raga Lo studente si è sentito male sul pullman a Empoli, decisivi la velocità dei soccorsi e il massaggio cardiaco. Ora è grave all’ospedale pediatrico Meyer, di Francesco Turchi:
EMPOLI. È salito sul pullman per tornare a casa, dopo una mattinata trascorsa a scuola. Ma il suo cuore ha improvvisamente smesso di battere. Per sua fortuna è arrivato un angelo, vestito da infermiere.

Che gli ha salvato la vita, sotto gli occhi prima disperati e poi pieni di speranza di amici e passanti. Ora il quattordicenne è ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, dove è arrivato a bordo dell’elisoccorso.

L’incubo si è materializzato intorno alle ore 13.30 di lunedì 19 ottobre, in una corsia del terminal bus di via Palestro, accanto alla stazione ferroviaria di Empoli. Lo studente era appena salito sul pullman, quando ha accusato un malore e ha perso i sensi. E studenti, autisti e pendolari sono piombati nel dramma.

Il ragazzino non rispondeva e non reagiva alle sollecitazioni ed è partita la chiamata alla sala operativa del 118, che ha inviato sul posto un’ambulanza infermieristica della Pubblica Assistenza di Empoli, la cui sede è distante poche centinaia di metri da via Palestro. Un aspetto tutt’altro che secondario. La velocità di reazione e la prontezza dei soccorritori hanno fatto il resto. Perché in questi casi, ogni secondo – oltre ovviamente alla preparazione del personale soccorritore – diventa fondamentale e può essere decisivo per salvare una vita.

L’infermiere ha subito praticato il massaggio cardiaco, accompagnandolo con le manovre di ventilazione, sotto gli occhi di decine di persone. Che – dopo alcune, interminabili, decine di secondi – hanno tirato un sospiro di sollievo quando il cuore è tornato a battere e il quattordicenne ha ripreso conoscenza.
Nel frattempo è arrivata in via Palestro anche l’automedica di stanza all’ospedale San Giuseppe di viale Boccaccio e – vista la gravità della situazione – è stato allertato l’elisoccorso, per velocizzare il trasferimento al Meyer.

Lo studente – i cui parametri vitali si sono stabilizzati – è stato intubato e caricato sull’ambulanza della Pubblica Assistenza, che lo ha trasferito nella zona di Serravalle.
Qui, nel maxi-parcheggio proprio accanto al parco pubblico, è atterrato Pegaso, ripartito subito dopo alla volta dell’ospedale pediatrico fiorentino. Dove, dopo una serie di accertamenti da parte del personale medico dell’emergenza-urgenza, il quattordicenne è stato ricoverato nel reparto di rianimazione, in prognosi riservata. Le sue condizioni restano gravi.
fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione