La pausa in cui il prestatore resta a disposizione del datore di lavoro, che può richiedere il suo pronto intervento, costituisce orario di lavoro ai sensi della Direttiva 2003/88/CE

Corte di Giustizia UE 9 settembre 2021, C-107/19

 

“L’articolo 2 della Direttiva 2003/88/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 novembre 2003, concernente taluni aspetti dell’organizzazione dell’orario di lavoro, deve essere interpretato nel senso che la pausa concessa a un lavoratore durante il suo orario di lavoro giornaliero, durante la quale egli, se necessario, deve essere pronto a partire per un intervento entro due minuti, costituisce «orario di lavoro», ai sensi di tale disposizione, quando da una valutazione globale di tutte le circostanze pertinenti risulta che i vincoli imposti a detto lavoratore durante la pausa di cui trattasi sono di natura tale da pregiudicare in modo oggettivo e assai significativo la facoltà, per quest’ultimo, di gestire liberamente il tempo durante il quale i suoi servizi professionali non sono richiesti e di dedicare tale tempo ai propri interessi”.

Questo, l’importante principio affermato dalla Corte di Giustizia UE (9 settembre 2021, C-107/19) relativamente all’interpretazione della citata Direttiva la quale, come noto, stabilisce (art. 2) che per “orario di lavoro” si intende: qualsiasi periodo in cui il lavoratore sia al lavoro, a disposizione del datore di lavoro e nell’esercizio della sua attività o delle sue funzioni, conformemente alle legislazioni e/o prassi nazionali e per “periodo di riposo”: qualsiasi periodo che non rientra nell’orario di lavoro.

La richiamata Direttiva, all’art. 4, prevede poi che: “gli Stati membri prendono le misure necessarie affinché ogni lavoratore benefici, qualora l’orario di lavoro giornaliero superi le 6 ore, di una pausa le cui modalità e, in particolare, la cui durata e condizioni di concessione sono fissate da contratti collettivi o accordi conclusi tra le parti sociali o, in loro assenza, dalla legislazione nazionale”.

La fattispecie riguarda un vigile del fuoco (Repubblica Ceca) che durante la pausa non era sostituito ed era dotato di un ricevitore che gli permetteva di essere avvertito nel caso in cui avesse dovuto interrompere la sua pausa a causa di una partenza improvvisa per un intervento. Egli pertanto, durante le sue pause, prestava un servizio di guardia, restando a disposizione del suo datore di lavoro al fine di poter assicurare una prestazione di lavoro, su domanda di quest’ultimo.

Sul punto, la Corte precisa che:

a) “i concetti di «orario di lavoro» e «periodo di riposo» si escludono reciprocamente. Il tempo di guardia di un lavoratore deve dunque essere qualificato o come «orario di lavoro» o come «periodo di riposo» ai fini dell’applicazione della Direttiva 2003/88, posto che quest’ultima non prevede alcuna categoria intermedia”;

b) i periodi di guardia non costituiscono necessariamente un periodo di riposo e che il periodo in cui lavoratore è “tenuto a restare sul suo luogo di lavoro a disposizione immediata del suo datore di lavoro” e “deve rimanere distante dal suo ambiente sociale e familiare”, egli “beneficia di una minore libertà per gestire il tempo durante il quale i suoi servizi professionali non sono richiesti”. Pertanto, questo lasso temporale “deve essere qualificato come «orario di lavoro», ai sensi della direttiva 2003/88, indipendentemente dalle prestazioni di lavoro realmente svolte dal lavoratore nel corso di tale periodo”. Ciò, al pari del periodo di guardia in regime di reperibilità, “durante il quale il lavoratore resta a disposizione del suo datore di lavoro al fine di poter garantire una prestazione di lavoro, su domanda di quest’ultimo”, pur non essendo obbligato a rimanere sul suo luogo di lavoro;

c) le modalità di retribuzione dei lavoratori per i periodi di servizio di guardia non sono disciplinate dalla direttiva 2003/88, ma dalle disposizioni pertinenti del diritto nazionale. Sicché, tale Direttiva non osta “all’applicazione di una normativa di uno Stato membro, di un accordo collettivo di lavoro o di una decisione di un datore di lavoro, che, ai fini della remunerazione di un servizio di guardia, prenda in considerazione in maniera differente i periodi nel corso dei quali vengono realmente effettuate delle prestazioni di lavoro e quelli durante i quali non viene svolto alcun lavoro effettivo, anche qualora tali periodi debbano essere considerati, nella loro totalità, come «orario di lavoro» ai fini dell’applicazione della direttiva suddetta [sentenza del 9 marzo 2021, Radiotelevizija Slovenija (Periodo di guardia in un luogo remoto) C-344/19, EU:C:2021:182), punto 58]”.

Redazione

fonte

Soluzionelavoro. It

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
La classificazione del personale nel nuovo contratto del comparto Sanità.

La classificazione del personale nel nuovo contratto del comparto Sanità.

            Il nuovo contratto del comparto sanità prevede una classificazione del personale in cinque aree, che corrispondono a cinque differenti livelli di conoscenze, abilità e ...

Continua a leggere

Contratti: Sbarra (Cisl)- Petriccioli (Fp Cisl) Soddisfazione per l’intesa sul rinnovo CCNL sanità.

                Si consolida il processo di innovazione e modernizzazione della Pubblica Amministrazione Ufficio stampa Cisl, Roma, 15 giugno – “Comunichiamo con soddisfazione ...

Continua a leggere

Muore per un aneurisma al Pronto Soccorso dopo sette ore d'attesa in codice verde :chiesta la condanna dell’infermiere di triage.

              E' successo all'ospedale San Luigi di Orbassano, nel Torinese. Il pm chiede la condanna: "Una valutazione diversa avrebbe potuto salvarlo". Sarebbe ...

Continua a leggere

I Medici contro la Moratti e il patto di diamante con gli Infermieri.

                Prima di bollare le proposte come lesive dei diritti di una o dell'altra categoria (Medici ed Infermieri) in relazione alla ...

Continua a leggere

Continua la protesta della Fnomceo:no alla sostituzione dei Medici di base con gli infermieri.

            Dopo la delibera della regione Veneto sul super oss arriva in Lombardia il "super infermiere"che sostituirà il medico di medicina ...

Continua a leggere

Infermieri e Oss:Da sempre strumentali le contrapposizioni

Infermieri e Oss:Da sempre strumentali le contrapposizioni

              È INCREDIBILE come negli ultimi cinquant'anni siano state strumentalizzate e messe in contrapposizione,con il silenzio assenso di tutte le parti ...

Continua a leggere

Infermieri,paradossi legislativi:vincolo di esclusività e l'indennità negata.

            Il vincolo di esclusività è stato oggetto di disamina in materia collegiale professionale: la stessa Suprema Corte di Cassazione, Sez. ...

Continua a leggere

Anelli,Fnomceo:inconcepibile la sostituzione di medici con infermieri nelle cure primarie.

            Sulla sostituzione dei Medici con gli infermieri carenti nelle cure primarie scoppia la bufera. “È inconcepibile che si tenti di mettere ...

Continua a leggere

“Infermieri supplenti dei medici di famiglia”Moratti svolta in Lombardia.

                      Sperimentazione in alcune Asst introdotta per sopperire alla carenza di Mmg : “Mi auguro siano supplenze temporanee e brevi”. “Gli infermieri ...

Continua a leggere

L'ASL 2 di Roma stabilizza solo i dipendenti idonei e senza limitazioni ,escludendo gli infermieri con limitazione ai sensi di legge . Prontamente arriva la diffida dell' AADI.

                La diffida da parte dell’Associazione avvocatura degli infermieri: “Non esiste il giudizio di incondizionata d'idoneità” presente invece sulla delibera della Azienda ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione