direttore E’ Flavio Paoletti, presidente del Collegio Ipasvi di Trieste e revisore dei conti della Federazione nazionale Ipasvi. Lo ha nominato l’Azienda sanitaria n.° 1 Triestina. Il neo manager ha firmato un contratto privato, identico a quello dei direttori sanitari e amministrativi.

23 LUG – E’ Flavio Paoletti, presidente del collegio Ipasvi di Trieste e revisore dei Conti della Federazione nazionale IPASVI, il primo coordinatore (direttore) sociosanitario–infermiere italiano. Lo ha nominato lunedì scorso, 20 luglio, l’Azienda per l’assistenza sanitaria n. 1 Triestina. Il neo manager, Flavio Paoletti, ha firmato il suo contratto privato, identico a quello dei direttori sanitari e amministrativi e quindi con gli stessi diritti e doveri dei contratti sottoscritti dai professionisti altri, non infermieri. La sua figura professionale fa parte della direzione strategica dell’azienda sanitaria che prevede i ruoli del direttore generale, del direttore sanitario e del direttore amministrativo, oltre quello del coordinatore sociosanitario che in altre Regioni si chiama direttore sociosanitario.

I suoi compiti, secondo quanto specificato nella delibera di nomina, sono di coadiuvare il direttore generale nel governo dell’azienda svolgendo attività di supporto per la programmazione e l’indirizzo delle attività sociosanitarie ed esercitando funzioni di promozione, raccordo e relazione interdistrettuale nelle stesse materie. L’ter di nomina seguito è lo stesso delle tradizionali figure apicali sanitarie: “Il coordinatore sociosanitario è nominato dal direttore generale, previo parere della Conferenza dei sindaci, ed è individuato preferibilmente tra il personale appartenente alla dirigenza degli enti del Servizio sanitario regionale o a quella dei servizi sociali dei Comuni, che abbia acquisito competenze o maturato esperienze per almeno cinque anni nei settori sociale o sociosanitario”.

Flavio Paoletti, responsabile della Struttura semplice Servizio Infermieristico del Distretto sanitario n. 4 dell’azienda triestina, è risultato in possesso dei requisiti formali e sostanziali richiesti dalla normativa regionale e nell’atto di nomina si sottolinea che ha “maturato notevole e specifica esperienza nei servizi territoriali, nei settori socioassistenziali e sociosanitari, oltre ad una formazione specifica nella loro organizzazione, così come peraltro attestato nei giudizi dei Collegi tecnici, agli atti della competente Struttura Gestione e Valorizzazione del Personale”.

“La nomina di Paoletti a coordinatore sociosanitario – ha affermato il commissario straordinario dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n.1 Triestina, Nicola Delli Quadri – testimonia il grande impegno e l’elevata qualità del lavoro svolto in questi anni. La sanità triestina ha bisogno di potenziare e valorizzare l’assistenza sanitaria, soprattutto a livello territoriale: solo elevando la qualità dell’assistenza riusciremo a portare a compimento il progetto di territorializzazione del sistema sanitario, rendendo gli ospedali completamente dedicati alle fasi acute delle malattie e gestendo le cronicità a domicilio nel modo migliore, ovvero garantendo ai cittadini ammalati e in difficoltà le migliori cure, il massimo rispetto della persona, la tutela contro le difficoltà, e l’aiuto a superare il dolore. Il dott. Paoletti ha una visione moderna del sistema sanitario, e il suo apporto sarà indispensabile per progettare e gestire la rete di assistenza operativa che può e deve, concretamente e ogni giorno, migliorare la qualità della vita dei cittadini”.

Triestino, classe 1965, Paoletti ha una duplice laurea in Scienze Politiche (110/110 e lode Univ. Ts) e in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche presso l’Università degli Studi di Firenze). E’ inoltre diplomato in Dirigenza Infermieristica presso l’Università La Sapienza di Roma (50/50 e lode). Proprio Paoletti aveva partecipato nella fase di avvio e di consolidamento – si legge nei documenti di nomina – “allo sviluppo dell’attività dei distretti, fornendo un concreto apporto funzionale e organizzativo per l’attuale raggiungimento dei livelli di efficacia dimostrati da dette articolazioni aziendali”. La nomina non è solo un riconoscimento alla persona, ma testimonia la crescita professionale della categoria infermieristica e certifica nei fatti l’evoluzione della professione che raggiunge così le vette non solo nel settore dell’assistenza, ma anche del management sociosanitario.

Fonte
Quotidianosanita.it

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Il tributo all’infermiera donatrici di organi È stato un addio speciale e toccante quello che oltre [continua]

Via i codici a colori nel triage, arrivano i numeri: da 1 (il più grave) a 5. Attesa massima di 8 or [continua]

Chi sono gli ‘‘outlier’‘, quelli che sopravvivono al cancro Gli appassionati di fumetti conoscono be [continua]

Con l’estate cresce la voglia di sole, ma si sa che un’esposizione esagerata può danneggiare la pell [continua]

Un eccezionale intervento di Neuroradiologia interventistica neurovascolare all’encefalo è stato eff [continua]