Perché le aziende sanitarie hanno interesse affinché l’infermiere dichiari la malattia e non l’infortunio?

Prima di tutto definiamo giuridicamente la malattia e l’infortunio.

È malattia ogni evento morboso che sia incompatibile con la specifica attività lavorativa svolta dal lavoratore (T.U. 7 settembre 2009 n. 205).

È infortunio la causa violenta subita in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o un’inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale, ovvero un’inabilità temporanea assoluta che importi l’astensione dal lavoro per più di tre giorni (art. 2, D.P.R. 30 giugno 1965 n. 1124).

Quindi, l’infortunio è un evento che realizza una malattia, causato da un agente lesivo, meccanico o organico, contratta durante lo svolgimento di un’attività lavorativa registrata all’INPS.

Quali sono le differenze sostanziali?

La gestione della malattia è assegnata all’INPS, mentre l’infortunio è gestito dall’INAIL e, quindi, dichiarata la malattia, l’INPS provvede ad erogare l’indennità retributiva, diversamente, acclarato l’infortunio, l’INAIL erogherà non solo l’indennità retributiva, ma anche l’equo indennizzo (una sorta di risarcimento per il pregiudizio psico-fisico sofferto), qualora l’invalidità permanente raggiunga almeno il 6% del punto percentuale della tabella predisposta – Cass. Lav., 14 ottobre 2016 n. 20807.

Inoltre, l’INAIL risarcisce il danno patrimoniale ed esistenziale dimostrato anche per presunzioni, se la patologia è tabellata (l’INPS no) – Cass. Lav., 29 novembre 2017 n. 28507.

La malattia INPS inciderà sul periodo di comporto, utile al licenziamento in tronco per giusta causa, mentre il periodo di malattia INAIL dovuto all’infortunio non sarà computato nel comporto.

Per ultimo, sotto il 6% di invalidità oppure se l’equo indennizzo non copre satisfattivamente quanto sofferto, al datore di lavoro si può chiedere ed ottenere il risarcimento del danno ovvero il c.d. danno complementare oppure il danno differenziale (il primo in concorrenza con l’INAIL, il secondo nel caso di rigetto della domanda da parte dell’INAIL), naturalmente sempre che tali danni siano dimostrabili anche per presunzione iuris tantum.

Ed allora, se ci si ammala da COVID-19 e tale malattia è causalmente correlata all’attività assistenziale che l’infermiere ha svolto, dovete denunciare l’infortunio anche presso il vs. medico di base e comunicarlo al vs. datore di lavoro.

La giurisprudenza ha riconosciuto che: “La causa violenta da infortunio, ai sensi dell’art. 2, D.P.R. 30 giugno 1965 n. 1124, è da considerarsi anche se dovuta all’azione di fattori microbici o virali che penetrando nell’organismo umano e ne determinano l’alterazione

dell’equilibrio anatomico-fisiologico, sempreché tale azione, pur se i suoi effetti si manifestino dopo un certo tempo, sia in rapporto (accertabile anche con ricorso a presunzioni semplici) con lo svolgimento dell’attività lavorativa. (Fattispecie relativa ad epatite virale contratta a causa della sua attività da un primario ospedaliero di reparto trasfusionale)” – Cass. Lav., 27 giugno 1998, n. 6390.

Perciò fate rispettare i vostri diritti; in ogni caso l’Associazione Avvocatura Degli Infermieri è a vostra disposizione su legale@aadi.it.

 

Aadi

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Nel Catanese ospedale subisce pesante condanna per aver demansionato gli Infermieri.

                    Il tribunale di Catania ancora una volta mette un punto fermo sul demansionamento infermieristico.Infatti la sentenza recita:" gli infermieri che ...

Continua a leggere

Attivato il Fast Track in Piemonte per la gestione del sovraffollamento in Pronto Soccorso,pubblicate linee di indirizzo per Triage e OBI.

            Piemonte: pubblicate linee di indirizzo per Triage, OBI, Fast Track e gestione sovraffollamento in Pronto Soccorso L’assessore alla sanità della Regione Piemonte, ...

Continua a leggere

Modello “See and Treat” Pronto Soccorso:agli infermieri i codici di minore gravità. Progetto sperimentale a Rimini da aprile

                L'annuncio:"Entro aprile partirà il progetto sperimentale dell’Ausl che prevede, per ora per le sole aree di Rimini e Riccione, la ...

Continua a leggere

Risarcito e reintegrato il lavoratore licenziato per scarso rendimento sulla base dei precedenti disciplinari.

                    Reintegrato e risarcito il lavoratore licenziato per scarso rendimento sulla base dei precedenti disciplinari. Scatta la tutela reale attenuta per il ...

Continua a leggere

Ucraina, morto l’infermiere Pete Reed: ha salvato migliaia di bambini nella zone di guerra

              Muore a soli 33 anni colpito da Una bomba russa  esplosa sulla sua piccola ambulanza che lui stesso aveva allestito. Era ...

Continua a leggere

Il gruppo delle Ferrovie dello Stato seleziona infermieri “professionali” laureati e di supporto al medico

              “Attività del ruolo: assicura il supporto al medico nei vari gabinetti specialistici per lo svolgimento di visite mediche ed accertamenti clinico-strumentali (ECG, spirometrie, ...

Continua a leggere

Oltre al demansionamento lo Sfruttamento lavorativo. Elementi costitutivi e definizione legale.

                      Elemento economico Una prima dimensione dello sfruttamento, relativamente più intuitiva e di senso comune, è quella economica in senso stretto: ...

Continua a leggere

Medici di famiglia e pediatri in pensione a 72 anni. Allentamento vincoli di esclusività per gli infermieri e altri operatori sanitari.

Medici di famiglia e pediatri in pensione a 72 anni. Allentamento vincoli di esclusività per gli infermieri e altri operatori sanitari.

            Al fine di far fronte alle esigenze del Ssn e garantire i Lea, in assenza di offerta di personale medico ...

Continua a leggere

Cambio tuta, azienda Ospedaliera Catanese condannata a risarcire gli infermieri

Cambio tuta, azienda Ospedaliera Catanese condannata a risarcire gli infermieri

            Lo ha stabilito la Corte d’Appello, confermando la sentenza di primo grado. Esulta il sindacato che ha promosso e supportato ...

Continua a leggere

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione