nurse1“Che fine ha fatto la politica? Perché non interviene? Il governatore della regione, espressione tra l’altro di questo territorio, deve pensare a tutti questi giovani ancora una volta mortificati”.

COSENZA – Gli infermieri cosentini, per tramite del loro rappresentante, Fausto Sposato presidente Ipasvi, si rivolgono direttamente al Governatore Oliverio affinchè intervenga, questa volta in maniera definitiva, sulla sanità calabrese e sulle assunzioni ospedaliere. Il Commissario Scura infatti, ha autorizzato ufficialmente la procedura di assunzione, “prelevando” le figure professionali direttamente dalla graduatoria del Pugliese-Ciaccio di Catanzaro ma gli infermieri non ci stanno: “Le promesse di Scura andavano in tutt’altra direzione”, afferma Sposato in una nota al vetriolo: “Graduatorie si, temporanee, ma soprattutto via libera ai concorsi ed ai bandi nuovi. Così, invece, si mortificano tutti quei giovani che dal 2009 in poi si sono laureati e che ancora adesso aspettano Godot…”.

Sposato specifica che l’Ipasvi non è certamente “contro le assunzioni”, ma che al tempo stesso, con questi meccanismi, “ viene negata ai neo laureati l’opportunità di un posto di lavoro, tra l’altro senza bandi e concorsi esterni viene messa in discussione la stabilizzazione dei precari tanto agognata”. Il ragionamento è semplice: la graduatoria del Pugliese è ferma al 2008; da quella data in poi, chi ha avuto modo di laurearsi per svolgere la professione sanitaria, è “chiuso in un recinto dal quale è impossibile uscire”. Ecco perché allora l’appello ad Oliverio ed alla politica tutta.

“ Si dia opportunità a tutti, si valorizzino studio e competenze, si bandisca l’atteso concorso con pari e medesime opportunità per tutti, non escludendo alcuno”, tuona Sposato. “ L’università investe nella formazione dei nostri giovani per poi dire agli stessi di andare via perché le opportunità non ci sono. Ognuno allora faccia la propria parte: i sindacati, la politica, gli Ordini. In base a che cosa si procede per le assunzioni? Non esiste un piano strutturale; non si comprende su quale modello assistenziale possano essere fatte le scelte; non si condivide alcun percorso e, per ultimo, ancora non si riesce ad elemosinare un solo appuntamento con il Commissario da parte della dirigenza dell’Ipasvi, unica titolata a discutere, per trovare sintesi e ragionevolezza. Chi si vuole proteggere? L’emergenza poteva essere tamponata attingendo al tempo determinato, per poi procedere con il concorso regionale, come promesso da Scura”. Una situazione per nulla facile. Gli infermieri sono pronti alla “guerra mediatica” in tutte le forme già da domani, qualora dovesse persistere questo “clima di incertezza e non volontà alla discussione”. “Non accettiamo neppure la solita, oggi inopportuna, motivazione impostata sul carattere dell’urgenza: non esiste, ,semmai si doveva fare prima dell’estate”. L’Ipasvi ha messo in campo e profuso ogni energia, ma senza l’aiuto fondamentale delle altre parti interessate, viene meno anche il diritto alla legalità e si infrangono i sogni di tanti giovani. Siamo pronti a dimostrarlo”

fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione