podologo All’Istituto ortopedico milanese c’è un vero e proprio reparto gestito autonomamente dalle professioni sanitarie in cui si fa clinica e formazione. La parola al direttore del servizio: “Da noi passano ogni anno più di 5mila pazienti e ci sono 75 studenti che fanno tirocinio. Ci sono ampi spazi per allargare le competenze delle professioni sanitarie e non a discapito delle competenze mediche. Ma il punto è che serve una visione illuminata”.

03 LUG – Un vero e proprio reparto di assistenza e docenza all’interno di un Irccs sede del C.di L in Podologia dell’Università Statale di Milano totalmente diretto da un professionista sanitario. Un reparto da cui ogni anno passano più di 5000 pazienti e dove ci sono 75 studenti che fanno il loro tirocinio coordinati da un responsabile e 8 assistenti. Un vero e proprio unicum nel panorama italiano quello del servizio di Podologia del Irccs Galeazzi di Milano che rappresenta anche un esempio concreto e positivo d’implementazione delle competenze e di estensione dell’autonomia professionale. Ma a spiegarci meglio la storia, il funzionamento e anche cosa accade in altri paesi europei è il direttore del servizio e Professore di Podologia Univ. degli Studi di Milano, Antonio Serafin.

Direttore, in anni in cui è in atto un ampio dibattito sull’implementazione delle competenze avanzate delle professioni sanitarie il suo reparto rappresenta un esempio pratico come non se ne trovano. Ci racconta com’è stato possibile.
Ha ragione, mi sento di dire che siamo un’isola felice conoscendo il panorama italiano. Ma tutto ciò è possibile grazie al fatto che tutti gli attori convolti, dall’Irccs all’Università, hanno saputo incontrarsi e dare vita ad un vero e proprio reparto clinico dove assistiamo più di 5000 pazienti l’anno e dove gli studenti svolgono il tirocinio

Quando nasce il servizio?
Il progetto di dar vita ad un servizio specifico specialistico e gestito autonomamente dalla professione nasce nel 2000 e in questi anni si è potenziato anche strutturalmente, perché i reparti non devono essere solo sulla carta ma devono poi avere le attrezzature, le strutture, e il personale adeguato per la gestione del servizio che è sia di analisi dei pazienti, e di prevenzione e ricerca, sia di formazione.

Quanti siete a lavorare nel reparto e con che mezzi?
Nel reparto, oltre a me, lavorano otto assistenti e ci sono ogni anno 75 studenti che fanno il tirocinio. Ma soprattutto abbiamo le strutture, ci sono laboratori ortesiologici e 1 di ricerca biomeccanica con strumentazioni avanzate e sei ambulatori per i trattamenti. In questo contesto, devo dirle che ho mutuato molto dai miei studi all’Ospedale Podologico dell’Università di Barcellona, in Spagna, dove esistono delle vere e proprie cliniche specializzate gestite dai podologi e dove si fa anche prevenzione e lo stesso avviene in Inghilterra. Lì, ma come in altri paesi europei, da questo punto di vista stanno puntando forte in questa direzione

Dal suo punto di vista, mi viene da dire, privilegiato, cosa pensa del dibattito che si è scatenato intorno alle competenze avanzate a partire dal comma 566?
Come le dicevo prima siamo in un’isola felice e di questo devo ringraziare l’Istituto Galeazzi e l’Università di Milano che hanno creduto nelle potenzialità del progetto. Ma è anche grazie ai risultati positivi in termini di prevenzione, cura e formazione che abbiamo registrato, che il reparto ha assunto un ruolo all’interno della struttura. Venendo alla sua domanda. A mio avviso ci sono ampi spazi per allargare le competenze delle professioni sanitarie e non a discapito delle competenze mediche. Ma il punto è che serve una visione illuminata che spesso latita, purtroppo, tranne che in pochi casi.

Luciano Fassari

fonte quotidianosanita.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione