(geniale e divertente )

Quando leggi un ecg
cerca sempre le onde P
che per essere normali
saran sempre tutte uguali
e distanti dalla Q
un quadrato e non di più.

Se dell’asse vuoi sapere
corri subito a vedere
cosa fa il QRS
in D1 ed AVF.
Se in entrambi è positivo
l’asse è giusto e sottoscrivo.

Se poi trovi un’onda Q
un infarto, ahimé, ci fu
sol se dura un quadratino
o se invece, bel bambino,
Q in D3 a te paresse
più di un terzo di QRS.

Se ST si dà le arie
vuol stappar le coronarie
ma se invece scende giù
puoi gestirlo pure tu:
dosa un po’ la digitale
e fai un eco parietale.

L’onda T ti dà ischemia
se si inverte in simmetria
ma se scende lentamente
e risal rapidamente
te lo dice anche mia zia
questa è solo ipertrofia.

L’onda T va in alto e in basso
col variare del potassio
e il QT va in qua e in là
quando il calcio varierà.
stai attento, questi ioni
fan girar molto i….oni.

Con Luciani e Wenchebà
il P-R allungherà
fino a quando l’onda P
resta sola lì per lì;
cosa dire, cosa fare:
forse è meglio lasciar stare.

Se il P-R resta uguale
ma la P si blocca è male.
2 a 1, 3 a 1
non ce n’è più per nessuno
questo cuore fa le sue
con il blocco Mobitz due.

Quando l’atrio batte a ottanta
e il ventricolo a quaranta
datti subito da fare
c’è un pace maker da impiantare.
Aspettare è tempo perso
questo è un BAV di grado terzo!

Quando batte forte il cuore
spesso è colpa dell’amore
ma se P a P si lega
come fa il dente di sega
pensa svelto come il lampo:
“Questo è un flutter non c’è scampo!”

Quando batte forte il cuore
forse è colpa dell’amore
ma se batte irregolare
come grandine invernale
pensa: “Che frequenza arzilla!
Questo è un cuore che fibrilla!”

“Esse un, Qu tre, Ti tre”
puoi capirlo anche da te
con dispnea, tachicardia
ipossia e ipocapnia
c’è qualcuno che si duole
per un embolo al polmone.

Questa lunga filastrocca
mi farà sembrare tocca
ma se voglio refertare
non mi resta che rimare
e imparando ‘sto sonetto
son cardiologo perfetto!

Autrice: BARBARA CIVITELLI

NurseNews.eu

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Avezzano. Un “premio” sullo stipendio di oltre 35 mila euro per il raggiungimento degli obiettivi az [continua]

FUORI DAL COMPARTO Per tali motivi, questa Associazione non può più tacere su quanto qui esposto e p [continua]

Le riforme legislative che hanno interessato anche recentemente le professioni sanitarie (V. per ese [continua]

il personale di supporto, assunto per espletare e colmare un vuoto organico relativo all’assistenza [continua]