AGRIGENTO – Non ottiene il riconoscimento di alcuni benefici assistenziali si infuria riconosce un membro della commissione invalidi civili e lo aggredisce selvaggiamente con calci e pugni.

A farne le spese un funzionario del servizio invalidi civili dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento.

Il funzionario è stato trasportato in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio”.

I sanitari gli hanno diagnosticato un trauma cranico facciale e addominale.

Per i gravi traumi riportati si trova ricoverato in ospedale, in prognosi riservata.

Sulla vicenda interviene con una nota la segreteria provinciale UIL FPL AGRIGENTO a firma del suo Segretario Generale Territoriale UIL FPL
Dr. Luigi Danile che scrive:

“Apprendiamo, in queste ultime ore, dell’ennesimo deplorevole e gravissimo atto di violenza consumato ai
danni di un collega dell’ufficio invalidi civili.

Esprimiamo solidarietà al collega ferito, ‘colpevole’ di aver adempiuto ai propri doveri professionali.

Quanto accaduto, purtroppo, non è un caso isolato”.
Tale ’aggressione è un fatto increscioso che non da sicurezza agli operatori della Sanità, che rischiano la propria
vita ogni giorno.
Tuttavia, i drammatici eventi che hanno colpito il nostro Collega e gli atti di violenza sempre più frequenti,
rendono indispensabile porre un’attenzione particolare nei confronti di un Comparto “sanità” che svolge
funzioni di garanzia per la salute dei cittadini e per servizi ad essa collegati.

Chiediamo – come Uil Fpl – l’avvio immediato di un confronto che permetta di superare le grandi
problematiche sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, divenute oramai insostenibili.

Dobbiamo dare una risposta immediata alla segnalazioni che i lavoratori ci rappresentano, quotidianamente,
garantendo loro, una normale sicurezza e serenità in tutti i posti di lavoro.

Inoltre, chiediamo una consulta immediata per la sicurezza sul lavoro con la partecipazione del Prefetto, del
Questore e del Comandante Provinciale dei Carabinieri della Guardia di Finanza e di tutte le forze dell’ordine.

“La misura è colma.
Non aspettiamo che ci scappi il morto”.

In attesa di riscontro e risposta scritta, si porgono distinti saluti.

La nota è stata inviata al Direttore Generale Asp 1 Ag,
al Direttore Amministrativo,
al Direttore Sanitario
e per conoscenza al Prefetto di Agrigento,
al Sig. Questore,
al Comandante dei Carabinieri,
al Comandante della Giardia di Finanza,
ai Comandanti delle Forze dell’Ordine.

Di seguito la nota

 

 

 

 

 

 

Di: Amato Angelo

Seguiteci su:

NURSENEWS.EU

The following two tabs change content below.
Infermiere dal 1991, diploma di educatore dell'infanzia. Esperienza lavorativa : terapia intensiva post operatoria del civico di Modena. Neurorianimazione, villa Sofia di Palermo. Rianimazione e pronto soccorso ospedale Vittorio Emanuele di Gela Rianimazione è pronto soccorso ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Servizio 118 presso CH. 4 San Cataldo ( CL). Vari corsi formativi soprattutto sulle emergenze Intra e extraospedale. ACLS- BLSD - POLITRAUMA- VALUTARE INFERMIERISTICA IN PZ CRITICO- RETE IMA REGIONALE. RESPONSABILE FORMAZIONE PROVINCIALE ASP AGRIGENTO COME DIRIGENTE SINDACALE UIL FPL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

L’infermiere nasce già demansionato, è l’università che lo prepara perché il datore lo possa sfrutta [continua]

L’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Foggia, esprime severissima con [continua]

Professioni sanitarie, ministero Salute: «Abusivo chi non si iscrive subito al nuovo ordine multi-al [continua]

Del medico si dice che è “un luminare”, “uno scienziato”, “in gamba”, “preparato”. Dell’infermiere s [continua]