Conosciamo Morena Teti:  infermiera a Miss Mondo 2011

Non solo mascherine filtranti e divise. In questa breve intervista Morena ci racconta passioni, paure e speranze mostrandoci il vero volto di una ragazza non solo bella fuori ma con un cuore grande.

Ciao a tutti! Mi chiamo Morena, ho 23 anni, e tanti sogni nel cassetto. Sono Abruzzese e per l’esattezza vengo da Lanciano, città in provincia di Chieti.

Sono una studentessa di infermieristica presso l’università degli studi Gabriele D’Annunzio di Chieti e se Dio vorrà a breve diventerò infermiera.

Già, infermiera, categoria che in questi ultimi anni è molto discussa. Ci hanno descritto in tutti i modi: infermiere come Angelo, infermiere come eroe, infermiere come grande figura di riferimento e come colonna portante in ogni ambito sanitario. Essere e diventare infermiera è sempre stato il mio grande sogno, da quando ero piccola.


Ricordo ancora i tanti momenti in cui volevo andare in ospedale da mia madre (infermiera e caposala del reparto Nido/pediatria dell’ospedale Renzetti di Lanciano) nei suoi giorni lavorativi.

Nella vita ho cercato di buttarmi in cose nuove e di provarle sempre facendomi coraggio tra paura di cadere e voglia di vivere nuove esperienze.

Infatti è proprio qui, in ospedale, nella mia “casa” dove tutto è iniziato.
Durante il mio tirocinio formativo mi sono occupata di un paziente che era ricoverato e durante la sua degenza dietro ad una divisa enorme e una mascherina, conoscendomi solo dalla voce e dagli occhi mi disse “io sono un fotografo” ti faccio i miei complimenti per tutta la passione che impieghi nel compiere il tuo lavoro e nell’imparare per realizzare il tuo futuro. E tra terapia assistenza sanitaria mi arrivò la frase “perché non provi concorsi di bellezza? con la tua altezza e bellezza potresti tentare” io risi e gli risposi sbeffeggiando “magari, si certo un’infermiera a Miss mondo”

Tornai a casa, ne parlai in famiglia e tra una risata e un’altra mio cognato a mia insaputa inviò la mia candidatura. Quando fui contattata da Miss Mondo pensai che fosse uno scherzo, e rimasi incredula. E dopo averci pensato e riflettuto dissi “va bene accetto” e da lì ho iniziato il mio tour di selezioni. Tra turni di tirocinio in ospedali, tra mattine e pomeriggi, studio e Lezioni universitarie ho provato questa bellissima esperienza con il sostegno e l’incoraggiamento di tutti. E tra selezioni, voti della giuria e voti del pubblico si è coronato il mio sogno più grande. Essere eletta Miss Abruzzo Web per Miss Mondo e rappresentare così l’Abruzzo insieme ad altre tre ragazze dolcissime alle Nazionali.

Per me è stato davvero il sogno più bello. Soprattutto perché non avrei mai pensato che potesse succedere a me.

Ho avuto un’infanzia infelice, bullizzata da tutti perché ritenuta “cicciona, brutta, obesa”.

Ho subito di tutto, piccoli episodi ma dolorosi che in questi momenti mi ritornano in mente. Ricordo quando i miei coetanei mi hanno bruciato sigarette sulle mani perché avevo del peso in più; quando mi hanno attaccato gomme da masticare ai capelli costringendomi a tagliarli perché ero considerata il brutto anatroccolo.

Ero la ragazza che tutti prendevano in giro e che per sentirsi bella entrò prima in anoressia per poi passare in un men che non si dica in bulimia.

Vedere i propri genitori che sono sempre andati d’accordo litigare perché “Morena non mangia e digiuna giorni, perché Morena ha paura del cibo e perché Morena sta male“ non è stato il massimo per me.

Solo che ho spezzato la famosa corda del lato dell’anoressia entrando così nel verso opposto della medaglia ovvero in bulimia: mangiare per nascondere me stessa dietro il cibo e per consolarmi.

Solo in seguito, iniziando questo corso di laurea ho capito che ciò che contava era altro.

Vedere persone che pagherebbero oro per avere un giorno in più della mia vita, persone che muoiono, bambini che stanno male e che soffrono, che piangono; uomini e donne abbandonate a loro stesse, su un letto di ospedale, da soli senza nessuno è ciò che ha davvero importanza.

E allora capisci ciò che davvero conta nella vita, capisci che è altro ciò che vale, capisci e inizi ad apprezzare la vita, e a viverla a colori; inizi ad amarti e a fare le cose per bene.

Così pian piano tra corse sul tapis roulant, corse per strada sotto la pioggia di notte o di giorno alimentazione sana e sacchi di pellet e bottiglie d’acqua usate come pesi durante questi ultimi due anni di COVID e quarantene varie ho perso 35 kg scoprendo una nuova Morena.

Per questo ho deciso di partecipare a Miss mondo, per me, per farmi coraggio, per raccontare la mia storia, per avere la mia rivincita personale.
Penso di aver fatto una delle scelte più belle che la vita mi abbia dato: la possibilità di realizzare il mio sogno! Portare Morena, la futura infermiera e la sua storia alle nazionali di Miss Mondo.

Tutto questo lo devo alla mia famiglia senza la quale non sarei riuscita a far nulla, a me e a tutta la volontà impiegata; ma soprattutto al mio Manager Camillo concittadino e organizzatore di sfilate di moda ed eventi artistici. Lui mi ha aiutata, sostenuta, consigliata, incoraggiata tra sorrisi e frasi e battute scherzose, accompagnata in ogni scelta con grinta e motivazione.

Lui ha sempre creduto in me e se sono arrivata fin qui lo devo soprattutto grazie a lui e alla stima che ha nei miei confronti e la fiducia che ripone in me.

Mi ha fatto conoscere persone splendide tra cui la sua collaboratrice e ex modella Laika alla quale mi sono affezionata tantissimo e che ringrazio per avermi sempre consigliata. La ringrazio per avermi trasmesso tanti bei valori e l’amore verso la moda e insegnato che non serve avere una taglia 38 per essere una Miss ma che in fondo le Miss possono essere ragazze normali semplici e genuine con una testa sulle spalle e sogni nel cassetto.

Li ringrazio davvero per tutto, Spero di non deluderli mai e spero di continuare professionalmente a crescere con loro sotto ogni aspetto.

Ed ora si, posso dirlo forte: l’infermiera va a Miss mondo!

Redazione NurseNews. Eu

fonte

Nurse Times. It

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
Sanità:abrogato il vincolo di esclusività per gli infermieri del servizio pubblico.  Ruggeri! :”emendamento chiesto a gran voce da Sicindustria”.

Sanità:abrogato il vincolo di esclusività per gli infermieri del servizio pubblico.  Ruggeri! :emendamento chiesto a gran voce da Sicindustria.

            A darne notizia è il presidente della sezione strutture socio-sanitarie di Sicindustria, Francesco Ruggeri, che spiega: "È stato finalmente approvato, ...

Continua a leggere

Civico di Palermo:devastato il Pronto Soccorso dopo la morte di una parente arrivata in codice Rosso.

          "Abbiamo assistito a scene da far west - raccontano i medici e gli infermieri - Hanno distrutto tutto quello che ...

Continua a leggere

Sanità. Cisl Fp Cnps: “No a svendita contrattuale dei professionisti sanitari. Chiediamo piena valorizzazione normo-economica”

                “No alla svendita contrattuale a danno di tutti i professionisti della salute del nostro Paese!”. Così, in una nota, il ...

Continua a leggere

Rezza: la terza dose del vaccino non sarà obbligatoria per il personale sanitario

Rezza: la terza dose del vaccino non sarà obbligatoria per il personale sanitario

Rezza: la terza dose del vaccino non sarà obbligatoria per il personale sanitario Il direttore della Prevenzione del ministero della ...

Continua a leggere

COVID 19:Attivare i fast track nei triage Italiani per diminuire i tempi di attesa.

            Spesso leggiamo nei giornali:" dopo 10 ore di attessa in triage muore, infermiere a processo..." Ecco perché Inserire la funzione del ...

Continua a leggere

????????????????????????????????????

La pausa pranzo costituisce orario di lavoro ai sensi della Direttiva 2003/88/CE Corte di Giustizia UE 9 settembre 2021, C-107/19.

          La pausa in cui il prestatore resta a disposizione del datore di lavoro, che può richiedere il suo pronto intervento, ...

Continua a leggere

Covid:illegittima la sospensione senza stipendio dell’ausiliaria. Sentenza n. 2316 del 15 settembre 2021 emessa dal Tribunale di Milano.

Covid:illegittima la sospensione senza stipendio dell'ausiliaria. Sentenza n. 2316 del 15 settembre 2021 emessa dal Tribunale di Milano.

            Accolto dal Tribunale di Milano il ricorso di un'ausiliaria sospesa dal lavoro senza retribuzione dalla datrice per non essersi sottoposta ...

Continua a leggere

Studenti di infermieristica sfruttati per le pulizie e per il giro letti:l'ordine degli infermieri denuncia il Corso di Laurea dell'università di Nuoro.

              Il  fenomeno dello sfruttamento degli studenti di infermieristica, che attanaglia tutti i corso di laurea italiani, è stato definitivamente denunciato ...

Continua a leggere

Rinnovo contrattuale sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

                Rinnovo contratti  sanità, si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati. Dopo due incontri in piena estate, il ...

Continua a leggere

Morena Teti studentessa in infermieristica a Miss Mondo.

Morena Teti studentessa in infermieristica a Miss Mondo.

                Conosciamo Morena Teti:  infermiera a Miss Mondo 2011 Non solo mascherine filtranti e divise. In questa breve intervista Morena ci racconta ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione