midolloSilvia De Santis, Una protesi in silicone e oro da applicare sul midollo spinale potrebbe riaccendere le speranze di tornare a camminare per chi è costretto su una sedia a rotelle. Il dispositivo messo a punto da un team di scienziati francesi del Politecnico Federale di Losanna, ha ottenuto su un campione di topi da laboratorio risultati che lasciano ben sperare per gli esseri umani.

“E-dura” – così è stato ribattezzato l’ultimo traguardo della scienza biomedica – è un nastro sottile dotato di elettrodi in grado di inviare impulsi e stimolazioni al midollo spinale su cui viene applicato, inducendo così il movimento. Il nome si ispira alla “duramadre”, la membrana fibrosa che avvolge cervello e midollo spinale, le cui caratteristiche sono riprodotte dal dispositivo affinché possa facilmente aderire al midollo evitando il rischio di rigetto da parte del corpo.

Se, infatti, alcuni esperimenti – sempre condotti su topi – avevano già dimostrato che l’applicazione di elettrodi sul midollo spinale provocava movimenti involontari degli arti, esercitando dunque un’azione sul cervello, il problema restava quello dell’intolleranza da parte dell’organismo. La superficie dura dei dispositivi finiva per “graffiare” i tessuti molli intorno a midollo e cervello, causando infiammazioni e escoriazioni.

Oggi invece, per la prima volta, una protesi sufficientemente flessibile ed elastica da poter essere impiantata direttamente sul midollo spinale, ha permesso a un campione di topolini, dopo poche settimane di training, di tornare a camminare autonomamente. Questo grazie ai materiali da cui è composta “E-Dura”: l’impianto è in silicone ed è rivestito da tracciati in oro che possono essere tirati e allungati. Gli elettrodi invece sono in silicone e microsfere di platino, e possono essere piegati in ogni direzione senza rompersi.

“Una volta impiantata sul midollo spinale, la protesi può essere lasciata a lungo” spiega la professoressa Stéphanie Lacour. “Per questo apre la possibilità a future applicazioni terapeutiche su pazienti che hanno subito traumi o che sono rimasti paralizzati a seguito di lesioni al midollo”. Secondo gli scienziati dell’Università di Losanna, il dispositivo avrebbe un’efficacia di dieci anni sul corpo umano, prima di dover essere sostituito.

“Nervi flessibili collegati a nastri in silicone e metallo, una combinazione che fa pensare ai cyborg di Hollywood” è stato il commento di Robert Service, scrittore di fantascienza, quando la ricerca è stata pubblicata su Science. “È vero, la creazione del team di Lacour non è ancora uscita dal laboratorio, ma stai in guardia Hollywood!. La realtà sta per superarti”.

“Questo lavoro è un risultato innovativo di tecnologia, che potrebbe aprire una porta verso una nuova era nel trattamento del danno neuronale” ha detto invece il dottor Dusko Ilic, docente presso il Centro Studi sulle Cellule Staminali al King College di Londra. “Fino a questo momento le protesi più avanzate a stretto contatto con il midollo spinale si sono rivelate inconsistenti a causa dei danni che recavano ai tessuti dopo una settimana di applicazione per via della loro rigidità. C’è ancora molta strada da fare prima di applicare tale dispositivo sugli uomini, ma è ragionevole pensare che in un futuro prossimo possa servire a curare le lesioni al midollo spinale”.

Stesse previsioni quelle del Prof John Hunt, capo dell’unità di Ingegneria Clinica all’ Università di Liverpool: “Lo studio sui ratti promette bene in termini di applicabilità all’uomo”.

Sebbene “E-Dura” sia stato testato principalmente su ratti paralizzati con lesioni al midollo spinale, i ricercatori non escludono che possa rivelarsi utile anche nella cura dell’ epilessia , del morbo di Parkinson e nel management del dolore.
fonte
L’Huffington Post.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione