di Francesco Fusco: Ninapoliente infermieri al pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo di Castellammare. Dei sei previsti dalla pianta organica, tre sono in malattia e due in ferie. E così il turno domenicale è stato coperto da un solo operatore, costretto a svolgere il lavoro di sei persone per portare a termine quella che sarà ricordata come l’ennesima giornata nera per la sanità stabiese. In reparto, fino a ieri sera, sono stati registrati circa 60 accessi e la vicenda è stata segnalata agli agenti di polizia del locale commissariato, intervenuti per gli accertamenti.

«Si tratta di un episodio gravissimo – afferma Antonio Cascone, rappresentante della Fsi (Federazione Sindacati Indipendenti) – la verità è che il personale in servizio nell’azienda sanitaria è maldistribuito. Basterebbe spostare diversi infermieri dagli ambulatori agli ospedali per tamponare l’emergenza, ma al momento questa ipotesi non viene nemmeno considerata. Nei prossimi giorni chiederemo nuovi incontri ai vertici aziendali – continua – per chiedere di potenziare il pronto soccorso non solo del San Leonardo, ma anche delle altre strutture ospedaliere ricadenti nella giurisdizione dell’asl na 3 sud». Una posizione che è condivisa anche da Michele Costagliola, del Nursing Up (sindacato degli infermieri italiani).

«Questa emergenza diventata ormai cronica penalizza ulteriormente il personale infermieristico e i cittadini – commenta – in un territorio già caratterizzato dalla disorganizzazione e dal cattivo funzionamento delle strutture sanitarie”. La situazione è sfuggita di mano già sabato notte. A parte l’infermiere in ferie infatti, altri tre dipendenti si sono ammalati. Non era mai capitata, fino ad ora, una situazione del genere. Il dito, ovviamente, è di nuovo puntato anche sulla carenza di personale dell’ospedale del viale Europa e di tutta l’Asl in generale. «Ci troviamo dinanzi ad un’emergenza cronica – fanno sapere dalla direzione sanitaria – abbiamo perso un terzo dei nostri dipendenti (molti dei quali andati in pensione), ma il piano di rientro previsto dalla Regione non ci permette di fare nuove assunzioni. Ci rendiamo conto che la situazione, in un reparto attivo h24 come il pronto soccorso, sia estremamente delicata, ma paghiamo lo scotto di un’emergenza che sta colpendo l’intero sistema sanitario campano». I dipendenti, intanto, hanno chiesto l’intervento del governatore Vincenzo De Luca, invitandolo a visitare di persona la struttura ospedaliera del viale Europa.

«La misura ormai è colma – si legge in una nota – i pazienti e gli infermieri troppo spesso si trovano in condizioni difficili. Tra sovraffollamento e attese infinite prima di essere trasferiti in reparto, la situazione dei malati è da migliorare radicalmente, così come quella degli infermieri, costretti a lavorare in condizioni disastrose». Riaffiorano le polemiche dunque sulla sanità stabiese. Appena poche settimane fa, a protestare furono i pazienti del pronto soccorso costretti a restare anche 24 ore in barella, prima di essere trasferiti nei reparti. E gravi disagi si sono registrati, in passato, anche all’accettazione, dove soprattutto nel periodo di ferie estive è stato in servizio un unico operatore. Ciò ha costretto gli utenti, anche per casi urgenti, a fare una coda di oltre 30 minuti per assistenza oculistica, urologica e pediatrica. Ma anche per inviare semplicemente al laboratorio i prelievi di sangue fatti al pronto soccorso. Il tempo dunque passa e la situazione d’emergenza resta sempre la stessa. Anzi peggiora. Il caos di ieri ha costretto i dipendenti ad avvisare la polizia e la direzione sanitaria.

fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Una risposta a Napoli. Pronto soccorso senza infermieri: rischiano i napoletani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione