Correva l’anno 2010 quando il Consiglio Universitario Nazionale italiano (C.U.N.) presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in una sua mozione, del 22 giugno, metteva in evidenza che per “Master” si intende la traduzione letterale di “Laurea Magistrale” e, quindi, i corsi italiani fino ad allora definiti “Master di 1° e di 2° livello” altro non sono che «Corsi universitari di alta formazione scientifica e/o professionale» da non confondersi con la formazione magistrale.
Il corso di “master italiano”, meglio definito dal C.U.N. quale Corso di Alta Formazione, a differenza dei “Master” europei e come meglio specificato dal Q.T.I. (Quadro dei Titoli Italiani) non ha ordinamento didattico nazionale ed il titolo è rilasciato sotto la responsabilità autonoma del singolo istituto.


Piu’ di qualcuno potrebbe domandarsi cosa possa comportare tutto cio’… Ebbene, stando alla scelta miope dell’Italia di aderire al Patto di Bologna conferendo ai titoli di laurea il valore minimo, in termini di crediti formativi, previsto dall’accordo (180 ECTS – crediti formativi europei), con l’acquisizione delle cosiddette “competenze avanzate”, mediante frequenza di un Corso di Alta formazione da 60 ECTS, non vengono raggiunti i 300 ECTS della formazione magistrale conferiti ai possessori di Master europei.
Al fine di poter consentire agli Infermieri il raggiungimento dei 300 ECTS, in Italia, a seguito della tanto discussa riforma universitaria 3+2, è stato istituito il “corso di laurea magistrale in scienze infermieristiche ed ostetriche”, il quale, peraltro, non trova alcun corrispettivo europeo!
La lungimirante dirigenza dell’ infermieristica spagnola, preso atto di quanto sopra ed al fine di evitare il mancato riconoscimento delle competenze avanzate degli infermieri spagnoli nel contesto europeo, in linea con le direttive del Patto di Bologna, ha deciso di istituire i corsi di Laurea quadriennali in infermieristica (che conferiscono 240 ECTS) e mediate Master da 60 ECTS (stavolta da considerare vere e proprie Lauree Magistrali nello spazio UE) ha consentito il raggiungimento dei fantomatici 300 ECTS dell’Infermieristica magistrale e specialistica.
Tale situazione dovrebbe far riflettere gli infermieri italiani, non tanto perchè con il conseguimento del cosiddetto Master di 1° livello (60 ECTS) raggiungerebbero solamente 240 ECTS (equivalenti alla laurea quadriennale degli infermieri spagnoli privi di competenze avanzate) ma soprattutto perche’ l’infermiere spagnolo, avendo 240 ECTS, qualora volesse conseguire il Master in Italia, raggiungerebbe i 300 ECTS del cosiddetto infermiere magistralista italiano..
Preso atto che il livello di formazione e’ direttamente correlato al numero ECTS conseguiti, la questione succitata e’ veramente il paradosso dei paradossi: con i “master italiani” gli infermieri spagnoli raggiungono la formazione magistrale mentre gli infermieri italiani, conseguendo il medesimo master, raggiungono a malapena i crediti universitari europei dell’infermiere generalista spagnolo!

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione