportiamo e pubblichiamo un articolo apparso su Nursetimes

Il quotidiano “La Gazzetta del Mezzogiorno”, nella pagina notizie in cronaca per la provincia di Barletta – Andria – Trani, di sabato 12 agosto, in un articolo che occupa un quarto di pagina dal titolo: Direttore Distretto, sale la polemica. “No, non possiede i titoli” .“Si, certo che si, invece”, ospita alcune “prese di posizione” riguardo alla nomina del Collega infermiere dirigente, Antonelli Domenico a Direttore del distretto Socio Sanitario numero tre dell’Asl Bat.

Il primo a rendere noto della sua scesa in campo sull’argomento, con il tipico lessico politico di dubbia interpretazione, adornato dalla presunta necessità di “chiarezza”, è il consigliere regionale del partito Direzione Italia, Francesco Ventola che fa capo all’On. Raffaele Fitto.

Egli sostanzialmente fa coppia con la dott.ssa Grazia Di Bari (Movimento 5 stelle), nel chiedere al Presidente Emiliano: …di verificare la legittimità/opportunità dell’incarico rispetto ai criteri di meritocrazia utilizzati considerando che l’Antonelli è stato selezionato tra tanti professionisti Medici.

Il Consigliere Vendola, oltre ad aggiungere altro nulla a quanto già detto sull’argomento dalla sua collega; si smarrisce nell’inutile tentativo di far passare, nei lettori del quotidiano, la sua letterina rivolta al governatore pugliese Emiliano, quale esercizio di trasparenza. Infatti, egli nella sua “perla” afferma: …che è nel ruolo e nella responsabilità del Direttore del distretto …far funzionare al meglio tutti i nuovi servizi – reparti presenti nel distretto, (da ultimo quello di Canosa).

Beata ignoranza.

Alla coppia dei Politici (Movimento 5 Stelle e Direzione Italia), si aggiunge, brillando in eccentriche e fantasiose considerazioni sulla scelta operata dal Dott. Narracci (Medico) D.G. dell’ASL Bat, il presidente dell’ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Barletta Andria Trani, dott. Benedetto Delvecchio.

Anch’egli, scrive una propria nota sull’argomento al governatore Emiliano sulla falsa riga di quanto affermato da Vendola & Co. precisando che:

“L’ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Barletta Andria Trani, in merito alla nomina del Dottor Domenico Antonelli a direttore del distretto sociosanitario numero tre dell’Asl bat, esprime perplessità sulla opportunità della scelta effettuata. Si fa osservare, infatti, che nell’attuale organizzazione del distretto sociosanitario regionale ed aziendale è assente una struttura complessa di cure primarie con relativa autonomia gestionale idonea a gestire le problematiche di pertinenza medica delle cure primarie. Ciò comporta che il direttore del distretto, ad oggi, sia chiamato in causa direttamente in tutti gli ambiti di competenza distrettuale. Si fa notare che una quota parte fondamentale dei compiti del direttore di distretto è costituita da competenze attinenti le cure mediche primarie, le cure mediche specialistiche, l’assistenza farmaceutica, l’assistenza sanitaria domiciliare, l’integrazione ospedale territorio, l’ambito sociosanitario”.

Il presidente dell’ordine dei medici, continua nella sua nota con il ritenere il Collega Antonelli privo dei requisiti professionali e di esperienza necessari per ottenere l’incarico definendolo un “coordinatore di personale coinvolto in processi di assistenza di un numero definito di pazienti cronici in carico ai medici di medicina generale”.

E’ superfluo sottolineare che le “prese di posizioni” dei medici dell’ordine surrettiziamente condivise dalla politica di bassa lega, sono strumentali e sottendono a ben altri interessi; posto che il dott. Antonelli è stato ammesso regolarmente alla selezione pubblica deliberata dalla Asl per il posto di Direttore di Distretto, poiché nessuno degli attuali obiettori ha recriminato sulla legittimità dell’atto.

Tanto è sufficiente ad evidenziare che la nomina di Antonelli è legittima in quanto perfettamente in linea giuridica alla vigente normativa sul conferimento dell’incarico di direttore di distretto.

La verità è una sola: la nomina di un Infermiere a capo di una struttura gerarchica organizzativa sanitaria viene letta dai medici dell’ordine, come se si trattasse di una situazione di grave “lesa maestà”.

Tanto lo si deduce dalla dichiarazione che riprende il presidente dell’ordine nel suo intervento; ovvero l’aver scelto un Infermiere, l’unico ammesso alla selezione, tra i tanti medici aspiranti al ruolo.

Le “chiacchiere” insignificanti e di pura matrice ideologica sull’esclusiva “pertinenza medica in ambito alle cure primarie” sono ridicole e inaccettabili, tali da essere considerate “patetiche” e “lobbistiche” prese di posizione dei medici dell’ordine e dei suoi “sponsor” politici.

Che tristezza.

Saverio Andreula, infermiere Policlinico di Bari, presidente collegio Ipasvi di Bari

Giuseppe Papagni, infermiere Asl BT, vice presidente collegio Ipasvi della Bat

NurseNews.eu

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione