Oggi la gestione del SSN è saldamente in mano alla classe medica che gode di condizioni non permesse a tutti gli altri professionisti della sanità: vedi intramoenia, per non parlare della dirigenza per tutti, anche per chi non dirige un bel nulla.

Gli infermieri, i moderni servi della gleba, sono e devono rimanere relegati nel comparto; devono stare fuori dai posti che contano, ed ogni qualvolta osano mettere un piede in avanti si innescano tutte le reazioni da parte di chi gestisce la sanità in modo da non permettere fughe in avanti.

Lo dimostra anche il linguaggio usato “i medici non vogliono” come fosse loro diritto concedere ad altri.

Una delle ultime vicende, mi riferisco all’interpello avanzato dalla consigliera della Regione Puglia (VEDI), dimostra, semmai ce ne fosse necessità, della bontà di quanto qui affermato.

Perché un conto è chiedere informazioni sulle modalità e sui criteri di assegnazione di un dato incarico, nel rispetto dei principi costituzionali di imparzialità e trasparenza a cui tutta la pubblica amministrakzione dovrebbe attenersi; altra questione è considerare inferiore una categoria.

Mi spiego meglio, quando si scrive “l’incarico di direttore è un incarico importante perciò deve essere svolto da un dirigente medico”, a mio parere si intende dire esplicitamente che, in quanto medico, superiore o più adatto a svolgere un incarico importante.

Quante volte abbiamo letto di paventati rischi per la popolazione qualora alcune competenze specialistiche vengano svolte dagli Infermieri???

La verità è che la classe medica vuole in mano la gestione della sanità e non vuole mollare l’osso..

Non ultime sono le prassi Aziendali.

Per esempio in tutti i reparti o quasi, esiste la stanza dei medici con tanto di letto e televisione, ovviamente illegale perché nessuno è pagato per dormire, ma tutto perfettamente tollerato, anzi considerato normale; mentre gli infermieri spesso non hanno neanche una poltrona per distendere i piedi dopo una notte in corsia…

La stragrande maggioranza delle risorse economiche è assorbita dai medici; lo scotto che devono pagare gli infermieri è il demansionamento, perché la legalizzazione del sistema, comporterebbe l’assegnazione in tutti i turni, notte e giorno, di personale di supporto (OSS), con costi non indifferenti per il sistema.

Il contratto di esclusività per gli infermieri è a costo zero, mentre per i medici è profumatamente pagato…

Insomma un trattamento completamente diverso, basta notare anche la corrispondenza; quando è rivolta ai medici “i signori medici sono pregati ecc. ecc.”, mentre quando si rivolge agli Infermieri, “gli infermieri devono, pena sanzione disciplinare e.c.c.” .

Da Diocleziano ad oggi, non esistono più per fortuna gli schiavi, ma il concetto non è cambiato. Il destino degli Infermieri è in mano agli stessi Infermieri, se e quando prenderanno coscienza di tutto ciò.

Matteo Giuseppe Incarviglia.
NurseNews.eu

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione