Pronto soccorso chiuso di notte: per l’emergenza c’è il pulsante Sos
I punti di primo intervento di Casoli e Gissi destinati a restare aperti solo di giorno. La Asl: ma non sostituiscono il 118 e la guardia medica in servizio 24 ore su 24

CASOLI. Due colonnine “Sos”, per mettersi in contatto con il 118, sono comparse venerdì all’esterno degli ex ospedali di Casoli e Gissi. Una presenza che ha destato non poco allarme, tra sindaci e utenti dei due ex presidi sanitari prima di tutto. Allarme di cui si fa portavoce il consigliere regionale Mauro Febbo (FI). «Colonnine SOS installate presso gli ospedali di Gissi e Casoli che sostituiscono il personale sanitario del 118 nelle ore notturne e nei giorni festivi», sostiene Febbo che tuona: «Ecco la vergognosa e inqualificabile rivoluzione della sanità abruzzese portata avanti da D’Alfonso e dall’assessore Paolucci nelle aree interne del nostro Abruzzo».

In realtà le cose non stannocosì. Prima di tutto il servizio 118 è attivo 24 ore su 24 e tale rimarrà. A subire, probabilmente, un ridimensionamento sarà il Punto di primo intervento (Ppi) sia di Casoli che di Gissi, il quale passerà a lavorare solo 12 ore al giorno, quindi chiuso nelle ore notturne. Nei due ex ospedali rimarranno attivi, 24 ore al giorno, 118 e continuità assistenziale (ovvero la guardia medica). «Nel caso un utente si recasse nei due presidi e non trovasse presenti né guardia medica né 118, perché impegnati in altri interventi», spiegano dalla Asl, «a quel punto pigiando il bottone sarebbe in contatto direttamente con il 118». Che darà le opportune indicazioni o invierà l’ambulanza più vicina e a disposizione. Ma l’eventuale ridimensionamento dei Ppi sarà deciso nella riunione, in programma a fine luglio, del Comitato regionale emergenza urgenza come adempimento per quei Punti di primo soccorso che effettuano meno di seimila accessi l’anno (sarebbe il caso di Casoli e Gissi). «Febbo rasenta il procurato allarme, chieda scusa», è la replica a brutto muso dell’assessore alla sanità Silvio Paolucci, «voglio ricordare al consigliere Febbo che la nostra maggioranza ha promosso una riorganizzazione credibile della sanità regionale: siamo stati noi ad aver fatto uscire l’Abruzzo dal commissariamento, noi abbiamo trovato le risorse e programmato davvero la costruzione e l’ammodernamento degli ospedali e acquistato strumenti all’avanguardia per la diagnostica e per la prevenzione. È stato il centrodestra, con le sue politiche scellerate, a determinare la chiusura dei presidi ospedalieri di Casoli e Gissi, a cancellare i fondi previsti per la diagnostica e la prevenzione e a smembrare gli ospedali di Vasto e Lanciano. Febbo, invece, dopo aver nascosto tutto, oggi si limita a generare allarmismi, o meglio, a costruire “marketing negativo” sulla sanità pubblica».

Alfio Stiro

Fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione