Il decreto chiude la porta a qualsiasi percorso di stabilizzazione per i camici bianchi che decideranno di rispondere alla “chiamata”. No anche a straordinari pagati di più per il personale sanitario già operativo


Arrivano risorse (650 milioni) e corsie veloci per assumere i 20mila medici e infermieri chiesti dalle Regioni per dare il cambio a chi sta in trincea e coprire così i buchi li dove serve di più nel pieno dell’emergenza coronavirus. Peccato che il decreto legge Sanità n.14 appena approdato sulla Gazzetta Ufficiale – quella del 9 marzo – chiuda la porta a qualsiasi percorso di stabilizzazione per i camici bianchi che decideranno di rispondere alla “chiamata” alle armi contro il coronavirus. No anche a straordinari pagati di più per il personale sanitario già operativo.

Rinvio udienze, 20mila assunti nella sanità e alberghi per le quarantene: cosa prevede il decreto coronavirus
SCOPRI DI PIÙ
Incarichi di un anno non rinnovabili
Nel decreto c’è dunque il via libera dunque solo a soluzione precarie: il rischio dunque che gli avvisi pubblici degli ospedali siano in parte disertati è più che concreto. In particolare l’articolo 2 non prevede più, come nelle prime bozze, la possibilità di una stabilizzazione dopo 2 anni di contratto a tempo determinato da trasformare in indeterminato, bensì solo la possibilità per gli ospedali di prevedere «durante la vigenza dello stato di emergenza» incarichi individuali della durata di 1 anno non rinnovabili. Con il solo beneficio che questi incarichi potranno costituire «titoli preferenziali nelle procedure concorsuali per l’assunzione presso le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale». Un contentino dunque.

Si anche a contratti di 6 mesi senza tutele
Resta in piedi poi, come nelle bozze, l’articolo 1 del decreto legge che come canale prioritario per assoribire più personale sanitario prevede la possibilità di ricorrere a contratti di lavoro autonomo di 6 mesi, anche co.co.co., prorogabili fino al 2020 nel caso l’emergenza continuasse. Una corsia questa aperta anche ai giovani medici specializzandi del quarto e quinto anno. Contratti precari che Carlo Palermo segretario di Anaao Assomed, principale sigla sindacale, definisce «usa-e-getta» e che non forniscono tutele assicurative : «Non possono essere la risposta perché scarsamente attrattivi, sia per la forma contrattuale sia per lo stipendio che si prefigura al massimo ribasso in una situazione di alto rischio professionale». Il decreto in Gazzetta tra l’altro non prevede, come sembrava in un primo momento, di pagare di più gli straordinari al personale sanitario (si ipotizzava un 50% in più).

Occasione persa
Per il segretario di Anaao Assomed Palermo il decreto appena approvato è in parte una occasione persa: «Non possiamo perdere l’occasione di implementare le dotazioni di personale del Ssn. Entro il 2025 usciranno per pensionamento circa 40 mila medici dipendenti del Servizio sanitario. I contratti libero professionali saranno un flop.

Consiglio alle amministrazioni delle aziende sanitarie – aggiunge Palermo – di puntare decisamente alle assunzioni a tempo indeterminato ove possibile ovvero ad assunzioni a tempo determinato di 1 o 2 anni da trasformare con provvedimenti successivi in tempo indeterminato. Nel decreto traspaiono i niet del Mef e i paletti del Miur. Siamo in guerra, non è più il tempo per queste insensate limitazioni».

Il sole24oresanita. It

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione