È di

fondamentale importanza prima di svolgere il lavoro di triage nei PRONTO SOCCORSI aver eseguito un corso di formazione sul triage e conoscere il programma in uso nell’azienda in cui si presta servizio.

UN’ALTRO aspetto importante è conoscere le linee guida e i protocolli aziendali.
Oggi,in molte realtà ospedaliere questo non avviene mettendo in pericolo sia l’infermiere che il paziente che viene valutato con il codice colore.

Leggete l’articolo:

Errore nell’assegnazione del codice al pronto soccorso: si rischia reato di omicidio.
Se si commette un errore nel classificare un’emergenza bisognerà valutare il nesso di causalità tra la condotta omessa e il decesso del paziente

La questione relativa all’accertamento del nesso di causalità tra un errore compiuto dal medico e il danno cagionato al paziente è una questione molto complessa.

Nel caso di specie analizzato dalla Corte di Cassazione, si trattava di giudicare il caso di un errore di assegnazione del codice durante il triage al pronto soccorso che aveva causato la morte di un paziente.

Con la sentenza numero 26922/2017 del 30 maggio infatti, i giudici hanno fornito delle indicazioni rilevanti per valutare la riconducibilità di un evento dannoso a un’ipotesi di responsabilità medica.

Nella vicenda giudiziaria presa in esame, un’infermiera addetta al triage aveva erroneamente assegnato a un paziente il codice verde invece di quello giallo. Il giudice aveva sancito la condanna per omicidio colposo della sanitaria, riscontrando che l’erronea qualificazione delle condizioni di salute del paziente, poi deceduto, dovesse essere ricondotta alla condotta omissiva e negligente dell’infermiera. L’indagine del nesso causale era poi stata condotta non valorizzando anche tutte le peculiarità del caso concreto, e non solo basandosi sul dato statistico.

La Corte di Cassazione, avallando la sentenza del giudice, ha però precisato che il rapporto di causalità tra omissione ed evento non può essere ritenuto sussistente solo valutando il coefficiente di probabilità statistica, ma necessità di essere verificato sulla base di un giudizio di alta probabilità logica.

Ai fini dell’accertamento del nesso causale di un determinato evento, quindi, bisogna prendere in esame tutte le particolarità del caso concreto e chiarire cosa sarebbe invece accaduto se l’imputato (in questo caso l’infermiera) avesse tenuto il comportamento richiestogli dall’ordinamento (nella specie l’apprezzamento delle reali condizioni del paziente, sia al suo arrivo in pronto soccorso sia successivamente).

Ed è proprio seguendo tale ragionamento che il giudice del merito aveva valutato che, se l’infermiera avesse valutato in modo idoneo le condizioni del paziente in pronto soccorso, la sua condotta avrebbe avuto con alta probabilità logica un ruolo salvifico.

Di conseguenza, tale omissione è costata all’infermiere una condanna per il reato di omicidio colposo, confermata anche dalla Cassazione.

Dal web
Di Amato Angelo

The following two tabs change content below.
Angelo Amato
Infermiere dal 1991, diploma di educatore dell'infanzia. Esperienza lavorativa : terapia intensiva post operatoria del civico di Modena. Neurorianimazione, villa Sofia di Palermo. Rianimazione e pronto soccorso ospedale Vittorio Emanuele di Gela Rianimazione è pronto soccorso ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Servizio 118 presso CH. 4 San Cataldo ( CL). Vari corsi formativi soprattutto sulle emergenze Intra e extraospedale. ACLS- BLSD - POLITRAUMA- VALUTARE INFERMIERISTICA IN PZ CRITICO- RETE IMA REGIONALE. RESPONSABILE FORMAZIONE PROVINCIALE ASP AGRIGENTO COME DIRIGENTE SINDACALE UIL FPL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

rispondo allo Stimatissimo Garau che con la legge n.42 del 26 febbraio 1999 si stabilisce che l’infe [continua]

In merito alla ventilata possibilità di equiparare le due professioni, interviene il segretario nazi [continua]

Pensioni Nulla di fatto : governo e sindacati si danno un nuovo appuntamento per martedì , 21 novemb [continua]

Approda in Parlamento europeo, e in particolare in commissione Petizioni, il caso degli infermieri p [continua]

Un medico neoassunto è definito dalla legge e dai contratti collettivi vigenti come “dirigente”. Per [continua]