La prima volta che gli infermieri sono venute alla Casa Bianca per leggere ad alta voce i nomi degli operatori sanitari che sono morti combattendo la pandemia di coronavirus , c’erano 45 nomi nella loro lista.

Giovedì gli infermieri sono tornati, In sole due settimane, la loro lista era quasi raddoppiata.

Prima di leggere i nomi, prima di rivolgersi a un piccolo gruppo di giornalisti che si erano radunati per ascoltarli, gli infermieri hanno allineato la passerella di mattoni rossi che attraversa Lafayette Square con scarpe bianche vuote. Scarpe da infermiere.

“Ti chiediamo di immaginare gli infermieri che avrebbe camminato con queste scarpe”, ha detto Stephanie Sims, un’infermiera registrata del distretto. “Sappi che queste scarpe sono sinonimo di qualcuno che si è svegliato al mattino – o forse nel pomeriggio o nel cuore della notte – che si è tirato su lo scrub, ha salutato i propri figli o altri cari e si è recato al lavoro, sapendo che stavano camminando in pericolo. ”

La protesta, organizzata da National Nurses United, il più grande sindacato di infermieri del paese, è stata la seconda in altrettante settimane a rivolgersi alla Casa Bianca.

Di fronte alla Casa Bianca, le infermiere leggono i nomi dei colleghi uccisi dal coronavirus

Gli infermieri presenti hanno affermato di essere stati lì per onorare i loro colleghi in occasione della Settimana nazionale degli infermieri e di presentare ai legislatori i loro continui motivi per ulteriori dispositivi di protezione.

Più di 9.000 operatori sanitari negli Stati Uniti sono risultati positivi per il nuovo coronavirus, secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention. Questi numeri sono da ritenersi una sottostima di infezioni a causa di una mancanza di prove o barriere per ottenere testato in molte aree.

Per settimane, i fornitori di assistenza sanitaria in ospedali , cliniche, case di cura, strutture per la vita assistita e centri di riabilitazione hanno implorato le agenzie governative di fornire loro dispositivi di protezione – tra cui maschere respiratori N95, schermi facciali e abiti. Gli infermieri hanno affermato che questa attrezzatura può fare la differenza tra la vita e la morte per gli operatori sanitari, così come i loro pazienti vulnerabili.

“Quante di queste infermiere hanno lavorato negli ospedali a lungo sui pazienti ma a corto di respiratori N95?” Chiese Sims. “Quante di queste infermiere hanno fallito con protocolli caotici e casuali che le hanno rese vulnerabili all’esposizione e alla malattia? Quante di queste infermiere sono morte perché questa amministrazione, questo Congresso, i nostri funzionari eletti, le nostre agenzie governative non sono riusciti ad agire, a guidarli e a proteggerli? ”

Un altro gruppo di infermiere si era radunato alla Casa Bianca il giorno prima su invito del presidente Trump. Gli infermieri in camice bianco si sono riuniti per le foto con il presidente e hanno descritto le condizioni nelle strutture in cui lavorano.

“Quindi, i DPI sono stati sporadici”, ha detto Sophia L. Thomas, un’infermiera di New Orleans e presidente dell’American Association of Nurse Practitioners. “Ma è stato gestibile e facciamo ciò che dobbiamo fare. Siamo infermieri e impariamo ad adattarci “.

le infermiere che si sono radunate per manifestare fuori dalla Casa Bianca hanno detto che Thomas aveva ragione la prima volta. Sims ha affermato che gli infermieri in tutto il paese non hanno abbastanza attrezzature per svolgere il loro lavoro in sicurezza – e in molte giurisdizioni, inclusa la capitale della nazione, il numero di infezioni da coronavirus ha continuato a salire.

Ma i manifestanti non attribuivano la colpa solo al presidente. Hanno chiesto perché il Congresso e le agenzie federali non avessero fatto di più per garantire la sicurezza dei lavoratori in prima linea.

Il mese scorso, National Nurses United ha presentato una petizione all’Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro per istituire uno standard di sicurezza di emergenza che fornisse agli infermieri un equipaggiamento più protettivo, comprese le maschere respiratorie N95, che filtrano minuscole particelle in modo efficace per tenere fuori il coronavirus.

Operatori sanitari, legislatori statali e gruppi di attivisti hanno chiesto per settimane a Trump di imporre la legge sulla produzione della difesa per ordinare la produzione in serie di tali materiali. Molti hanno anche presentato una petizione al Congresso per forzare la mano del presidente e costringere Trump a usare la sua autorità per imporre la produzione di tali attrezzi.

“Ogni infermiere, ad ogni turno, in ogni ospedale si mette in pericolo durante questa pandemia”, ha detto Sims. “È tempo che il Paese si faccia avanti e li protegga mentre lottano per proteggerci”.

Washingtonpost.com

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione