La donna, nel frattempo deceduta a causa del tumore di cui era malata, aveva perso parte della funzionalità del braccio a causa di una fuoriuscita dalla cannula della flebo del medicinale infuso. Per il giudice avrebbe dovuto essere avvertita dei rischi di tale evenienza

Il Tribunale di Palermo, dopo una lunga causa, ha condannato l’Azienda ospedaliera “Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello” a liquidare oltre 120mila euro (119.160,84 più gli interessi) ai familiari di una donna in cura nel 2009 presso il nosocomio del capoluogo siciliano a causa di un tumore.

Durante la somministrazione endovenosa di un potente farmaco chemioterapico, il medicinale era finito anche sul braccio destro della paziente provocandole gravi ustioni. Trasferita all’Ospedale Civico, la signora era stata costretta a sottoporsi a tre interventi di chirurgia plastica che le lasciarono visibili cicatrici e non le impedirono la compromissione, al 25%, della possibilità di usare l’avambraccio.

La donna è deceduta nel 2011, stroncata dalla malattia da cui era afflitta, ma i parenti hanno deciso di agire sia in sede penale che in sede civile per ottenere giustizia. Sul versante penale erano finiti a processo i due infermieri che avevano sistemato la flebo alla paziente. Accusati di lesioni colpose gravi, tuttavia, gli operatori sanitari sono stati assolti in primo grado.

Sul fronte civile, invece, il Giudice ha sottolineato come la paziente “non venne in alcun modo resa edotta del trattamento che andava a subire e, soprattutto, della pronta gestione delle possibili conseguenze infauste legate all’ontologia tecnica infusiva, di guisa da almeno metterla in guardia per tempo sugli indici di riconoscimento di uno stravaso e sulla necessità di pronta segnalazione l personale preposto”.

In altri termini la donna non era stata informata dei rischi derivanti dalla fuoriuscita del liquido dalla cannula e della conseguente necessità di rivolgersi tempestivamente al personale al verificarsi di una simile evenienza. Tale disinformazione, accompagnata da un mancato monitoraggio costante da parte degli infermieri addetti, avrebbe comportato, secondo il Giudice, la lesione estetico-funzionale del braccio destro.

A distanza di un mese dalla sentenza tuttavia, il legale della famiglia fa sapere che il risarcimento riconosciuto non è ancora stato pagato. L’ufficio legale dell’Ospedale, invece, secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia, fa sapere che si sta ancora valutando se ricorrere o meno in appello, chiedendo contestualmente una sospensiva del pagamento.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione