nurse1 Di. Noemi Secci

Nonostante la pensione di vecchiaia, che è il trattamento previdenziale che si basa sull’età del lavoratore, preveda un minimo di contributi, pari a 20 anni, per collocarsi a riposo, sono ancora in piedi delle eccezioni che consentono di pensionarsi con soli 15 anni di contributi. Vediamole insieme.

Deroga Amato

La Legge Amato [1] prevede che possa andare in pensione con almeno 15 anni di contributi chi:

– possiede 15 anni di contributi versati prima del 31 dicembre 1992 (sono validi tutti i contributi, anche da riscatto, ricongiunzione, volontari e figurativi);

– è stato autorizzato al versamento dei contributi volontari prima del 31 dicembre 1992, a prescindere dagli effettivi accrediti di contribuzione volontaria;

– possiede 15 anni effettivi di contribuzione da lavoro dipendente, 25 anni di anzianità contributiva (cioè il primo contributo deve essere stato versato almeno 25 anni fa), e 10 anni lavorati discontinuamente (cioè, per 10 anni, devono risultare lavorate meno di 52 settimane all’anno).

I 15 anni di contributi devono essere versati prima del 31 dicembre 1992 solo per la prima delle 3 Deroghe Amato elencate, mentre per le altre due i versamenti possono avvenire in qualsiasi data.

Queste eccezioni sono ancora applicabili, come ha chiarito una nota Circolare Inps [2]: tuttavia, trattandosi di una deroga applicabile alla pensione di vecchiaia, è necessario possedere l’età per il trattamento di vecchiaia, pari, nel 2016, a:

– 66 anni e 7 mesi per uomini e donne dipendenti pubblici, e uomini dipendenti del settore privato;

– 66 anni e 1 mese per le lavoratrici autonome;

– 65 anni e 7 mesi, per le lavoratrici dipendenti del settore privato.

Possono pensionarsi con i vecchi requisiti di età i contribuenti che abbiano raggiunto 65 anni entro il 31 dicembre 2011, se uomini, o 60 anni, se donne, se entro la stessa data possedevano 15 anni di contribuzione, utilizzando la Salvaguardia dei requisiti.

Opzione Contributiva Dini

Bastano 15 anni di contributi anche per chi sceglie il sistema integralmente contributivo di calcolo della pensione (meno vantaggioso rispetto al calcolo retributivo e misto): l’opzione in questione, però, è l’Opzione Contributiva Dini [3], che non va confusa col Regime Sperimentale Opzione Donna [4], che invece prevede il versamento di 35 anni di contributi.

È necessario, per potersi avvalere dell’Opzione Contributiva Dini, possedere i seguenti requisiti, oltre ovviamente ai 15 anni di contributi:

– meno di 18 anni di contributi versati prima del 31 dicembre 1995;

– almeno 1 contributo versato prima del 31 dicembre 1995;

– almeno 5 anni di contributi versati dal primo gennaio 1996.

L’età per la pensione è la stessa prevista per il trattamento di vecchiaia, con le seguenti eccezioni:

– possesso di 60 anni di età, e di 15 anni di contributi, entro il 31 dicembre 2011;

– possesso di 57 anni di età, e di 15 anni di contributi, entro il 31 dicembre 2007.

A questi lavoratori si applica la Salvaguardia dei requisiti, grazie alla quale, in virtù del principio di Cristallizzazione, chi raggiunge il diritto a pensione, vigente una determinata normativa, si può pensionare con i vecchi requisiti anche in un secondo momento, nonostante la legge sia mutata.

Computo Gestione Separata

Anche grazie al Computo nella Gestione Separata è possibile pensionarsi con 15 anni di contributi: il meccanismo è del tutto simile a quello dell’Opzione Contributiva Dini, ed i requisiti sono gli stessi: in pratica, chi possiede dei contributi versati alla Gestione Separata, assieme a contributi versati in altre casse (Gestione Inps Lavoratori Dipendenti, Gestione Artigiani e Commercianti, escluse le casse professionali private), può scegliere di sommare tali contributi nella Gestione Separata, per raggiungere la pensione di vecchiaia con 15 anni di versamenti. Anche in questo caso l’intero trattamento sarà calcolato col contributivo, e, parimenti a quanto già esposto, potrà applicarsi la Salvaguardia dei Requisiti, per chi possedeva la contribuzione richiesta e 57 anni di età al 31 dicembre 2007, oppure 60 anni al 31 dicembre 2011.

– See more at: http://www.laleggepertutti.it/105916_ho-15-anni-di-contributi-quando-vado-in-pensione#sthash.PF6wcLM9.dpuf

fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione