Federica Vecchini, l’infermiera 43enne accusata di aver somministrato morfina ad un neonato con il solo scopo di farlo smettere di piangere, si proclama innocente ed estranea ad ogni addebito.

Lo ha fatto ieri, durante l’interrogatorio fiume durato 8 ore all’interno del carcere di Montorio, dove la donna si trova rinchiusa da due giorni.

“La mia cliente, nonostante sia provata da quanto accaduto e dalla mancanza dei figli, ha risposto punto per punto e senza contraddizioni alle molte domande e alle contestazioni del giudice, dimostrando un atteggiamento che può avere solo chi ha la coscienza pulita, dando prova di una forza d’animo notevole. Ha negato di aver somministrato la morfina al bambino e di averlo mai fatto prima, come qualcuno avrebbe affermato” ha spiegato l’avvocato Martini .

La professionista avrebbe detto, davanti al giudice, che quel tipo di morfina, destinata alla somministrazione orale e non endovenosa, era di libero accesso e non sottoposta alle annotazioni di movimentazione: tutti avrebbero potuto utilizzarla senza risultare in alcun documento.

E sul perché la Vecchini abbia “azzeccato” la terapia salvavita, ovvero la somministrazione di naxolone, il legale di Cerea riporta la versione dell’infermiera: “Ha una grande esperienza accumulata anche in altri reparti, sa riconoscere i sintomi di un’intossicazione da stupefacente, per questo ha ribadito di aver suggerito l’inibitore della morfina: non certo perché era stata lei a dare la morfina, anzi, più volte ha ripetuto di aver salvato la vita al piccolo”.

E quel buco tra le 21 e le 21.15 in cui la donna sarebbe rimasta da sola con il bambino, o quantomeno sarebbe stata ritrovata con il bambino in braccio? “La mia cliente ha confermato la circostanza, raccontando che per calmarlo lo ha tenuto in braccio il tempo di un caffè nella saletta. Contestiamo questa ricostruzione perché non reputiamo credibile che la morfina, che si suppone sia stata somministrata in quel lasso di tempo, abbia scatenato la crisi respiratoria addirittura tre ore dopo” ha continuato Martini.

Chi è stato dunque a somministrare l’oppiaceo, rischiando di far morire il bambino? “Su questo Federica non ha fatto ipotesi. La nostra linea difensiva attualmente è questa, non pensiamo a tirare in mezzo altre persone”.

Il legale ha depositato oggi l’istanza di trasferimento alla detenzione domiciliare:

Infine la Vecchini avrebbe chiesto di incontrare i figli, ma se i domiciliari verranno accettati si eviterà ai piccoli di dover entrare in carcere per incontrare la mamma.

Alfio Stiro

Fonte villafrancaweek

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione