L’Inail bolzanina boccia tute e mascherine cinesi usate nelle strutture sanitarie del Trentino Alto Adige, le stesse che vengono impiegate dai nostri operatori sanitari in Puglia, dove sempre l’Inail ha invece accettato, sulla scorta della relazione dei tecnici della Regione pugliese, i medesimi dispositivi anti Covid.

A Bolzano le certificazioni cinesi non soddisfano i parametri dell’Inail
Andiamo con ordine. A Bari un carico di dispositivi di protezione individuale, che Emiliano aveva acquistato direttamente dalla Cina: tute “Iwone Protection” e mascherine del tipo KN95 arrivano in areoporto il 7 aprile con un volo cargo Guangzhou-Bari. Quasi contemporanemanete all’arrivo dell’aereo, l’Inail di Bolzano firmava un documento nel quale accertava l’insufficienza di documentazione per valutare la conformità dei dispositivi alle norme tecniche specifiche, dichiarava inoltre che le certificazioni del materiale cinese, provenivano da enti non accreditati. Contemporaneamente lo stesso materiale arrivava alle 16 e 30 all’areoporto di Bari, come documentato da un video istituzionale.

Un peso complessivo di 55,7 tonnellate sono: tute di protezione, occhiali protettivi, mascherine DPI, pompe per infusione, pompe per iniezione, attrezzature per barelle per biocontenimento, sterilizzatrici. Il materiale, dopo l’inventario, é stato immediatamente reso disponibile al sistema sanitario regionale per tutelare gli operatori sanitari negli ospedali Covid.

Il personale si accorge che i dispositivi non sono protetettivi dalla contamianzione biologica
Gli stessi operatori però si sono accorti che i dispositivi di protezione non sarebbero stati a norma. Mascherine cinesi sarebbero state acquistate come modelli FFP2, tute protettive, ma solo dagli schizzi, dalla polvere, non da contaminazione biologica. Questi dispositivi avrebbero messo a rischio la vita di tanti medici, infermieri, oss.

Il presidente dell’ordine delle professioni infermieristiche di Bari, Sanverio Andreula, aveva diffidato la Regione e quindi le Asl dal distribuire questo materiale. Cosa che poi è stata affrontata dalla Regione con la relazione di idoneità da parte del Sirgisl. Il Sistema regionale di gestione integrata della sicurezza sul lavoro, ha quindi inviato la relazione a Filippo Anelli presidente dell’ordine dei medici di Bari, nonchè della federazione nazionale degli ordini dei medici, dichiarando sovrapponibile a quella italiana, la valutazione data dai cinesi sulla conformità dei dispostivi di protezione. Sulla scorta di questa relazione l’Inail ha dichiarato la conformità delle tute modello “Iwode Protection”, alle norme vigenti. “Una conformità – sottolinea Marico Conca consigliere regionale di opposizione intervneuto sul tema – valutata sulla base della documentazione prodotta dalla Regione Puglia importatrice dei dispositivi in oggetto. Nella relazione del Sirgisl, si dichiara che gli standard cinesi in base ai quali sono state certificate le tute come protettive contro il virus Covid-19, sono sovrapponibili a quelli italiani.

In Trentino si ritirano i dispositivi cinesi
In Trentino Alto Adige però, le stesse tute come le mascherine KN95 vengono valutate dall’Inail inidonee e il direttore generale dell’Asl di Bolzano Florian Zerzer, é indagato dalla procura, mentre l’Asl bolzanina ha ora intenzione di affidare ad un laboratorio indipendente accreditato, l’esame dei dispositivi di protezione individuale acqusitati dalla Cina.

Redazione NurseNews. Eu

Fonte

Sanitasalento

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione