Il modello di salute e patologico dell’essere umano è in continua evoluzione veicolandosi
sempre di più verso una concezione di “cura della salute” più che di “cura della malattia”.

Pertanto le scienze sanitarie − o come preferite chiamare professioni sanitarie − assumono un
ruolo predominante e centrale nel nuovo paradigma che prevede il loro inserimento a pieno
titolo nel processo di cura del paziente in stretta collaborazione con la figura medica.

In questo forte stato di mutazione del concetto di salute, mancano le dovute risposte che la sanità
dovrebbe dare sia in termini di qualità ed appropriatezza di cure che di gestione di costi e risorse
(utilizzare il giusto professionista per il giusto trattamento).

Nel corso degli anni abbiamo vissuto un periodo di transizione forte in cui la formazione
infermieristica ha cambiato pelle passando da una totale dipendenza e complementarietà al sapere
bio-medico alla situazione di oggi dove infermieristica e medicina sembrano 2 scienze che si
occupano di altro purchè del processo di gestione condivisa dello stato di salute della persona.

Quindi l’infermieristica del passato orientata all’attuazione di tecniche manuali decise dalle attività
esecutorie disposte dal medico, avrebbe dovuto accogliere (ed il condizionale cari signori/e è
d’obbligo) il passaggio da professione sanitaria ausiliaria gestita da mansionario e da prescrizioni
“di esecuzioni di ordini medici” a professione sanitaria autonoma, intellettuale, non gestita da
alcun mansionario di compiti ma capace di accogliere tramite opportuno processo di
ragionamento assistenziale-clinico di tipo scientifico-intellettuale e relazionale-comunicativo le
richieste di salute dell’utenza e della comunità. Questo appena descritto (che in modo
semplicistico e dinamico chiamiamo “processo di nursing” dovrebbe permettere all’infermiere di
oggi di espletare la propria attività lavorativa tramite l’applicazione di nozioni scientifiche verificate
e certificate dalla comunità di ricerca (EBN) collaborando con tutte le figure sanitarie e mediche
all’applicazione del processo di cura che vede il paziente coinvolto verso un team multidisciplinare
perfettamente consono e preparato ad affrontare con autonomia ed autorevolezza i propri campi
professionali, senza sub-ordinazione a nessuna altra figura professionale.

Ma come ovviare allora a questa “crisi d’identità” professionale che non permette di trovare
univocità di intenti? La prima cosa da fare per cambiare un sistema culturale professionale è
intervenire sulla formazione, riformando i corsi di laurea in infermieristica verso una
organizzazione strutturale e formativa tolemaicistica, in cui la disciplina centrale deve essere
l’infermieristica mentre il contorno formativo deve essere formato dall’insieme delle altre
discipline (medica in primis) che agiscono da integrazione e completamento del percorso che
porterà lo studente a divenire un Dottore abilitato all’esercizio della professione infermieristica
adoperando un sistema in cui le reali competenze infermieristiche si articolerebbero su 3 giacimenti:

1. Individuazione dei problemi assistenziali
2. Definizione delle conoscenze disciplinari professionali da attuare su tutti i livelli di
formazione per l’esercizio corretto della pratica di cura, ricerca, insegnamento e tutoraggio.
3. Ricerca ed applicazione dei contributi di altre discipline che agiranno da supporto ed
integrazione per la gestione dei fenomeni a carattere infermieristico.

Quindi quanto detto ci proietta ad una visione infermieristica non concentrata sulla patologia (a
quello ci pensano i medici) quanto alle alterazioni pre-patologiche che hanno origine dall’eccessivo
(o nullo) soddisfacimento dei bisogni psico-fisici, ai fattori ambientali e comportamenti e
conseguente livello di adattamento all’ambiente ospedaliero, garantendo quindi il cosiddetto
empowerment alla salute, ossia processo di azione sociale attraverso il quale le persone,
organizzazioni e comunità acquisiscono competenze e consapevolezze sulla propria vita, mutando il
proprio ambiente sociale e politico per migliorare la qualità ed equità di vita.
Il concetto di alterazioni pre-patologiche (riconosciute anche sotto il nome di dyrropia, da dis
esprimente valore negativo o disvalore e dopia che indica equilibrio, pertanto “dis-ropia” = dis-
equilibrio,) intende una vera e propria assenza dell’equilibrio psico-fisico equiparato all’ambiente
circostante e al sistema organico interno e al suo funzionamento fisiologico (omeostasi).
La dyrropia, diversamente dalla malattia, non è mai stata nè indagata nè confutata; essa potrebbe
difatti essere identificata come “il senso di stare male”, ossia “avere la sensazione di non stare
bene”. Attenzione a non confondere quanto appena detto con la “sensazione soggettiva del
paziente” o uno “stato indefinibile di non stare bene” pertanto percepibile solo da chi nè soffre e
non quantificabile oggettivamente; difatti la dyrropia non è assolutamente da ricercare alla voce
“sintomi” ma bensì alla voce “disfunzione biologica”, quest’ultima derivante ad alterazioni di
meccanismi di omeostasi dell’organismo, che si traducono come tutti i malesseri generali, disturbi,
indisposizioni, malori, acciacchi, inappetenza improvvisa, senso di pesantezza eccessiva del proprio
corpo e/o di uno o più parti di esso ecc. di cui tutti gli essere umani spessissimo soffrono.
Quindi volendo dare una definizione alle dyrropie, possiamo descriverle come “alterazioni e
deviazioni di uno o più processi biologici di tipo fisico o psichico misurabili attraverso parametri
morfologici, fisiologici, biochimici, biofisici, ormonali, enzimatici, funzionali e psichici interni
all’organismo a causa dei quali lo stesso diminuisce la propria risposta ed efficienza biologica e
capacità di adattamento (disomeostasi) agli agenti nocivi, agli ambienti psico-fisici esterni ed
interni, ai fattori sociali e familiari, con conseguente rallentamento o riduzione delle proprie
capacità di funzionare correttamente e fronteggiare gli eventi avversi dando meno potere alle
funzioni biologiche che normalmente dovrebbero attivarsi con lo scopo di combattere tali eventi”

[Nascita]         [ SALUTE]      [Dyrropia] 
Nuova vita,    omeostasi,        alterazione                                                   Pre
                                                     patologica, 

[Malattia]                                 [morte] 
Patologia conclamata,              Morte,  

Vediamo quindi come palesemente la società richieda continuamente nuovi modelli di cura e non
vuole più essere trattata nella patologia ma nella salute, o comunque nei processi immediatamente
precedenti allo stato di malattia (dyrropie). Da qui l’infermiere dovrebbe inserirsi come il solo
professionista sanitario in grado di supportare questo nuovo modo di curare e prendersi cura,
coltivando il sapere scientifico, preventivo, educazionale relazionale-comunicativo di cui
dovrebbe già essere parte dominante della propria attività lavorativa; ma per farlo urge
assolutamente liberarsi dalle catene “ausiliarie” della quale fa ancora parte ed evolversi verso una
concezione di assistenza diversa da quella che attualmente espletiamo mascherandoci troppo spesso
in figure di supporto, mentre l’utenza si aspetta ben altre competenze dalla nostra professione.

L’infermieristica dovrebbe rappresentare “la scienza che previene la patologia”
appropriandosi con autorità e competenze a divenire la primaria protagonista dei processi di
prevenzione su ogni livello (primaria, secondaria e terziaria) e svolgendo informazione ed
educazione sanitaria a tutta la popolazione, in una dinamica in cui tutti i professionisti
sanitari e medici andrebbero a migliorare la loro stessa qualità lavorativa. Ma allora quale
risulta essere il limite concreto per impostare un nuovo modello di concezione del nursing? La
risposta sta semplicemente negli infermieri stessi, i quali ancora non hanno deciso cosa
vogliono fare da grandi e con chiarezza stabilire l’essenza dei problemi di salute di cui si
devono interessare autonomamente. Quindi forse il quesito da porgere diventa un altro: i
Dottori Infermieri italiani sono realmente pronti a camminare da soli prendendo in mano la
loro professione con autonomia, competenza ed autorità?

FONTI:

Costanza, R. (2012). “La questione infermieristica. Prendersi cura o curare? L’infermieristica è o non è una
scienza?”.

Ambrosiana.

Dott. Gaetano Ciscardi

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Non si fa attendere la risposta durissima che giunge dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche [continua]

Tralasciando le specifiche disamine dell’ordinamento giuridico, nazionale ed internazionale, che dov [continua]

Non mi pare che nel ssn ci sia stata mai chiarezza di ruoli fra gli Infermieri e il personale ausili [continua]

Giustamente, siamo tutti indignati, quando si vogliono abbassare gli standard della formazione medic [continua]