infermiere 2 aprile 23, 2016aprile Da Nurse times.
Bentrovati. C’è un articolo del Codice Deontologico che recita lapidariamente così: “L’infermiere, nell’interesse primario degli assistiti, compensa le carenze ed i disservizi che possono eccezionalmente verificarsi nella struttura in cui opera. Rifiuta la compensazione, documentandone le ragioni, quando sia abituale o ricorrente o comunque pregiudichi sistematicamente il suo mandato professionale”.

Questo articolo e, mi riferisco per l’appunto all’”incriminato” articolo 49, è l’articolo in questi giorni sul banco degli imputati.

Seppur scritto con le migliori intenzioni, consente a numerose Organizzazioni Sanitarie di attuare politiche di “demansionamento costante” del personale infermieristico, soprattutto in questi tempi di crisi e tagli finanziari.

Questi, insieme ad altri fattori correlati, contribuiscono a creare non solo fenomeni di burn-out ma consentono di erogare un’assistenza infermieristica di bassa qualità.

“Con la scusa che il personale non c’è ed utilizzando come un’arma impropria norme deontologiche scritte per le emergenze e la tutela degli assistiti, si utilizzano professionisti per funzioni inferiori a quelle previste dal loro livello contrattuale, rendendo questa pratica non una soluzione per l’emergenza, ma un’abitudine” così sottolinea la Presidente Barbara Mangiacavalli in uno dei suoi articoli apparso sul sito dell’Ipasvi dal titolo “Stabilità 2016: poche assunzioni per infermieri e medici. Ora attenti ai contratti”.

“I 430 mila infermieri, di cui 280mila dipendenti del SSN – rincara la dose la Presidente – non resteranno a guardare lo smantellamento di un SSN universale ed uguale per tutti che ormai si sta riducendo ad essere selettivo e solo per pochi, miope sulla necessità di valorizzare le competenze dei suoi professionisti”.

Ora, Signori miei, con la “pretesa” di apparire pedante mi ostino a sottolineare che il problema “articolo 49” ha radici culturali molto profonde e che non servirà certo a depennare quattro righe per conquistare un’identità “costruita” nel tempo con fatica, sacrifici e sudore.

Quello che mi assilla piuttosto, ve lo giuro, è come mai le altre professioni sanitarie e mediche, nella fattispecie, non dispongono di un articolo deontologico così rilevante come il nostro e soprattutto come mai non sono tenuti anch’essi a sopperire alle “calamità” del SSN di cui anche loro fanno parte?

Compensare le carenze ed i disservizi, barcamenarsi perché il “barcone” della Sanità vada avanti, nonostante mille difficoltà, è stato sempre il “nostro” fiore all’occhiello.

I professionisti delle fatidiche “pezze a colore”, i professionisti che hanno sempre, tra numerose carenze, cercato e dovuto ingegnarsi ed inventarsi qualcosa per venirne fuori.

Vi lascio ma, prima di farlo, vorrei donarvi il pensiero di un Anonimo:

Un gruppo di persone che condivide un obiettivo comune può raggiungere l’impossibile
ma questa ahimè, è un’altra storia …

Scupola Giovanni Maria

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione