Rinnovo contratti  sanità, si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati.

Dopo due incontri in piena estate, il prossimo è fissato per martedì 21 settembre 2021, giorno in cui l’Aran incontrerà i principali sindacati rappresentanti della categoria.

 

Rinnovo CCNL comparto sanità, lo stato dei lavori contrattuali:


«Il tavolo ufficiale per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro di tutto il personale sanitario, tecnico e amministrativo, che opera in aziende ed enti del Servizio sanitario nazionale, è stato inaugurato ufficialmente il 5 agosto di quest’anno – racconta Marianna Ferruzzi, segretario nazionale Cisl Fp con delega sanità pubblica -. Il primo incontro è stato di apertura del tavolo, durante il secondo la controparte, l’Aran, ha consegnato una bozza degli articoli del contratto». Ed è partendo da questi che, ora, si entrerà nel vivo della trattativa. «Il 21 settembre presenteremo le nostre proposte di modifiche e concorderemo il calendario dei successivi incontri», aggiunge Ferruzzi.

Gli obiettivi della trattativa
Due i principali nodi da sciogliere: l’adeguamento del valore economico contrattuale e la revisione della classificazione del personale. «Tre anni fa – dice Ferruzzi – dopo nove lunghi anni di attesa, è stato riconosciuto un aumento di 85 euro in busta paga. Una cifra inadeguata che dovrà essere necessariamente aumentata. L’ultima revisione della classificazione del personale, invece, è ancora più datata, risale al 1999. Inoltre, con la revisione complessiva del nuovo ordinamento professionale sarà necessario rivedere anche il sistema delle indennità».

Risultati importanti che, per essere ottenuti, necessitano del supporto della nuova legge di Bilancio. «La cifra necessaria, considerando tutti i lavoratori del pubblico impiego (e non solo quelli della sanità) è di circa un miliardo e mezzo di euro», sottolinea Ferruzzi.

«Una questione di merito»
Sui tempi della trattativa non ci sono previsioni. I sindacati sono pronti al pugno di ferro. «Non siamo assolutamente intenzionati a firmare un rinnovo del contratto che non risponda alle nostre richieste – assicura il segretario nazionale Cisl Fp -. I dipendenti della sanità pubblica hanno un ruolo cruciale nel garantire l’efficienza del SSN. Un’importanza che questi due anni di pandemia hanno ulteriormente evidenziato. Per questo non siamo disposti, nella maniera più assoluta, a strozzare la discussione in ragione del tempo. Siamo pronti ad affrontare intere giornate di trattativa e, se necessario – conclude – anche lunghe nottate».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Regione Sicilia:medico e infermieri devono essere reperibili 7 giorni su sette è legge.

                    Il 7 luglio è entrato in vigore il provvedimento che chiede a tutte le Regioni di dotarsi di un'organizzazione “territoriale” ...

Continua a leggere

Ripristinate funzioni vitali di alcuni maiali a un’ora dalla morte:lo studio pubblicato sulla rivista Nature

            Gli scienziati sono riusciti a riattivare in modo parziale alcune attività di cuore, cervello, reni e fegato degli animali. Merito ...

Continua a leggere

Casellati:“Infermieri vanno tutelati” e incontra la Mangiacavalli.

              La presidente del Senato ha ricevuto la presidente Fnopi e ha affermato che farà il possibile per aiutare la professione. “A ...

Continua a leggere

Al Senato al Ddl Concorrenza: cambia la selezione dei primari ospedalieri.

Al Senato al Ddl Concorrenza: cambia la selezione dei primari ospedalieri.

          Dopo il definitivo via libera del Senato, arrivato con 161 voti favorevoli, 21 contrari e 2 astensioni, e al termine di ...

Continua a leggere

Cannizzaro unico centro siciliano nel programma RISP per lo screening del tumore al polmone.

        L’Azienda Ospedaliera Cannizzaro è l’unico centro della Sicilia inserito dal Ministero della Salute nella Rete Italiana Screening Polmonare (RISP). Si ...

Continua a leggere

La Fnopi e il MIGEP SPINGONO per la NASCITA di una nuova figura:”l’aiuto infermiere “. Ma allora chiamiamola con il suo vero nome “AIUTO OSS”.

La Fnopi e il MIGEP SPINGONO per la NASCITA di una nuova figura:l'aiuto infermiere . Ma allora chiamiamola con il suo vero nome AIUTO OSS.

                "L’aiuto infermiere" che propongono LA FNOPI E IL MIGEP dovrebbe essere una figura intermedia tra un oss e un infermiere GENERICO. Purtroppo ...

Continua a leggere

Ecco la proposta:Lausiliario aiuto infermiere la contraffazione e il passato che ritorna.

            Qualcuno sta spingendo per la nascita di una nuova figura "l'aiuto infermiere".😂😂 Vediamo Di cosa si tratta e la sua eventuale ...

Continua a leggere

CISL FP SULLE BOLLE COVID NEGLI OSPEDALI: “MAGGIORE PERICOLO DI CONTAGIO E NESSUNA RISORSA IN PIÙ”

CISL FP SULLE BOLLE COVID NEGLI OSPEDALI: MAGGIORE PERICOLO DI CONTAGIO E NESSUNA RISORSA IN PIÙ

          Maggiori carichi organizzativi, nessuna nuova risorsa per affrontarli e il rischio di un aumento dei contagi tra i lavoratori: sono ...

Continua a leggere

Taranto, primario muore in corsia per un infarto. I colleghi: Aveva lavorato per 12 ore di fila.

            Giovanni Buccoliero, 61 anni, era primario facente funzioni a Manduria. È morto durante il giro in corsia. Il giorno prima aveva lavorato ...

Continua a leggere

Penitenziario di Sollicciano (Firenze), recluso tenta di stuprare infermiera,Poliziotto la salva.

            Odioso caso di tentato stupro nella casa di reclusione di Sollicciano, nei confronti di un' infermiera in servizio. La professionista ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione