alfio stiro. Ai Presidenti Collegi IPASVI Provinciali

e.p.c. Alla Presidente nazionale Fnc

Egregi e Cari Presidenti dei Collegi provinciali ,

il gruppo di infermieri che vi scrive sta discutendo sulle questioni che riguardano la professione infermieristica. Come avrete letto,(Quotidiano sanità ,13 luglio 2016) noi vogliamo che a quel tavolo sia presente il pensiero degli infermieri. Perché questo sia, non è sufficiente, per noi, che a quel tavolo vi siano infermieri . A quel tavolo deve esserci il pensiero politico, informato ,discusso , condiviso dagli infermieri che lavorano nelle linee operative e da loro trasmesso a chi li dovrebbe rappresentare.

Sappiamo, e non perché ci sia stato formalmente comunicato, che a quel tavolo ci sono sindacati, rappresentanti esperti della Federazione , della regione toscana, dirigenti, comitato dirigenti,ma non sappiamo come tutti questi professionisti si siano rapportati con gli infermieri che lavorano nei reparti o in altri contesti; non sappiamo come abbiano potuto raccogliere il pensiero critico di coloro che dicono di rappresentare.

Circa la bozza pubblicata ci siamo già espressi . Oggi con questa nostra lettera siamo a chiederVi se e come i collegi abbiano informato e coinvolto i loro iscritti ,dato che gli scriventi non hanno ricevuto nessuna informativa e nessuna richiesta di convocazione a discussione dai loro rispettivi collegi.

Più volte è stato rimproverato, a chi scrive usando un pensiero diverso dal Vostro, di scrivere e parlare in spazi non propri. Quali sono gli spazi propri di discussione?

La Presidente Mangiacavalli ha mostrato,più volte, prossimità agli infermieri e quindi, attraverso di Voi Presidenti , Le chiediamo perché acconsenta ad un tale metodo e permetta una esclusione cosi evidente del pensiero della classe infermieristica.E’ privilegio del Comitato centrale pensare e scegliere per gli infermieri?

Infine, vi chiediamo il senso ed il significato del far partecipare a quel tavolo dirigenti, componenti di un comitato dirigenti, i quali sembrano essere cosi lontani dagli infermieri, tanto lontani da aver avuto la necessità di presentare un codice loro. Se i dirigenti permettessero agli infermieri , oggi loro sudditi, di rispettare il loro codice deontologico e dunque di lavorare come sentono di dover fare, non avrebbero avuto , i dirigenti, il bisogno di “annaspare” per un nuovo e diverso codice deontologico, sarebbe stato sufficiente che avessero presidiato il nostro.

Come pensate che quel genere di dirigenza possa portare e sostenere il pensiero , a loro volutamente sconosciuto, degli infermieri?

Il silenzio e l’indifferenza, eventuali, a queste nostre richieste non aiuteranno noi , ma neanche la crescita professionale di tutti quelli che oggi non scrivono, ma osservano e valutano e tacitamente dissentono. E questi non sono pochi come sembra.

In attesa di Vostre nuove nel merito posto, Vi salutiamo cordialmente

Piero Caramello, Infermiere Coordinatore, Firenze

Luca Sinibaldi , Infermiere Medicina ,Pisa

Laura Cocco Infermiera Strumentista cardiochirurgia,Cagliari

Anna Di Martino, Infermiera Strumentista cardiochirurgia , Teramo

Gianluca Del Poeta, Infermiere Coordinatore , Pescara

Maddalena Brajer, Infermiera Dh Oncologico Monselice, Padova

Lucia Morandi, Infermiera Rianimazione Ospedale Osma, Firenze

Gianluca Pucciarelli, Infermiere presso ospedale S. Giovanni Battista RomaDottorando

Marcella Gostinelli, Infermiera, Dirigente sanitario, Centro oncologico fiorentino ,Firenze

Laura Binello infermiera libera professionista Asti

Alfio Alfredo Stiro,Infermiere Pronto soccorso ,Catania

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione