E’ successo all’ospedale San Luigi di Orbassano, nel Torinese. Il pm chiede la condanna: “Una valutazione diversa avrebbe potuto salvarlo”.

Sarebbe bastato assegnargli un codice giallo anziché verde, secondo l’accusa, per poterlo far visitare in tempi ragionevoli.

Non sarebbero trascorse
sette ore prima della visitare di quel paziente di 63 anni, arrivato al pronto soccorso dell’ospedale San Luigi di Orbassano, alle porte di Torino, con un dolore intenso, e crescente, all’inguine.

L’uomo aveva avuto un’aneurisma addominale, ed era morto poco dopo che i medici si accorgessero della reale gravità della situazione, quando ormai però era troppo tardi per salvargli la vita. Non ha avuto dubbi, la procura, sullo” errata valutazione” come se si trattasse di un caso di poco conto: il pm Giovanni Caspani ha chiesto la condanna dell’infermierie a un anno di carcere.

“C’è stata una sottovalutazione del quadro sintomatico del paziente” ha spiegato nella sua requisitoria il pm, secondo cui non avrebbe avuto rilevanza il fatto che al paziente fosse stato fatto l’esame del sangue, che, al pari dei parametri vitali nella norma, non aveva segnalato particolari anomalie. I valori, insomma, non avevano indicato alcuna criticità. “Ma non è stato preso in considerazione il forte dolore dell’uomo, che avrebbe invece dovuto allarmare l’infermiere.

Il paziente era arrivato al pronto soccorso il 23 gennaio 2019, accompagnato dal figlio. Era stato spiegato subito che da due giorni pativa un dolore fortissimo a livello inguinale e in precedenza era già stato sottoposto a un intervento vascolare. Alle  14,30 l’infermiere, (difeso dagli avvocati Pietro e Gino Obert), gli aveva attribuito un codice verde. Successivamente, alle 16,42 e poi alle 19,36 era stato rivalutato altre due volte senza che il codice d’urgenza cambiasse.

Ma quell’errore di attribuzione della gravità avrebbe avuto la conseguenza di non accorgersi subito dell’evoluzione della sua situazione, per la fessurazione e poi la rottura dell’aorta addominale: un paziente con un codice verde, infatti, secondo le linee guida nazionali, può attendere anche 120 minuti prima che le sue condizioni vengano valutate. Mentre con un codice giallo i tempi si sarebbero ridotti a un massimo di 20 minuti. Il processo è stato rinviato al 19 luglio per la sentenza.

Redazione NurseNews.eu

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
La classificazione del personale nel nuovo contratto del comparto Sanità.

La classificazione del personale nel nuovo contratto del comparto Sanità.

            Il nuovo contratto del comparto sanità prevede una classificazione del personale in cinque aree, che corrispondono a cinque differenti livelli di conoscenze, abilità e ...

Continua a leggere

Contratti: Sbarra (Cisl)- Petriccioli (Fp Cisl) Soddisfazione per l’intesa sul rinnovo CCNL sanità.

                Si consolida il processo di innovazione e modernizzazione della Pubblica Amministrazione Ufficio stampa Cisl, Roma, 15 giugno – “Comunichiamo con soddisfazione ...

Continua a leggere

Muore per un aneurisma al Pronto Soccorso dopo sette ore d'attesa in codice verde :chiesta la condanna dell’infermiere di triage.

              E' successo all'ospedale San Luigi di Orbassano, nel Torinese. Il pm chiede la condanna: "Una valutazione diversa avrebbe potuto salvarlo". Sarebbe ...

Continua a leggere

I Medici contro la Moratti e il patto di diamante con gli Infermieri.

                Prima di bollare le proposte come lesive dei diritti di una o dell'altra categoria (Medici ed Infermieri) in relazione alla ...

Continua a leggere

Continua la protesta della Fnomceo:no alla sostituzione dei Medici di base con gli infermieri.

            Dopo la delibera della regione Veneto sul super oss arriva in Lombardia il "super infermiere"che sostituirà il medico di medicina ...

Continua a leggere

Infermieri e Oss:Da sempre strumentali le contrapposizioni

Infermieri e Oss:Da sempre strumentali le contrapposizioni

              È INCREDIBILE come negli ultimi cinquant'anni siano state strumentalizzate e messe in contrapposizione,con il silenzio assenso di tutte le parti ...

Continua a leggere

Infermieri,paradossi legislativi:vincolo di esclusività e l'indennità negata.

            Il vincolo di esclusività è stato oggetto di disamina in materia collegiale professionale: la stessa Suprema Corte di Cassazione, Sez. ...

Continua a leggere

Anelli,Fnomceo:inconcepibile la sostituzione di medici con infermieri nelle cure primarie.

            Sulla sostituzione dei Medici con gli infermieri carenti nelle cure primarie scoppia la bufera. “È inconcepibile che si tenti di mettere ...

Continua a leggere

“Infermieri supplenti dei medici di famiglia”Moratti svolta in Lombardia.

                      Sperimentazione in alcune Asst introdotta per sopperire alla carenza di Mmg : “Mi auguro siano supplenze temporanee e brevi”. “Gli infermieri ...

Continua a leggere

L'ASL 2 di Roma stabilizza solo i dipendenti idonei e senza limitazioni ,escludendo gli infermieri con limitazione ai sensi di legge . Prontamente arriva la diffida dell' AADI.

                La diffida da parte dell’Associazione avvocatura degli infermieri: “Non esiste il giudizio di incondizionata d'idoneità” presente invece sulla delibera della Azienda ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione