Spesso leggiamo nei giornali:” dopo 10 ore di attessa in triage muore, infermiere a processo…”

Ecco perché Inserire la funzione del fast track nei triage Italiani farebbe diminuire i tempi di attesa e molti errori di valutazione sarebbero evitati, come avviene già nel resto d’Europa.

la funzione di ‘Triage’, ovvero il primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti afferenti al Pronto soccorso, deve essere prevista in ogni dipartimento di emergenza e accettazione dei nostri ospedali (decreto ministeriale n. 76/1992) ed è svolta “da personale infermieristico adeguatamente formato, che opera secondo protocolli prestabiliti.”

Un’altra risposta operativa ad opera dell’infermiere dopo la valutazione di triage potrebbe essere l’attivazione in autonomia del Fast Track.

Vediamo di cosa si tratta:

Questo modello nasce per fornire una risposta assistenziale alle urgenze minori che si presentano in Pronto soccorso e diminuire i tempi di attesa.

Per far ciò l’infermiere di triage, in autonomia e dopo aver valutato e accertato il bisogno di salute dell’utente, invia quest’ultimo direttamente allo specialista competente qualora presenti un quadro di patologia minore con chiara pertinenza mono-specialistica.

Tali percorsi devono essere previsti da protocolli formalizzati concordati tra i vari servizi coinvolti e validati dalla Direzione ospedaliera, riguardanti tematiche mono-specialistiche; devono inoltre prevedere dei criteri di inclusione ed esclusione dei pazienti.

Per velocizzare ulteriormente questo processo alcuni autori sostengono che sarebbe auspicabile la chiusura dell’episodio di Pronto soccorso direttamente ad opera dello specialista e prevedere il ritorno in Pronto soccorso soltanto dei pazienti che necessitino di un ulteriore percorso diagnostico – terapeutico.

Così come per il modello “See and Treat”, anche per quanto riguarda il Fast Track sono presenti delle linee guida che indirizzano l’operato dell’infermiere per inviare o meno direttamente il paziente all’attenzione dello specialista.

La  Regione Veneto ha gia attivato la procedura per quanto concerne l’invio diretto in consulenza dal triage (Allegato A alla DGR n. 1888 del 23 dicembre 2015). Altre regioni hanno previsto l’attivazione di percorsi FT con atti normativi regionali, tra cui la regione Emilia Romagna (DGR n. 1184 del 26 luglio 2010).

 

Ci auguriamo che altre regioni prendano ad esempio la Regione Veneto e l’Emilia Romagna affinché si migliori la capacità di risposta dei nostri Pronto Soccorsi sopratutto in un periodo di pandemia come quello che l’umanità sta vivendo.

NurseNews. Eu

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
La classificazione del personale nel nuovo contratto del comparto Sanità.

La classificazione del personale nel nuovo contratto del comparto Sanità.

            Il nuovo contratto del comparto sanità prevede una classificazione del personale in cinque aree, che corrispondono a cinque differenti livelli di conoscenze, abilità e ...

Continua a leggere

Contratti: Sbarra (Cisl)- Petriccioli (Fp Cisl) Soddisfazione per l’intesa sul rinnovo CCNL sanità.

                Si consolida il processo di innovazione e modernizzazione della Pubblica Amministrazione Ufficio stampa Cisl, Roma, 15 giugno – “Comunichiamo con soddisfazione ...

Continua a leggere

Muore per un aneurisma al Pronto Soccorso dopo sette ore d'attesa in codice verde :chiesta la condanna dell’infermiere di triage.

              E' successo all'ospedale San Luigi di Orbassano, nel Torinese. Il pm chiede la condanna: "Una valutazione diversa avrebbe potuto salvarlo". Sarebbe ...

Continua a leggere

I Medici contro la Moratti e il patto di diamante con gli Infermieri.

                Prima di bollare le proposte come lesive dei diritti di una o dell'altra categoria (Medici ed Infermieri) in relazione alla ...

Continua a leggere

Continua la protesta della Fnomceo:no alla sostituzione dei Medici di base con gli infermieri.

            Dopo la delibera della regione Veneto sul super oss arriva in Lombardia il "super infermiere"che sostituirà il medico di medicina ...

Continua a leggere

Infermieri e Oss:Da sempre strumentali le contrapposizioni

Infermieri e Oss:Da sempre strumentali le contrapposizioni

              È INCREDIBILE come negli ultimi cinquant'anni siano state strumentalizzate e messe in contrapposizione,con il silenzio assenso di tutte le parti ...

Continua a leggere

Infermieri,paradossi legislativi:vincolo di esclusività e l'indennità negata.

            Il vincolo di esclusività è stato oggetto di disamina in materia collegiale professionale: la stessa Suprema Corte di Cassazione, Sez. ...

Continua a leggere

Anelli,Fnomceo:inconcepibile la sostituzione di medici con infermieri nelle cure primarie.

            Sulla sostituzione dei Medici con gli infermieri carenti nelle cure primarie scoppia la bufera. “È inconcepibile che si tenti di mettere ...

Continua a leggere

“Infermieri supplenti dei medici di famiglia”Moratti svolta in Lombardia.

                      Sperimentazione in alcune Asst introdotta per sopperire alla carenza di Mmg : “Mi auguro siano supplenze temporanee e brevi”. “Gli infermieri ...

Continua a leggere

L'ASL 2 di Roma stabilizza solo i dipendenti idonei e senza limitazioni ,escludendo gli infermieri con limitazione ai sensi di legge . Prontamente arriva la diffida dell' AADI.

                La diffida da parte dell’Associazione avvocatura degli infermieri: “Non esiste il giudizio di incondizionata d'idoneità” presente invece sulla delibera della Azienda ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione