Vaccini gratis e senza ticket. Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha annunciato che il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha firmato per dare il via libera all’aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza (Lea). Tale aggiornamento non avveniva in maniera uniforme da quindici anni. E, ha spiegato la Lorenzin, questo aveva comportato che alcune prestazioni fossero “totalmente a carico dei cittadini e in alcuni casi, ad esempio per più di 100 malattie rare, non era possibile averle gratuitamente in nessuna parte del territorio nazionale”. Tutto ciò che riguarda “meningococco, rotavirus e papilloma virus saranno gratuite”.

Il nuovo Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale (Pnpv) 2016-2018 allegato ai Livelli essenziali di Assistenza, arriverà giovedì prossimo in Conferenza Stato-Regioni. “Solleciteremo tutti un veloce via libera, perché si tratta di una grande occasione per tutti i cittadini” ha dichiarato all’Ansa Antonio Saitta, assessore regionale alla Sanità del Piemonte e coordinatore degli assessori regionali alla Sanità. Il passaggio in Stato-Regioni, afferma Saitta, “non prevederà rallentamenti dell’iter di entrata in vigore, si tratta di un passaggio tecnico, ma comunque necessario”.

Il ministro della Salute ha poi assicurato che “non bisognerà aspettare altri 15 anni” per un ulteriore aggiornamento dei Lea. E’ stata infatti istituita una commissione nazionale che, sottolinea il ministro, “avrà il compito di monitorare costantemente il contenuto dei Lea, escludendo prestazioni, servizi o attività che divengano obsoleti e valutando di erogare a carico del Servizio sanitario nazionale trattamenti che, nel tempo, si dimostrino innovativi o efficaci per la cura dei pazienti”.

Sul piano risorse, la Lorenzin ha previsto uno stanziamento di 800 milioni di euro. Ma il nodo ‘risorse’ è quello che allarma i sindacati dei medici. Se da una parte accolgono con favore l’attesa firma del premier al decreto sui Lea, dall’altra sottolineano anche che il nodo delle risorse, necessarie alla copertura delle prestazioni, resta. “Annunciare che una serie di prestazioni innovative saranno garantite senza adeguati finanziamenti – dice ad esempio Mauro Mazzoni, coordinatore Fassid – rischia di diventare un boomerang per il Ssn. La revisione dei Lea era prevista da un Patto per la salute che aveva concordato la necessità di 115,444 miliardi per il fondo sanitario 2016. Siamo invece a 111 miliardi“.

“Con una mano – ha proseguito Mazzoni – si offrono 771,88 milioni per finanziare, sulla carta, più prestazioni con l’altra mano si tolgono le risorse già programmate, ben più alte. Il Governo nel Def ha programmato una matematica riduzione della percentuale dei fondi da destinare alla sanità, fino a scendere nel 2019 al 6,5%, soglia al di sotto della quale siamo alla riduzione dell’aspettativa di vita”. Per il coordinatore si pone quindi il problema della “reale esigibilità” dei nuovi Lea. A partire dalla definizione del “fabbisogno del personale”, dalla fine del “blocco delle assunzioni”, da una vera risposta al precariato e dal rinnovo contrattuale, innovativo e con le giuste risorse. Per non affrontare il tema delle diseguaglianze regionali. Non vorremmo – ha concluso Mazzoni – che “questa firma avvenga quando i buoi dalla stalla sono già scappati”.

SCHEDA – Tutte le novità inserite nell’aggiornamento dei Lea.

– Introdotto l’Autismo: il documento recepisce infatti integralmente la legge 134 del 2015, che prevede diagnosi precoce, cura e trattamento individualizzato, integrazione nella vita sociale e sostegno per le famiglie.

Fonte web.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione