Per evitare ogni tipo di incertezza legata ai risultati dei test, “sarebbe utile effettuare un tampone di richiamo”. La proposta è del Prof. Andreoni, direttore scientifico della Società di malattie infettive. Intanto, per la prima volta dal 13 marzo, è stato registrato il numero più basso di nuovi positivi

Seppur minimo, ma un margine d’errore può esserci anche sui test effettuati per verificare se il Coronavirus se n’è andato completamente o se ne è rimasta ancora qualche traccia.

“C’è incertezza”
Oltre alla mancanza di reagenti, bisogna far attenzione all’errore nell’eseguire i tamponi: dopo due risultati negativi consecutivi, la prima donna contagiata a Roma sembrava guarita ma, dopo un nuovo test, è tornata positiva. Come si legge sul Messaggero, il Prof. Rezza, direttore dell’Istituto Superiore della Sanità, predica calma ma “c’è incertezza, ed è bene ammetterlo, i casi di ritorno dell’infezione sono eccezionali – afferma – non sappiamo se chi resta a lungo positivo è ancora contagioso e quanto”.

“Tampone di richiamo”
Per evitare di incappare in un’errore, “sarebbe utile effettuare un tampone di richiamo” ha affermato Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e virologo del Policlinico Tor Vergata di Roma. “Questo virus ha una lunga presenza all’interno dell’orofaringe e nel nostro ospedale abbiamo notato che il tampone è molto operatore-dipendente”, spiega.

Eliminare l’errore umano
In pratica, il Prof. Andreoni alza il livello d’attenzione di chi esegue i test perché “ci sono operatori che hanno in gran parte risposte positive dai pazienti, altri che ne hanno in batteria di negativi, l’esecuzione richiede un certo expertise – afferma – se fatto male, il tampone può dare esito negativo”. Serve quindi maggiore precisione perché, l’errore nell’eseguire un test, può far pensare ad un paziente negativo, quindi guarito ma “si rischia di dichiarare guarito chi non lo è”.

Ecco i test sierologici
In soccorso ai tamponi e per ridurre i tempi di attesa di un risultato, ecco in soccorso i test sierologici che stanno per essere usati da diverse regioni italiane: l’esito si avrà dopo un’ora invece di 24 e, soprattutto, si potrà capire se l’organismo ha sviluppato gli anticorpi contro il virus (che significherebbe che il paziente è stato positivo). Lo screening, in una prima fase sperimentale, riguarderà circa 200mila persone ma, anche in questo caso, l’Iss predica calma. “L’affidabilità è ben lungi dal 100%, serve cautela”, ha dichiarato il Prof. Rezza.

“Comincia la discesa”
Intanto, buone notizie arrivano dal fronte del Covid-19 in Italia: il “plateau”, ovvero il famoso picco di cui tanto si parla, non solo sarebbe stato raggiunto ma sembrerebbe essere addirittura alle spalle, come ha annunciato Rezza nella conferenza stampa di ieri della Protezione civile con i numeri aggiorati. “Sembra esserci una discesa”, ha affermato alla stampa mentre il ministro della Salute Roberto Speranza, poche ore fa, ha fatto sapere che l’indice di contagio “è leggermente sotto l’1, un risultato straordinario se pensiamo che fino a qualche settimana fa eravamo a 3 o 4, ovvero un soggetto positivo ne infettava fino a 3-4”.

Ecco il primo spiraglio, la prima luce in fondo al tunnel: 47 giorni dopo il “paziente uno” di Codogno e 17.127 decessi a causa del Covid, la curva dell’Italia vira, finalmente, verso il basso: per il quarto giorno consecutivo sono diminuiti i ricoverati in terapia intensiva ed i guariti in un solo giorno sono stati 1.555. Uno degli indici più importanti riguarda il trend di aumento dei contagiati, “il numero più basso dal 13 marzo” sceso al 2,29% con un totale di “soli” 3.039 nuovi casi.

Non bisogna assolutamente abbassare la guardia perché l’emergenza non è ancora finita e “per ogni caso che viene riportato dal sistema di sorveglianza ci sono magari 10 persone infette”, spiega Rezza. La strada verso maggio è ancora lunga quando, secondo alcune stime diffuse ieri, il numero dei nuovi casi giornalieri potrebbe scendere al di sotto dei 100.

Redazione

Fonte

Il giornale

 

 

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione