H19:30 ennesimo turno, solito rituale:
Tuta, ffp3, cerotti per far aderire nel miglior modo possibile la mascherina, cuffia chirurgica, 3 paia di guanti, visiera e stivali, ancora una volta sono rimasti solo gli occhi per comunicare, nulla è più come prima da mesi ormai e per quanto mi riguarda non so se mai più lo sarà (anche quando tutto questo sarà finito!).
Passaggio delle consegne e si inizia con il giro parametri.

Al letto n.1 c’è il Sign. Giovanni.
È qui da noi da un paio di giorni, abbiamo provato di tutto con lui, ma niente nessun margine di miglioramento.
Mi avvicino, per misurare la pressione,gli tocco la mano ed è fredda.

Incrocio i suoi occhi. Sono colmi di lacrime e paura. Provo un senso di angoscia.
Mi guardo intorno,il reparto è pieno .
I suoi occhi non mi mollano li sento addosso come un fardello, vedo il terrore in quegli occhi. Uno sguardo che accomuna un po’ tutti i pazienti in quella stanza.
Gli chiedo se ha freddo e lui annuisce.

Il monitor inizia a suonare, per fortuna è un artefatto, cambio gli elettrodi scollati, sistemo i fili aggrovigliati del monitoraggio cardiaco,riposiziono il saturimetro, sposto i deflussori, riposiziono il letto e azzero la pressione arteriosa cruenta…quanti fili in quel letto, è un caos capire dove iniziano e dove finiscono.

Gli sistemo il camice,le lenzuola , le coperte e il cuscino.
“Va meglio ora?”, annuisce.
Controllo la saturazione, non è per niente brillante, l’ega del pomeriggio era pessimo, tra un po’ scenderanno i medici della rianimazione per una consulenza, molto probabilmente verrà intubato.

“Ha ancora freddo?”, mi fa cenno col capo di no.
Non riesce a parlare, ha la Total Face sul viso, sta facendo un ciclo di Niv.
Mi segno la FiO2 , controllo che non ci siano perdite e trascrivo il resto dei parametri.
Tra i capelli arruffati ha una ragnatela di cinturini che partono dalla nuca e ancorano la maschera al viso sono stretti nel miglior modo possibile, devono stare stretti! meno perdite compaiono nel monitor ,più efficace sarà la ventilazione.
Ma a lui giustamente danno tanto fastidio.
Sotto il mento e nel naso iniziano a formarsi delle piaghette a causa della pressione.

Ad un certo punto prova a dirmi qualcosa, non riesco a sentirlo bene,credo di capire “toglimi la maschera,basta” , non vuole più farsi ventilare! “Non posso Signor Giovanni, se la tolgo non respira”.
Il Pz fa un’espressione di resa, chiude gli occhi e si abbandona.
“Signor Giovanni non si arrenda! ce la deve fare! Ce la dobbiamo fare!” Lui riapre gli occhi, mi guarda, uno sguardo che mi trapassa visiera, tuta, divisa e cuore…mi stringe forte la mano ma non riesce a dire neanche una parola!

Gli occhi mi si riempiono di lacrime…”ma come si fa a sopportare tutto questo, da soli! senza un abbraccio,una carezza, senza il sostegno delle persone a noi care”.

Mi sento sempre più vulnerabile, più stanca, questo virus lo sento sempre più vicino. Sono sempre più convinta che prenderà anche noi!

Mi blocco subito, VIETATO MOLLARE : se io crollo , se i miei colleghi crollano, chi rimane in questo caos?
È stata dura la prima ondata. Questa lo è ancora di più.

Mi devo riprendere. Devo continuare a lavorare, non posso permettermi una debolezza del genere.
Chi sta lì ha bisogno della nostra parte migliore! Non possiamo permetterci errori!

“Signor Giovanni provi a riposarsi un po’, per qualsiasi cosa, io sarò qui con lei tutta la notte”. Lui mi fa cenno di sì e chiude gli occhi.
Gli lascio la mano, tolgo i guanti, mi igienizzo quelli che ho sotto e ne rimetto un altro paio..e vado avanti…con la speranza di rivederlo al turno successivo !

“Riflettete sull’importanza delle mascherine, delle distanze, dei limiti e di tutto quello che ora siamo costretti a sopportare.
Non fatelo per me…per noi.Ma per i nostri pazienti che sono il padre, la madre, il fratello, il nonno di qualcuno…sono i vostri e i nostri cari.
E tutto questo non lo meritano.
Nessuno lo merita!”

Agata Guglielmino
Infermiera

San Marco – Rewind.

NurseNews. Eu

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Sanità:in arrivo i primi fondi dall’Europa.Ecco cosa chiedono gli infermieri.

          Stanno per arrivare i primi soldoni Europei; tutti sperano in una prima boccata d’ossigeno per il nostro disastrato sistema salute, ...

Continua a leggere

Facciamo chiarezza, L’infermiere non assiste il medico ma il paziente.

            Quante volte noi infermieri ci siamo sentiti dire dai medici, nel pieno delle nostre attività assistenziali, di coadiuvarli nelle procedure ...

Continua a leggere

Cassazione:Buoni pasto anche per il personale sanitario che non riesce a fare pausa pranzo.

          La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 5547 del 2021, ha stabilito che il buono pasto sostitutivo spetta anche ...

Continua a leggere

Fials: il protocollo d’intesa sui vaccini e fnopi, viola la legge 3/18, il governo convochi subito i sindacati firmatari. .

Fials: il protocollo d'intesa sui vaccini e fnopi, viola la legge 3/18, il governo convochi subito i sindacati firmatari. .

              Sulla questione del protocollo d’intesa stilato da Fnopi, Ministero della Salute e Conferenza Stato/Regioni interviene anche il sergetario generale della Fials Giuseppe Carbone “E’ ...

Continua a leggere

Usa, Fauci: lavoriamo per un vaccino anti-covid in pillole

Potrebbe diventate realtà il vaccino anti-covid in pillole. L'mmunologo americano Anthony Fauci dichiara "ci stiamo lavorando con Pfizer". L'esperto Americano continua: "non ...

Continua a leggere

Studio su Lancet:è matematico, diminuendo il numero degli infermieri nei reparti aumentano i morti.

Studio su Lancet:è matematico, diminuendo il numero degli infermieri nei reparti aumentano i morti.

  Un ampio studio su Lancet condotto in Australia suggerisce che il rapporto minimo di un infermiere ogni 4 pazienti (l’Italia ...

Continua a leggere

Fondi Covid per il personale sanitario, Cisl Fp: “Pronti alla protesta”

Fondi Covid per il personale sanitario, Cisl Fp: “Pronti alla protesta”

                Tutto il personale sanitario e’ stato in prima linea nella fase più acuta della pandemia e, ancora oggi, affronta giornalmente ...

Continua a leggere

Le Aziende sanitarie, in relazione al proprio assetto organizzativo e compatibilmente con le risorse disponibili, possono istituire mense di servizio o, in alternativa, garantire l'esercizio del diritto di mensa con modalità sostitutive (buoni pasto).

                Ai Direttori Generali A.O. Cannizzaro ARNAS Garibaldi A.O.U. Policlinico - Vittorio Emanuale ASP Catania Oggetto: Corte di Cassazione Sentenza 01/03/2021 ...

Continua a leggere

Infermieri demansionati a Catania:azienda ospedaliera condannata a pagare maxi risarcimento per dequalificazione.

Infermieri demansionati a Catania:azienda ospedaliera condannata a pagare maxi risarcimento per dequalificazione.

            Gli infermieri che svolgono le attivita’ proprie degli operatori di supporto subiscono un demansionamento e vanno risarciti. E’ quanto ha ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione