GROSSETO – Una lettera aperta all’assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi. A scriverla e firmarla i rappresentanti di tutti i Collegi Ipasvi della Toscana, che rappresentano gli infermieri di tutta la Regione.
Una lettera per chiedere chiarimenti sul progetto di somministrare farmaci nelle scuole.

Gentilissima Assessore,
Leggiamo con stupore l’intesa che il suo assessorato ha siglato con l’Ordine dei Medici in merito alla somministrazione dei farmaci negli istituti scolastici e le scriviamo pubblicamente (http://www.quotidianosanita.it/toscana/articolo.php?articolo_id=46796). Non entriamo nel merito dell’intesa semplicemente perché non ne conosciamo i dettagli essendo stati del tutto esclusi da ogni passaggio non solo interlocutorio ma anche informativo. Oltre 26.000 infermieri apprendono così, in modalità del tutto passiva, sui social e sui quotidiani, che la loro funzione di garanti la somministrazione terapeutica, processo delicato che richiede più fasi e competenze specifiche da quelle relazionali a quelle educative oltre che conoscenze specifiche, è relegata ad un accordo che non ha visto la partecipazione della nostra professione.


Stupisce perché lei stessa ha nominato dei colleghi per partecipare al tavolo tecnico Ministeriale di qualche mese fa che ha prodotto un documento di indirizzo nazionale che comprende anche l’attivazione di ambulatori scolastici a gestione infermieristica per rilevare, con logiche di prossimità, i bisogni di salute della popolazionE scolastica.
LEGGI ANCHE
ISTRUZIONE Sommistrazione farmaci a scuola: in Toscana cambiano le regole
Noi infermieri nell’ambito territoriale abbiamo sviluppato con forza le competenze educative per fare dei caregiver degli attori di riferimento fondamentali, lontano da noi quindi il pensiero che una riforma – necessaria per affrontare la problematica in oggetto – passi solo per la sostituzione e la presenza sanitaria continua in loco. Ma un conto è educare le persone per problematiche contingenti su cui effettuare supervisione e certificazione delle attività attribuibili, un conto è – come da lei proposto – fare corsi di formazione che tendono a generare e trasferire, abbandonando ogni possibilità di governo, abilità a personale non sanitario con un ottica di abilitazione permanente.
Stupisce infine di poter liquidare un problema così complesso con un banale accordo che deleghi alle ASL il da farsi. Assessore: lei ha il potere ed il dovere di implementare delle figure di riferimento strutturate come l’infermiere di famiglia e di comunità e dei modelli assistenziali che vadano in tal senso. Si era ripromessa di fungere da garante per omogeneizzare attraverso linee guida condivise anche con i Collegi della Toscana le modalità organizzative e professionali sulla regione Toscana.
Prendiamo atto che questo non è stato fatto ancora una volta.
La partita dell’infermieristica negli istituti scolastici è un percorso che rivendichiamo con forza perchè ci sta a cuore la salute dei nostri assistiti e perchè crediamo nel valore fondamentale che possiamo apportare in questo ambito.
Aspettiamo una sua convocazione urgente e tardiva sul tema.

Il Giunco.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione