carbone.
Da Quotidoano Sanita.it Il

Segretario Generale Giuseppe Carbone scrive a Lorenzin e critica la scelta dell’esclusione dei sindacati dal tavolo in cui siedono Fnomceo e Ipasvi. “Non sprecare tempi ed energie in esercitazioni di modifica del 566 ricordando che l’implementazione delle competenze per queste professioni è stata ed è una scelta strategica e qualificante voluta dal Governo Renzi”. E poi duro attacco ai sindacati medici: “Un’oligarchia”. LA LETTERA

24 GIU – Con una nota al Ministro della Salute, la FIALS critica la Lorenzin “per aver favorito la ripresa degli incontri, presso lo stesso Dicastero, tra Fnomceo – Ipasvi sul comma 566 della legge di stabilità 2015 escludendo volutamente i sindacati in particolare quelli del comparto sanità”.

Nella lettera il Segretario Generale Giuseppe Carbone, nell’affermare di “aver appreso con stupore che sarebbero in corso incontri promossi dal Ministro della Salute con le Federazioni nazionali degli Ordini dei medici e dei Collegi degli infermieri per trovare un’ipotetica soluzione per l’applicazione del comma 566 della legge di stabilità 2015, dichiara che non si comprende assolutamente la ratio per diverse motivazioni”
“In primo luogo – rileva – l’implementazione delle competenze avanzate e specialistiche delle professioni infermieristiche e delle altre professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione nasce e si sviluppa essenzialmente dal confronto e dalla trattativa con le organizzazioni sindacali, il particolare quelle del personale del comparto sanità”.

“Si tratta, infatti – prosegue il Segretario Generale della FIALS – di una mera questione di organizzazione del lavoro, materia di competenza sindacale senza alcun risvolto di natura deontologica, fra l’altro, ripetutamente confermato dalla magistratura penale ed amministrativa che ha sancito che nell’implementazione delle competenze avanzate di infermieri ed altre professioni sanitarie non vi è alcuna invasione nelle competenze della professione medica, anzi nel caso del fisioterapista, ha sancito l’inverso, mentre in sempre più Regioni si stanno realizzando in forma estesa, dalle stesse deliberate in attuazione delle scelte del Patto per la Salute”.

Carbone accusa, nella sua nota, il Ministro della Salute Lorenzin di “continuare a disattendere l’applicazione di una norma, il 566 della legge 190/15, dalla stessa proposta per timore di infastidire una oligarchia sindacale medica, subendone il ricatto, nonostante il parere contrario di tutte le Regioni e Province autonome e del Partito di maggioranza del suo Governo”.

“Un’oligarchia sindacale medica – denuncia Carbone – che oltre a disattendere il parere favorevole all’implementazione delle competenze degli infermieri, di parte larga degli stessi medici e dalle componenti più avanzate della stessa professione medica proposte, ha sempre manifestato il suo parere contrario anche prima dell’approvazione del comma 566”.

“La ricerca artificiosa del consenso di tale oligarchia sindacale medica, da parte del Ministro Lorenzin, si configura – contesta il Segretario Generale FIALS – come un inutile accanimento terapeutico che non porterà a nessun risultato”.

“Le organizzazioni sindacali del comparto sanità dal Ministro alla Salute convocate su questo argomento un anno fa – denuncia ancora Carbone, stanno ancora attendendo di essere riconvocate nonostante la vana promessa che sarebbero state riconvocate dopo 15 giorni…convocazione dispersa nel vuoto delle promesse ministeriali. Questo accanimento terapeutico si ripete nonostante che nella precedente approvazione dell’ultima legge di stabilità un analogo tentativo di modifica unilaterale del comma 566 era stato bocciato dalla stessa maggioranza governativa. Ne consegue che la FIALS si vede costretta a diffidare il Ministero della Salute a proseguire nel confronto con le sole rappresentanze professionali ordinistiche ed invita a trasmettere alla Conferenza Stato-Regioni, senza alcun indugio, le due proposte sinora concordate con le Regioni ed i Sindacati di implementazioni delle competenze per le professioni di infermiere e di tecnico sanitario di radiologia medica e di riaprire il confronto per le altre professioni sanitarie, tecniche della riabilitazione e della prevenzione nonché per la professione di ostetrica”.

Nella nota conclusiva, il Segretario Generale della FIALS, invita, il Ministro Lorenzin “a non sprecare tempi ed energie in esercitazioni di modifica del 566 ricordando che l’implementazione delle competenze per queste professioni è stata ed è una scelta strategica e qualificante voluta dal Governo Renzi per garantire una migliore presa in carico della salute dei cittadini in relazioni alla nuova domanda di salute del mutato quadro epidemiologico e demografico, funzionale all’evoluzione dinamica scientifica, tecnologica, ordinamentale e formativa e che valorizza parimenti l’apporto professionale degli infermieri, degli stessi medici e delle altre professioni della salute”.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione