[lwlWidget cod=””]

La donazione degli organi è un tema di grande importanza, oltre che di estrema delicatezza.

Si definisce “trapianto” un’operazione chirurgica nella quale viene sostituito un organo o un tessuto, con un altro prelevato dallo stesso individuo o da un individuo esterno.

Ecco perché classifichiamo i trapianti in:

  1. Omotrapianti o autotrapianti (dallo stesso individuo);
  2. Allotrapianti (da un altro individuo);
  3. Xenotrapianti (da individuo di specie diversa).

E nel particolare, classifichiamo i trapianti distinguendoli in:
1. Trapianti di organo (cuore, fegato, pancreas, intestino, reni, polmoni);

2. Trapianti di tessuto (vene, arterie, valvole cardiache, ossa, muscoli, tendini, cute, membrana amniotica, cornea);

3. Trapianti di cellule (staminali emopoietiche).

Il trapianto rientra nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) dei Sistema Sanitario Nazionale e dunque in Italia è gratuito.

Il trapianti di organi o tessuti può provenire da due categorie di donatori, ossia il donatore vivente o il donatore cadavere.

  • Il donatore vivente è un cittadino che decide liberamente, per motivazioni legate alla più pura generosità o ad un rapporto di parentela o amicizia con il ricevente, di donare un organo (o parte di esso) o tessuti.

Cosa può donare questo donatore?

  • Organi pari (rene);
  • Parti di organi (segmento laterale sx per riceventi pediatrici, segmento laterale dx per riceventi adulti, segmenti polmonari);
  • Alcuni tessuti rigenerabili (sangue, midollo osseo) o considerati come tessuti di scarto (progenitori emotopoietici provenienti dal cordone ombelicale, timo).
  •  Il donatore cadavere è una categoria che viene scissa in 3 sottogruppi:
  • Donatori in morte encefalica (DBD): sono i donatori più importanti, poiché possono donare potenzialmente quasi tutti gli organi e tessuti. Ad essi vengono preservate le funzioni cardio-vascolari e respiratorie dopo la morte encefalica;
  • Donatori deceduti in Arresto Cardio Respiratorio (DCD): sono i donatori che sono deceduti a causa di un arresto cardio-respiratorio, ma che grazie a particolari tecniche di preservazione degli organi possono donare alcuni tipi di organo, quando il tempo di ischemia non sia stato eccessivamente lungo. Possono donare anche i tessuti;
  • Donatori di tessuti : sono i donatori che sono deceduti a seguito di arresto cardio-respiratorio di varia eziologia, sia intra che extra ospedaliero. Sono solo donatori di tessuto, a causa del periodo prolungato di ischemia.

Ognuno di noi, una volta compiuta la maggiore età è libero di fare la propria scelta, di esprimere la propria volontà, che sia essa un CONSENSO o un DINIEGO in maniera di donazione di organi e tessuti dopo la morte.

Qui di seguito, ecco riportate le svariate modalità con le quali si ha la possibilità di dichiarare la propria volontà (tratto da trapianti.saluve.gov.it):

  • La registrazione della propria volontà presso la propria Asl di riferimento o il medico di famiglia, attraverso un apposito modulo. Queste dichiarazioni sono registrate direttamente nel Sistema Informativo Trapianti (SIT), il data-base del Centro Nazionale Trapianti, che è consultabile dai medici del coordinamento in modo sicuro e 24 ore su 24;

 

  • La compilazione del c.d. “tesserino  blu” del Ministero della Salute o del tesserino di una delle associazioni di settore, che deve essere conservato insieme ai documenti personali;

 

  • Qualunque dichiarazione scritta che contenga nome, cognome, data di nascita, dichiarazione di volontà (positiva o negativa), data e firma, (considerata valida ai fini della dichiarazione del Decreto ministeriale 8 aprile 2000), anch’essa da conservare tra i documenti personali;

 

  • L’atto olografo dell’Associazione Italiana Donatori di Organi (AIDO). Grazie ad una convenzione del 2008 tra il Centro Nazionale Trapianti e l’AIDO, anche queste dichiarazioni confluiscono direttamente nel SIT;

 

  • La dichiarazione di volontà espressa presso gli Uffici Anagrafe di quei Comuni che hanno attivato il servizio di raccolta e registrazione della dichiarazione di volontà, in fase di richiesta o rinnovo della carta d’identità. Nel caso in cui il cittadino decida di esprimere – sia essa positiva o negativa- questa confluirà direttamente nel Sistema Informativo Trapianti, consultabile 24 ore su 24 in modalità sicura dai medici del coordinamento regionale trapianti.

Il cittadino potrà sempre modificare la propria dichiarazione, e resterà valida l’ultima fatta in ordine di tempo.

Nel caso di potenziale donatore cadavere, verrà controllato se il paziente ha espresso o meno la dichiarazione di volontà, quindi se ha con sé il documento che la attesta, o se è presente all’interno del SIT.

Ciò che vige è il principio del “consenso” o “dissenso esplicito”; se il paziente non ha espresso in vita la sua volontà, è diritto dei familiari opporsi al prelievo. Ecco perché è così importante rendere nota la volontà ai propri cari, perché la donazione, nel caso in cui il paziente non abbia espresso nessuna volontà, è consentita se i familiari aventi diritto non si oppongono. (Nel caso di cittadino minorenne, entrambi i genitori esprimono la loro decisione; se solo uno dei due è contrario, il prelievo non verrà effettuato).

Ecco uno schema finale di ricognizione per ricordare al meglio il concetto di consenso o dissenso esplicito:

IL CITTADINO HA ESPRESSO LA VOLONTA’ ALLA DONAZIONE?

  • VOLONTA’ POSITIVA -> si procede alla donazione
  • VOLONTA’ NEGATIVA -> non si procede alla donazione

IL CITTADINO NON HA ESPRESSO LA VOLONTA’ ALLA DONAZIONE :

-> la donazione è consentita se i familiari non si oppongono (È obbligatorio avvertire i familiari sull’attivazione della procedura di accertamento di morte)

In quanto professionisti della salute, approfondire e diffondere un argomento così delicato, può fare la differenza.

Ognuno di noi è libero di scegliere, ma è importante sapere come fare!

“L’infermiere favorisce l’informazione e l’educazione sulla donazione di sangue, tessuti, organi quali atto di solidarietà e sostiene le persone coinvolte nel donare e ricevere” (Art. 40 del Codice Deontologico)

[Si ringrazia il Manuale Corso Nazionale Coordinatori alla Donazione e al Prelievo di Organi e Tessuti-VII edizione per le preziose informazioni]

Roberta Falvo.

The following two tabs change content below.

Roberta Falvo

Laureata in Infermieristica, conseguito Master di I livello in Area Critica presso La Sapienza di Roma. Infermiera presso la S.O.C. di Oncologia di Cz.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione