Lunghe attese in molti pronto soccorsi italiani,dove i pazienti aspettano per ore e ore prima di essere visitati.
Nell’attesa stanno in posti angusti e senza aria climatizzata, molti stanno in piedi a causa della mancanza di barelle, carrozzine o normalissime sedie e quelle che ci sono sono da rottamare perché vecchie e rotte.

Bagni guasti o sporchi e se funzionanti non c’è sapone o carta igienica.
Non ci sono lenzuola e cuscini.
Mancano le aste reggi flebo e quelle che ci sono vengono incerottate perché rotte.
Il 118 aspetta ore per lasciare alle cure del PS i pazienti che soccorrono.
Medici e Infermieri sotto organico pochi ausiliari e mancanza della figura dell’ OSS stanno portando all’esaurimento psico-fisico i lavoratori e a serio rischio di vita chi ha bisogno di cure immediate.
Questo, inoltre è la causa delle numerose aggressioni fisiche e verbali che ricevono ogni giorno i poveri sanitari in servizio.
Oggi,non si fa’ altro che parlare di questo umiliante disservizio sanitario e queste sono le parole dei cittadini italiani.

ECCO,COSA DICONO NELL’ARTICOLO SOTTOSTANTE DI UN PRONTO SOCCORSO PUGLIESE,CHE POI E’LO SPECCHIO DI MOLTI ALTRI IN ITALIA.

• IL TERZO MONDO E’ QUI!!!
LO SCHIFO DEL PRONTO SOCCORSO DELL’OSPEDALE PERRINO… EMILIANO VENGA A TRASCORRERE UNA GIORNATA IN SALA D’ATTESA:

Le risorse pubbliche possono essere risparmiate in qualunque modo ed è giusto farlo. Ma risparmiare sulla salute della gente è intollerabile. Lo ha fatto e continua a farlo la Regione Puglia e le Asl (compresa quella di Brindisi) sono impegnate solo a far quadrare i conti. Lo specchio di questa vergogna è il Pronto Soccorso dell’ospedale Perrino di Brindisi. Un posto dove la vita di ciascuno di noi viene messa in pericolo. Ogni giorno centinaia di persone attendono per ore ed ore che qualcuno si ricordi di loro. E l’attesa avviene in sale dove la privacy non esiste, dove chi ha bisogno di soddisfare i propri bisogni corporali e non può alzarsi dalla barella è costretto a farli in pubblico, dove non c’è la libertà di manifestare il proprio dolore, dove chi ha una semplice ferita si trova a contatto con chi si sospetta abbia un ictus o un infarto. Ed a fronteggiare questo esercito di feriti e di gente che sta male ci sono pochi infermieri ed ancor meno medici che ce la mettono tutta, ma che sono anche loro sull’orlo del collasso. Per una tac richiesta dagli stessi medici del pronto soccorso si aspetta a volte più di dieci ore e non c’è nessuno disposto a darti qualche spiegazione, a farti capire quanto dovrai aspettare. L’aver chiuso o depotenziato altri punti di pronto soccorso in provincia di Brindisi ha fatto convergere quasi tutti nel capoluogo e le conseguenze sono ormai sotto gli occhi di tutti. E, si badi bene, questa non è una situazione che necessita (come è accaduto fino ad oggi) di interventi-tampone da parte dell’Asl. Occorre una soluzione radicale che non può non coinvolgere la Regione Puglia. Il Presidente Michele Emiliano venga a trascorrere una giornata nel pronto soccorso del “Perrino”. E prenda nota anche nella sua veste di magistrato in aspettativa. Probabilmente si renderà conto che all’orizzonte si potrebbe prospettare, a carico della sanità pubblica, il reato di omissione di soccorso.

Fonte: Brindisitime.it

Di: Amato Angelo
Seguici su nursenews.eu

The following two tabs change content below.
Infermiere dal 1991, diploma di educatore dell'infanzia. Esperienza lavorativa : terapia intensiva post operatoria del civico di Modena. Neurorianimazione, villa Sofia di Palermo. Rianimazione e pronto soccorso ospedale Vittorio Emanuele di Gela Rianimazione è pronto soccorso ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Servizio 118 presso CH. 4 San Cataldo ( CL). Vari corsi formativi soprattutto sulle emergenze Intra e extraospedale. ACLS- BLSD - POLITRAUMA- VALUTARE INFERMIERISTICA IN PZ CRITICO- RETE IMA REGIONALE. RESPONSABILE FORMAZIONE PROVINCIALE ASP AGRIGENTO COME DIRIGENTE SINDACALE CISL FP MEMBRO DIRETTIVO REGIONALE CNPS CISL FP DOCENTE SCUOLA FORMAZIONE ERAP ISTRUTTORE BLS D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione